Database Italia

Il Tribunale Di Norimberga: 75 Anni Dopo E’ Ancora La Base Per La Sopravvivenza Dell’umanità

“I torti che cerchiamo di condannare e punire sono stati così calcolati, così maligni e così devastanti, che la civiltà non può tollerare che vengano ignorati perché non può sopravvivere al loro ripetersi. Il fatto che quattro grandi nazioni, arrossate dalla vittoria e ferite, trattengano la mano della vendetta e sottomettano volontariamente i loro prigionieri al giudizio della legge, è uno dei tributi più significativi che il Potere abbia mai pagato alla ragione “.

-Justice Robert Jackson, 21 novembre 1945

Si dimentica spesso che tipo di battaglia sia avvenuta dopo la seconda guerra mondiale per stabilire i processi di Norimberga che hanno dato al mondo un codice di diritto rivoluzionario che ancora oggi offre molti dei rimedi ai nodi gordiani che bloccano la nostra strada verso un futuro pacifico. Alla fine della guerra, molti leader europei delle nazioni alleate desideravano semplicemente mettere i nazisti contro un muro per affrontare un plotone di esecuzione e tornare al “business as usual”.

E’ stato solo attraverso gli intensi sforzi del presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt e dei suoi principali alleati sia negli Stati Uniti che in Russia che è stata decisa una diversa linea di condotta e un tribunale internazionale ufficiale è stato approvato generando un cambiamento di paradigma legale totale nel diritto internazionale che è stato dato troppo facilmente per scontato (a causa soprattutto della mancanza di effetto che queste leggi hanno avuto sulla pratica del secondo dopoguerra).

Tra quelle riforme rivoluzionarie c’era il mandato senza precedenti per cui le guerre di aggressione sarebbero state da quel momento in poi illegali agli occhi della legge. La tendenza di quei funzionari superiori che eseguono ordini disumani a sfuggire alla responsabilità delle loro azioni o omissioni di azioni corrette sono state ritenute difese insufficienti in base al principio morale più elevato di “conosciuto o dovuto sapere”.

L’assunto alla base di queste leggi di Norimberga è: 1) “il potere non fa bene” nonostante ciò che generazioni di hobbesiani e nieschiani hanno scelto di credere e 2) che ogni individuo è responsabile delle proprie decisioni basate non sugli standard arbitrari di qualunque società degenerata in cui essi vivono ma piuttosto sulla fede nei poteri intrinseci della ragione e della coscienza a cui tutti gli esseri umani hanno accesso e sono obbligati a guidare le proprie azioni nella vita.

I filosofi nazisti e i giuristi della corona come Martin Heidegger e Carl Schmidt, i cui pensieri sono penetrati nello zeitgeist occidentale negli ultimi 70 anni, troverebbero ovviamente tali concetti ripugnanti e deplorevoli.

Il fatto che il “mondo libero” abbia ignorato questi fondamenti del diritto internazionale non ha cambiato il fatto che siano ancora veri.

Oggi, molti di quei potenti ideologi unipolari che hanno gestito la disastrosa Guerra Fredda e l’ambiente geopolitico post-Guerra Fredda hanno tentato di cancellare i precedenti di Norimberga con atrocità come la Corte penale internazionale di Soros e la dottrina della “Responsabilità di proteggere” (R2P) in difesa delle “guerre umanitarie” come si è visto in Bosnia, Iraq, Afghanistan, Libia e Siria negli ultimi anni. L’inquietante ascesa della difesa unipolare della R2P dilagante tra la classe dirigente britannica come Lord Mark Malloch Brown , Tony Blair e tutti i globalisti dell’era Obama che circondano Biden rendono le recenti osservazioni di Vladimir Putin e Sergey Lavrov alla conferenza del 75 ° anniversario di Mosca che celebra l’inizio del Processi di Norimberga molto più importanti.

Putin e Lavrov celebrano il 75 °  anniversario dei processi di Norimberga

A questo evento, Putin ha  ricordato ai partecipanti  l’importanza dei tribunali storici che si sono svolti dal 21 novembre 1945 all’ottobre 1946, dicendo:

“Facciamo costantemente riferimento alle lezioni dei Processi di Norimberga; comprendiamo la loro importanza per difendere le verità della memoria storica, per fare un caso fondato e solido contro distorsioni deliberate e falsificazioni degli eventi della seconda guerra mondiale, in particolare i tentativi spudorati e ingannevoli di riabilitare e persino glorificare i criminali nazisti e i loro accessori … è dovere dell’intera comunità internazionale salvaguardare le decisioni del Processo di Norimberga, perché riguardano i principi che stanno alla base dei valori dell’ordine mondiale del dopoguerra e le norme del diritto internazionale “.

