Database Italia

Il vaccino orale dell’OMS scatena una nuova epidemia di poliomielite in Africa

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che una nuova epidemia di poliomielite in Sudan è collegata a un’epidemia in corso provocata da vaccini in Ciad, una settimana dopo che l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha dichiarato il continente africano libero dal virus della polio selvaggia.

In una dichiarazione di questa settimana, l’OMS ha dichiarato che due bambini in Sudan – uno dello stato del Darfur meridionale e l’altro dello stato di Gedarif, vicino al confine con l’Etiopia e l’Eritrea – sono rimasti paralizzati a marzo e aprile. Entrambi erano stati recentemente vaccinati contro la poliomielite. L’OMS ha affermato che le indagini iniziali sull’epidemia mostrano che i casi sono collegati a un’epidemia derivata da vaccini in corso in Ciad che è stata rilevata per la prima volta l’anno scorso e si sta ora diffondendo in Ciad e Camerun.

“C’è circolazione locale in Sudan e continua condivisione della trasmissione con il Ciad”, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite, aggiungendo che il sequenziamento genetico ha confermato numerose introduzioni del virus in Sudan dal Ciad.

L’OMS ha affermato di aver trovato 11 ulteriori casi di poliomielite derivati ​​dal vaccino in Sudan e che il virus era stato identificato anche in campioni ambientali. Di solito ci sono molti più casi non segnalati per ogni paziente confermato di poliomielite. La malattia altamente infettiva può diffondersi rapidamente in acque contaminate e il più delle volte colpisce i bambini sotto i 5 anni.

In rari casi, il virus della poliomielite vivo nel vaccino orale può mutare in una forma in grado di innescare nuovi focolai.

La scorsa settimana, l’OMS e i suoi partner hanno dichiarato che il continente africano era libero dal virus selvaggio della polio , definendola “una giornata incredibile ed emozionante”.

Lunedì, l’OMS ha avvertito che il rischio di un’ulteriore diffusione della poliomielite derivata dal vaccino nell’Africa centrale e nel Corno d’Africa è “alto”, sottolineando i movimenti della popolazione su larga scala nella regione.

Più di una dozzina di paesi africani stanno attualmente combattendo focolai di polio causati dal virus, tra cui Angola, Congo, Nigeria e Zambia.

In mezzo alla pandemia di coronavirus, molte delle campagne di vaccinazione su larga scala necessarie per eliminare la poliomielite sono state interrotte in tutta l’Africa e altrove, lasciando milioni di bambini vulnerabili alle infezioni.

Ad aprile, l’OMS ei suoi partner hanno raccomandato con riluttanza una sospensione temporanea delle campagne di immunizzazione di massa dalla polio, riconoscendo che la mossa potrebbe portare a una recrudescenza della malattia. A maggio, hanno riferito che 46 campagne per vaccinare i bambini contro la polio erano state sospese in 38 paesi, principalmente in Africa, a causa della pandemia di coronavirus.

Alcune delle campagne sono state recentemente riavviate, ma gli operatori sanitari devono vaccinare più del 90% dei bambini nei loro sforzi per sradicare la malattia paralitica.

I funzionari sanitari avevano inizialmente mirato a eliminare la polio entro il 2000, una scadenza ripetutamente rimandata e persa. La polio selvaggia rimane endemica in Afghanistan e Pakistan; entrambi i paesi stanno anche lottando per contenere i focolai di poliomielite derivata dal vaccino.

In Italia, il primo a parlare di questo pericolosissimo precedente taciuto da tutti i media Mainstream è il Dott. Paolo Bellavite.

Paolo Bellavite è nato a Verona il 9 aprile 1952. È medico chirurgo, specialista in ematologia, professore Associato di Patologia Generale presso
l’Università di Verona. Ha conseguito il Master in Biotecnologia presso l’Università di Cranfield (Inghilterra) e il diploma di perfezionamento in statistica sanitaria e epidemiologia medica presso l’Università di Verona. Una vita dedicata alla ricerca e all’insegnamento.

In un post su facebook che riportiamo integralmente.

Vaccino contro vaccino, non è più finita… L’OMS ha dichiarato che la polio è stata eliminata dalla regione africana. Bene! Con tanti complimenti ai governi ecc ecc. https://www.who.int/csr/don/01-september-2020-polio-sudan/en/?fbclid=IwAR1O-MxwsZaHIlayAI2gE3ylBriKqr76OGeWE90HlhGdt9Agji8yDCNptoE . Nel contempo, l’OMS dichiara che nel 2020 ci sono stati (o meglio: sono stati segnalati) finora un totale di 172 casi di paralisi flaccida causati dal virus del vaccino antipolio orale, ben più che negli anni precedenti, in 14 Paesi africani. L’OMS si dice preoccupata della possibile ampia diffusione del virus del vaccino mutato in senso patologico per trasmissione da persona a persona. Come contromisura, la OMS raccomanda agli africani di aumentare le coperture del vaccino antipolio e ai viaggiatori di vaccinarsi contro la polio (o rivaccinarsi, si sa mai che il primo vaccino sia inefficace o si sia persa l’immunità …, visto che è impossibile saperlo). In fondo, cosa volete che sia, un vaccino in più… fa sempre bene! Da notare che l’OMS in Africa non ha ancora sostituito i vaccini orali tipo Sabin (da noi non si fanno da 25 anni perché davano effetti avversi) con quelli inattivati. In sintesi: il vaccino antipolio ora serve solo per proteggersi dal virus mutato del vaccino, che invece si sta diffondendo. Prima vaccinazione al mondo contro malattia da vaccino. Non ricorda il cane che si morde la coda?



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.