Home Coronavirus Il sistema medico lotta con il trattamento delle malattie cardiache causate dai...

Il sistema medico lotta con il trattamento delle malattie cardiache causate dai vaccini COVID

0

Una delle più prestigiose riviste mediche che si occupano di malattie cardiache, il  Journal of the American Heart Association  (JAHA), ha pubblicato questo mese due nuovi articoli che trattano di come rilevare e trattare le malattie cardiache indotte dal vaccino COVID-19 (miocardite, pericardite e miopericardite). Sono:

Miocardite autoimmune acuta innescata da vaccino: definizione, rilevamento e gestione di una condizione apparentemente nuova

Miocardite dopo la vaccinazione COVID-19 in pediatria: un percorso proposto per il triage e il trattamento

Le riviste mediche generalmente non sono scritte per il pubblico, ma per medici e altri professionisti medici, quindi non ne sentirete parlare nelle notizie che sono fortemente sponsorizzate dalle case farmaceutiche che producono i vaccini COVID e non vorrebbero il pubblico in generale per avere queste informazioni.

Gli studi pubblicati dalla JAHA ammettono una situazione difficile nel trattamento di quella che chiamano una “nuova” malattia cardiaca causata dai vaccini COVID-19 senza alimentare “l’esitazione vaccinale” che ridurrebbe il numero di persone che ricevono i vaccini COVID-19.

Ammettere il contrario, significherebbe ammettere che questi vaccini sono una truffa totale.

Tra le malattie sconosciute apparentemente infinite che l’era del COVID ha portato c’è la nuova malattia cardiaca identificata in questo numero del Journal of the American Heart Association ( JAHA) come “miocardite post vaccinazione COVID-19”, altrove come “miocardite post-vaccino” e forse in futuro sulla falsariga di “miocardite autoimmune acuta provocata dal vaccino, autolimitante”. Questa complicanza potenzialmente grave è stata associata a gravi danni, probabilmente soprattutto attraverso la promozione dell’esitazione al vaccino, un altro meccanismo complesso alla base del danno mediato da COVID19. ( Fonte .)

Quindi il fatto che JAHA debba anche affrontare questo problema e fornire una guida ai fornitori di servizi medici su come rilevare e trattare queste nuove “nuove” malattie cardiache indotte dai vaccini, dimostra che questi vaccini causano danni, specialmente tra i giovani maschi.

Il fatto che la JAHA stia anche affrontando questo problema è davvero sbalorditivo, perché stanno sostanzialmente ammettendo che si tratta di un problema molto reale e molto serio e che sono stati totalmente impreparati su come rilevare e trattare questi casi di patologie cardiache indotte dal vaccino.

Cercano di ridurre al minimo il vero pericolo affermando che coloro che sono stati colpiti da queste forme di malattie cardiache sono stati per lo più curati e rimandati a casa senza conseguenze.

La stragrande maggioranza di questi pazienti si è ripresa clinicamente ed è stata dimessa a casa entro 10 giorni o meno senza evidenza ecocardiografica residua di disfunzione cardiaca significativa.

Ma ecco l’elefante nella stanza a cui nessuno vuole rivolgersi: NESSUNO sa quali siano gli effetti a lungo termine di questi problemi cardiaci indotti dal vaccino COVID-19.

Questi pazienti sono ora sottoposti a un attento follow-up cardiologico ambulatoriale e test per capire se ci sono sequele significative di lunga durata. Il CDC sta anche studiando gli effetti a lungo termine della miocardite associata alla vaccinazione COVID-19 attraverso sondaggi tra pazienti e operatori sanitari. ( Fonte .)

Per ottenere studi come questo pubblicati su prestigiose riviste mediche, gli autori devono ripetere a pappagallo il mantra del CDC che tutti questi casi sono “rari”. Ma il fatto che debbano affrontare i problemi delle malattie cardiache indotte dal vaccino e come rilevarle e trattarle, contraddice la convinzione che questi casi siano “rari”.

Dal momento che non sono vincolato dai finanziamenti o dall’occupazione di Big Pharma, condividerò i dati che il governo ha raccolto nel suo  sistema di segnalazione degli eventi avversi sui vaccini  (VAERS) che suggerisce fortemente che questi casi non sono rari, ma epidemici. Queste sono le informazioni che appaiono raramente in questi studi e non appaiono MAI nei media mainstream.

Ho preso le tre forme di malattie cardiache a cui ha fatto riferimento JAHA, che sono miocardite, pericardite e miopericardite, e ho cercato queste tre forme in VAERS in seguito ai vaccini COVID-19. La ricerca ha trovato quasi 25.000 casi, con 381 decessi, 1.145 disabilità permanenti, oltre 5000 visite al pronto soccorso e quasi 13.000 ricoveri. ( Fonte .)

Al contrario, utilizzando gli stessi identici termini di ricerca per tutti i vaccini approvati dalla FDA negli ultimi 30+ anni prima che i vaccini COVID ricevessero l’autorizzazione all’uso di emergenza nel dicembre del 2020, otteniamo i seguenti risultati ( fonte ):

Quindi, in 30 anni di precedenti vaccinazioni, 86 decessi legati a queste tre forme di malattie cardiache sono stati segnalati al VAERS, ovvero meno di 3 all’anno, ma per un solo anno, il 2021, sono stati 244. ( Fonte .)

Si tratta di un aumento dell’8.411% dei decessi dovuti a malattie cardiache in seguito ai vaccini sperimentali COVID-19 rispetto a TUTTI i vaccini degli ultimi 30 anni.

Approfondimenti:

NON è “RARO!”

Tieni presente che si stima che meno dell’1% di tutti i danni da vaccino siano segnalati al VAERS. ( Fonte .)

Questo è un crimine in cui le persone dovrebbero essere perseguite, processate e, se condannate, giustiziate pubblicamente. Perché se questi dati fossero condivisi con il pubblico, la maggior parte delle persone preferirebbe senza dubbio rischiare di contrarre il COVID piuttosto che rischiare di morire o essere disabili a causa di malattie cardiache, soprattutto quando si tratta di bambini e giovani adulti.

Ma ciò danneggerebbe le vendite di vaccini, e quindi la maggior parte del pubblico rimane ignorante sui dati effettivi.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleTruffe online: ecco le 5 più comuni
Next articleCome un’università, i suoi principali finanziatori e un giornale hanno ucciso una ricerca affidabile sulla tossicità dei coadiuvanti dell’alluminio nei vaccini