Home Senza categoria IL TRADIMENTO NEI SERVIZI SEGRETI RUSSI

IL TRADIMENTO NEI SERVIZI SEGRETI RUSSI

0

Ricorderete come il capo del quinto servizio dell’FSB, il colonnello generale Serghèi Besèda, è stato mandato agli arresti domiciliari un mese fa per il presunto fallimento nel raggiungimento degli obiettivi nella delicata situazione in Ucraina.

Il motivo ufficiale degli arresti domiciliari per Serghèi Besèda è stato lo spreco di fondi stanziati per il lavoro operativo in Ucraina.

Il British Times ha dato vita a un articolo estremamente curioso secondo cui il generale non era più agli arresti domiciliari. È stato imprigionato a Lèfortovo la scorsa settimana e le accuse ora sono molto più gravi della normale corruzione.

Il colonnello generale dell’FSB, il vice Bòrtnikov è sospettato di lavorare per la CIA. I servizi di intelligence statunitensi disponevano di dati troppo accurati sui dettagli dell’imminente invasione russa dell’Ucraina.         

In particolare, ricordiamo lo sbarco di fuoco a Gostomel, vicino a Kiev, il primo giorno di guerra. Sbarco in cui letteralmente sono tutti morti.

Ricorderete anche il convoglio con veicoli blindati e personale che è stato attirato nel centro di Kharkov nella piazza centrale della città il secondo giorno dell’operazione speciale. Furono tutti fucilati come in un poligono di tiro.

I dettagli di tutti i piani offensivi sarebbero stati noti in anticipo alla CIA, alla SBU e alle forze armate ucraine.

Inoltre, la SBU ha neutralizzato molto rapidamente quasi tutti gli agenti dell’FSB in Ucraina subito dopo l’inizio dell’operazione speciale. Dall’inizio dell’operazione non è stata attivata una sola cellula del sottosuolo, da anni predisposta. Tutti furono immediatamente distrutti o arrestati. Questo spiega un così clamoroso fallimento di questa operazione militare.

Insieme al generale, dall’inizio dell’operazione speciale sono stati indagati altri 150 ufficiali dell’FSB. Tutti sono sospettati di tradimento.

———————

Cosa hanno scritto i media ucraini:

“È noto che il 5° servizio dell’FSB della Federazione Russa comprende il Dipartimento delle informazioni operative, che svolge le funzioni di intelligence straniera. L’organismo è anche responsabile del mantenimento della sfera di influenza russa nello spazio post-sovietico. In particolare, gli addetti ai servizi hanno fornito al capo del Cremlino, Vladimir Putin, dati sulla situazione socio-politica in Ucraina alla vigilia dell’invasione russa.

 Dal 20 al 21 febbraio 2014, Beséda era a Kiev, presumibilmente per la questione della protezione delle missioni diplomatiche russe in Ucraina. Cercò un incontro con l’allora presidente dell’Ucraina Viktor Yanukòvich, ma l’incontro non ebbe poi luogo. Successivamente, il ministero degli Esteri ucraino si è rivolto alla Russia con la richiesta di chiarire i motivi della permanenza di Beseda in Ucraina dal 20 al 21 febbraio 2014. Dal 26 luglio 2014 Beseda è stato incluso nell’elenco dei sanzionati dell’UE.

Ricordiamo, i media hanno scritto che Beseda è stato accusato di fornire false informazioni sulla situazione in Ucraina e appropriazione indebita di fondi stanziati per la rete di intelligence russa nel paese.

Il capo del 5° servizio, il suo vice e il capo del Dipartimento per l’informazione operativa sono stati arrestati l’11 marzo su ordine di Putin. In precedenza, è stato anche riferito della detenzione del vice capo della Guardia russa, il generale Gavrìlov. Secondo i dati preliminari, il motivo della sua detenzione era “la fuga di informazioni militari, con la conseguente morte di molte persone”

Di Elena R.

Previous articleL’ULTIMA FALSE FLAG: L’ATTACCO NUCLEARE RUSSO IN UCRAINA
Next articleUNA PANDEMIA DI ALLERGIE. STIAMO AVVELENANDO I NOSTRI BAMBINI?
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.