CoronavirusEventi Avversi V.C.Salute

Il vaccino Pfizer Covid-19 distrugge le cellule T e indebolisce il sistema immunitario

Uno studio condotto dal Francis Crick Institute nel Regno Unito ha scoperto che il vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19 distrugge le cellule T e indebolisce il sistema immunitario. Nonostante ciò, le aziende farmaceutiche stanno cercando di iniettare alla popolazione una terza dose o una dose di richiamo per “impedire” che ciò accada.

Le cellule T sono cellule immunitarie in grado di colpire particelle estranee specifiche : sono più comunemente studiate in relazione alla loro capacità di combattere il cancro e le malattie infettive, ma sono anche essenziali per altri aspetti della risposta immunitaria del corpo.

Esistono due tipi di cellule T : cellule T killer e cellule T helper. Le cellule T killer attaccano le cellule che sono già state infettate da particelle estranee, mentre le cellule T helper aiutano altre cellule a sviluppare cellule killer e stimolano altre cellule a creare anticorpi neutralizzanti.

Leggi l’articolo: LA CATASTROFE ALLE PORTE. STUDIO SUL THE JOURNAL OF INFECTION: RISCHIO ALTO DI ADE PER I VACCINATI

Lo studio del Francis Crick Institute si è concentrato sugli anticorpi neutralizzanti creati dalle cellule T. Ha analizzato se il vaccino Pfizer aiuta le cellule T a creare abbastanza anticorpi per combattere il presunto Covid-19 e le varianti associate del virus.

Lo studio – condotto dal Francis Crick Institute in collaborazione con il British National Institute for Health Research – ha mostrato che il vaccino Pfizer Covid-19 ha prodotto meno anticorpi neutralizzanti contro Covid-19 e altre varianti.

Gli scienziati hanno analizzato gli anticorpi nel sangue di 250 persone sane che hanno ricevuto una o entrambe le dosi del vaccino Pfizer Covid-19 fino a tre mesi dopo la prima dose.

I ricercatori hanno utilizzato un test sviluppato dal Francis Crick Institute per capire la capacità degli anticorpi neutralizzanti di impedire l’ingresso delle varianti di Covid-19.

Lo studio ha rivelato che solo il 50% delle persone che hanno ricevuto una singola dose del vaccino Pfizer ha avuto una risposta anticorpale neutralizzante quantificabile contro la variante alfa di Covid-19. Inoltre, questo numero è sceso ad appena il 32% e il 25% rispettivamente per le varianti delta e beta.

Tra tutte le varianti, sono stati generati meno anticorpi quanto più vecchio era l’individuo che riceveva il vaccino e quelli con un sistema immunitario più debole. Considerando la capacità del vaccino di distruggere le cellule T e indebolire ulteriormente il sistema immunitario, vaccinarsi potrebbe causare danni a molte persone, specialmente a quelle che hanno un sistema immunitario compromesso.

Non è stata osservata alcuna correlazione per sesso o indice di massa corporea. I ricercatori stanno cercando di condurre ulteriori studi per verificare le capacità di altri vaccini, a cominciare dal vaccino Oxford-AstraZeneca.

David Bauer, capo del Bauer Lab del Francis Crick Institute, ha dichiarato: “Quindi, il messaggio chiave della nostra scoperta è che abbiamo scoperto che i destinatari del vaccino Pfizer, quelli che hanno ricevuto due dosi, hanno da cinque a sei volte quantità inferiori di anticorpi neutralizzanti.

Leggi anche: VACCINATI COVID, STUDIO SHOCK DA ISRAELE. “Alcuni hanno un Livello di Anticorpi 7 volte inferiore a…

“Ora, questi sono gli anticorpi di sicurezza privati, una sorta di gold standard, del tuo sistema immunitario che in primo luogo impediscono al virus di entrare nelle tue cellule. Quindi, abbiamo scoperto che è meno per le persone con due dosi. Abbiamo anche scoperto che per le persone con una sola dose di Pfizer è meno probabile che abbiano livelli elevati di questi anticorpi nel sangue».

Bauer ha suggerito che le persone dovrebbero ricevere dosi di richiamo dei vaccini Covid-19 invece di evitare del tutto le vaccinazioni. Inoltre, ha affermato che le persone anziane dovrebbero avere la priorità nella distribuzione dei vaccini di richiamo.

Leggi l’articolo: STUDIO SU PUBMED: “Nessun soggetto della sperimentazione farmacologica dispone di informazioni…

Bauer ha detto: “Forse la cosa più importante per tutti noi in futuro è che vediamo che più sei vecchio, più è probabile che i tuoi livelli siano bassi. E dal momento che hai avuto il tuo secondo vaccino, con il passare del tempo, è probabile che anche i tuoi livelli siano bassi”, ha detto. “Quindi, questo ci dice che probabilmente avremo bisogno di dare la priorità ai booster per le persone anziane e più vulnerabili.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Approfondimenti Pfizer

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
il ficcanaso

Non posso tacere e devo dirlo, signore/i questi argomenti sono programma scolastico di terza media e biennio superiori…L’istruzione è un concetto che va oltre il voto scolastico ovvero CAPIRE e RICORDARE, altrimenti essere andati a scuola non è servito a nulla, se poi girate con una mutanda in faccia e correte a farvi siringare.

Last edited 2 mesi fa by il ficcanaso
gabriele

indebolisce le cellule T, quindi è bene fare un richiamo che le indebolisca ancora di più?
Mi sembra una palese contraddizione.

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!