Le osservazioni di Putin sono  state amplificate da Sergey Lavrov  che ha elaborato il nuovo paradigma legale creato a Norimberga che fornisce un’ovvia cura per l’ascesa del revisionismo della seconda guerra mondiale, l’igiene del nazismo in Ucraina e oltre, nonché la rinascita di molte delle pratiche che hanno reso il nazismo un minaccia virale per l’umanità.

“I processi di Norimberga, un esempio di giustizia penale internazionale, hanno dimostrato che la giustizia può essere raggiunta con un approccio professionale basato su un’ampia cooperazione interstatale, consenso e rispetto reciproco. Chiaramente, l’eredità del Tribunale di Norimberga non si limita alla legge, ma ha un enorme valore politico, morale ed educativo. 75 anni fa è stata fatta una forte vaccinazione contro la rinascita del nazismo in tutte le sue forme e manifestazioni. Sfortunatamente, l’immunità alla peste bruna che è stata sviluppata a Norimberga è seriamente esaurita in alcuni paesi europei. La Russia continuerà a opporsi con forza e coerenza a qualsiasi tentativo di falsificare la storia, di glorificare i criminali nazisti ei loro scagnozzi e di opporsi alla revisione degli esiti riconosciuti a livello internazionale della seconda guerra mondiale, comprese le sentenze di Norimberga “.

Allora, cosa è successo a Norimberga?

Tra le ceneri della seconda guerra mondiale,  fu combattuta una grande battaglia  tra quelle forze dello stato profondo che avevano finanziato il fascismo come una “soluzione ai mali della grande depressione” contro quei veri patrioti che capirono che il tessuto stesso dell’impero e dei suoi associati finanziari, culturali e il paradigma legale doveva essere distrutto e sostituito con un paradigma più consono alla civiltà umana.

Tra i principali rappresentanti delle forze patriottiche fedeli alla visione anti-coloniale di FDR c’era un uomo che è stato quasi perso nella storia di nome Robert H. Jackson (1892-1954). Jackson sarebbe stato il più fidato consulente legale di Franklin Roosevelt che per primo si è fatto un nome lavorando a stretto contatto con  Ferdinand Pecora nel perseguire dozzine di finanzieri di alto livello di Wall Street e industriali filo-fascisti  che hanno orchestrato la depressione del 1929 e il successivo colpo di stato e tentativi di assassinio contro FDR nel 1933-1934. Dopo essersi dimostrato in combattimento, Jackson divenne procuratore generale degli Stati Uniti (1938-1940), procuratore generale (1940-41) e membro di spicco della Corte Suprema dal 1941 fino alla sua morte nel 1954.

Sapendo che il colpo del Deep State che ha spodestato il vicepresidente Henry Wallace e imposto lo strumento anglofilo Harry Truman agli Stati Uniti potrebbe distruggere le speranze di un ordine di cooperazione pacifica post-seconda guerra mondiale, come delineato dalla Carta delle Nazioni Unite, il giudice Jackson ha preso l’iniziativa e organizzato i Tribunali di Norimberga pronunciando il discorso di apertura il 21 novembre 1945:

Uno dei motivi principali alla base delle udienze è stata l’intenzione di dare un significato e un’azione legale agli ideali universali convogliati nella  Carta delle Nazioni Unite.  Questa carta racchiudeva i principi che FDR e Henry Wallace  delineavano ripetutamente nelle Quattro libertà . Queste libertà affermavano che tutta l’umanità, indipendentemente da razza, sesso, credo o nazionalità: 1) avrebbe la libertà dal bisogno, 2) la libertà di adorare secondo la propria coscienza, 3) la libertà dalla paura e 4) la libertà di parola. Se il diritto internazionale potesse tollerare le guerre di aggressione, o se l’abdicazione di responsabilità per i propri atti criminali potesse essere tollerata sulla base del “Stavo solo eseguendo gli ordini“, allora la Carta delle Nazioni Unite potrebbe avere poco peso.

Come scrisse Jackson nel suo rapporto dell’estate 1945 al presidente che giustificava la creazione del Tribunale di Norimberga:

“Proponiamo quindi di accusare che una guerra di aggressione è un crimine e che il diritto internazionale moderno ha abolito la difesa che coloro che la incitano o la intraprendano siano impegnati in affari legittimi. Pertanto, possano le forze della legge essere mobilitate dalla parte della pace “.

Nel corso degli 11 mesi di procedimento, non solo sono stati processati membri di primo piano, generali, avvocati e altri alti funzionari, ma gli aspetti più profondi della legge naturale contro la “legge del più forte” nietscheana sono stati indagati con rigore platonico come stabilito nel brillante film pluripremiato Judgment at Nuremberg (1960).

A causa della leadership del giudice Jackson, il trattamento dell’INTENZIONE e della cospirazione è stato reso l’obiettivo principale nel perseguimento della giustizia e nella causa della colpa criminale. Questo non era un approccio popolare allora o oggi per il semplice fatto che il nostro mondo è modellato da molte forze dall’alto verso il basso che vogliono che le menti delle loro vittime rimangano intrappolate per sempre nel mondo materiale dal basso verso l’alto della logica deduttiva / induttiva dove intenzioni e idee causali immateriali non potranno mai essere trovate. Per chiunque desideri perseguire ulteriormente questa fruttuosa linea di pensiero, suggerisco di leggere  Eureka di Edgar Allan Poe.

Quando si adotta il punto di vista che le intenzioni e le cospirazioni (cioè: l’effetto delle intenzioni + le idee quando messe in atto) NON SONO una forza trainante della politica e della vita, allora perdiamo per sempre la nostra capacità di giudicare la verità in modo serio. Questa era la premessa filosofica del famoso finanziere nazista Hjalmar Schacht, il cui relativismo morale e freddi principi economici di calcolo giustificavano direttamente i campi di lavoro a basso costo in cui lavoravano milioni fino alla morte nello sforzo di produzione bellica tedesca. Questa stessa filosofia ha trovato di nuovo un terreno fertile nella società dei consumi post-1971 che ha ravvivato la logica della produzione di manodopera a basso costo sotto l’età della globalizzazione “il prezzo più basso è la legge”.

Citando Schacht che ha detto  “La verità è ogni storia che ha successo”, il  giudice Jackson ha scherzato  “Penso che puoi ottenere molti più successi, quando vuoi guidare qualcuno, se non gli dici la verità, che se gli dici la verità”.

Esponendo l’intenzione di principio del processo  al popolo americano, Jackson ha detto:

“Il buon senso dell’umanità esige che la legge non si fermi con la punizione di piccoli crimini da parte di piccole persone. Deve anche raggiungere uomini che possiedono un grande potere e ne fanno un uso deliberato e concertato per mettere in moto mali che non lasciano nessuna casa al mondo intatta….

“Il caso presentato dagli Stati Uniti riguarderà il cervello e l’autorità dietro tutti i crimini. Questi imputati erano uomini di rango e grado che non si sporcano le mani di sangue. Erano uomini che sapevano come usare le persone inferiori come strumenti. Vogliamo raggiungere i progettisti e i designer, gli incitatori e i leader….

“Non è lo scopo da parte mia di questo caso trattare i singoli crimini. Mi occupo del piano o del progetto comune per il crimine e non mi soffermerò sui singoli reati. Il mio compito è solo quello di mostrare la portata su cui si sono verificati questi crimini e di mostrare che questi sono gli uomini che erano nelle posizioni di responsabilità e che hanno concepito il piano e il progetto che li rende responsabili, indipendentemente dal fatto che il piano sia stato effettivamente eseguito dagli altri….

“La Carta riconosce che chi ha commesso atti criminali non può rifugiarsi negli ordini superiori né nella dottrina che i suoi crimini fossero atti di stato….

Oggi, il mondo si trova ancora una volta sull’orlo di un nuovo ordine mondiale e dell’emergere di un sistema di governo interamente modellato sullo stesso sistema operativo darwinista / nietscheano che diede origine al fascismo nella seconda guerra mondiale. La stessa negazione della verità universale che animava le menti di Schacht, Goebbels, Heidegger o Schmidt è diventata egemonica anche nel mondo accademico occidentale.

Pochissimi statisti hanno avuto il coraggio e l’intuizione di resistere a questo sistema unipolare di stati anti-nazione, ma tra quelli che lo hanno fatto abbiamo la fortuna di aver trovato l’attuale leader della Russia ei suoi alleati che in molti modi stanno giocando lo stesso ruolo storico interpretato 75 anni prima dal giudice Robert Jackson, Henry Wallace e dal presidente Roosevelt. Resta da vedere se il resto del mondo si sveglierà in tempo per riconoscere la superiorità dell’alleanza multipolare sull’ordine regressivo degli unipolaristi che ci portano minacciosamente verso la terza guerra mondiale.

Matthew Ehret  è l’Editor-in-Chief della  Canadian Patriot Review  , Senior Fellow presso l’American University di Mosca, BRI Expert on  Tactical talk , ed è autore di 3 volumi della  serie di libri “Untold History of Canada” . Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation con sede a Montreal  

Ti andrebbe di contribuire?
L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti. Dona tramite PayPal!



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.