Home Deep State IL VATICANO MINACCIA I NON VACCINATI CON UN NUOVO EDITTO

IL VATICANO MINACCIA I NON VACCINATI CON UN NUOVO EDITTO

27
0

I quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio

Di seguito un articolo di Jules Gomes, tratto da ChurchMilitant.com, 21 Aprile 2022, che mostra incontrovertibilmente l’ipocrisia e la malafede di chi governa lo Stato Vaticano. Nonostante si conoscano oggi chiaramente gli effetti collaterali (molto spesso mortali) dei sieri genici anti-covid, in Vaticano si continua ad imporne la somministrazione anche a chi ha sviluppato l’immunità naturalmente, pena la perdita di ogni diritto civile. È chiaro che Bergoglio non è e mai sarà praesidens in caritate. La carità e l’inclusività valgono solo per alcuni, non per tutti! Con piena coscienza e deliberato consenso il vescovo argentino sembra continuare ad abusare della sua presunta autorità morale per indurre/obbligare molti alla vaccinazione (presunta istigazione al suicidio e favoreggiamento dell’aborto), defraudando chi lavora (nello Stato Vaticano) della giusta mercede e opprimendo chi non ha alcuna via d’uscita. Se a tutto ciò si aggiungono gli scandali sessuali di quei prelati chiamati dallo stesso Bergoglio ad amministrare la (ex) Città santa, che ne è allora della sede di Pietro? La desolazione dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio? Cosa non succederà quando verrà il tempo di bere la coppa dell’ira?

Il caso del card. Burke è significativo. Usare ancora e fino alla fine una fantomatica crisi sanitaria per osteggiare un nemico interno, un vero servo di Cristo, per portare avanti il progetto anticristico delle élite globaliste. In Vaticano, tutti, tranne Bergoglio, devono portare una mascherina FFP2, proprio come accade negli Stati sotto la direzione della bestia di Davos. Tutti, tranne Bergoglio, devono presentare il Vatican Green Pass, un lasciapassare più restrittivo di quello italiano, che, quanto a violazione del diritto naturale, costituisce il culmine dell’anomia.

Il dogma dell’infallibilità papale dovrebbe farci riflettere. Se si crede – come è giusto che sia per un cattolico – al dogma dell’infallibilità papale – cioè, «che il Romano Pontefice, quando parla ex cathedra, cioè quando esercita il suo supremo ufficio di Pastore e di Dottore di tutti i cristiani, e in forza del suo supremo potere Apostolico definisce una dottrina circa la fede e i costumi, vincola tutta la Chiesa, per la divina assistenza a lui promessa nella persona del beato Pietro, gode di quell’infallibilità con cui il divino Redentore volle fosse corredata la sua Chiesa nel definire la dottrina intorno alla fede e ai costumi» (Pastor Aeternus, 1870) – allora non possiamo non domandarci se Bergoglio sia effettivamente papa o altro. Immagine del buon Pastore, che conduce il gregge ai verdi pascoli, o il volto di Giuda che consegna il corpo di Cristo al Nemico?

Maranatha!

Come le élite governano il mondo Savini
Come-le-elite-governano-il-mondo

Di Jules Gomes

IL VATICANO MINACCIA I NON VACCINATI CON UN NUOVO EDITTO

CITTÀ DEL VATICANO (ChurchMilitant.com) – Il Vaticano ha pubblicato nuove regole che rafforzano l’uso del “Super Green Pass”, nonostante l’Italia abbia annunciato di aver messo fine alle principali restrizioni COVID-19 il 31 marzo.

Mercoledì, il secondo in comando di Papa Francesco, il card. Pietro Parolin, ha emesso un nuovo decreto che riafferma i precedenti ordini di emergenza e insiste sul fatto che il regime vaccinale del Vaticano continuerà a causa del perdurare della crisi del coronavirus.

Fonti hanno detto che il segretario di stato vaticano Parolin stava raddoppiando il mandato vaccinale della Santa Sede per salvare la faccia dopo che Church Militant ha pubblicato la storia del card. Parolin che è intervenuto personalmente per impedire al Cdl Raymond Burke di entrare in un dicastero vaticano. 

Il nuovo decreto prevede che la Gendarmeria Vaticana “attivi tutte le forme di verifica del rispetto dei requisiti sanitari senza pregiudizio”.

“La storia di Church Militant ha senza dubbio causato a Parolin un certo imbarazzo. Ora vuole dimostrare la sua imparzialità e mostrare che non stava prendendo di mira Burke personalmente”, ha detto una fonte vaticana.

“Quale altra spiegazione potrebbe esserci per emettere un nuovo decreto che, in ogni caso, scadrà tra soli 10 giorni? È ancora più sconcertante perché i decreti precedenti sono ancora in vigore e non sono stati annullati”, ha aggiunto la fonte.

Il decreto di Parolin si riferisce a un ordine del 30 marzo del presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano che estende tutte le restrizioni fino al 30 aprile per il personale e i visitatori della città-stato sovrana. 

Tuttavia, l’ordine del 30 marzo è stato pubblicato anche mercoledì, contemporaneamente al nuovo decreto, e non vi è alcuna menzione precedente di esso nelle pubblicazioni ufficiali del Vaticano – compreso il suo giornale, L’Osservatore Romano.

Le disposizioni dell’ordinanza del 30 marzo “si applicano a tutto il personale (superiori, funzionari e ausiliari) dei dicasteri, degli organismi e degli uffici della Curia romana e delle istituzioni collegate alla Santa Sede”.

Il Super Green Pass prevede che tutto il personale vaticano sia sottoposto a un doppio controllo e a un’amputazione. Quelli che sono guariti dalla COVID sono coperti per sei mesi.

Fonti della Congregazione per le Cause dei Santi hanno detto a Church Militant che Burke, membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, è stato fermato all’ingresso dell’edificio perché non possedeva un Green Pass.

Mentre Burke è stato tenuto in attesa alla porta, la sicurezza ha contattato le autorità a capo del dicastero che supervisiona il complesso processo di canonizzazione dei santi.

Il prefetto della congregazione è il card. Marcello Semeraro, uno dei consiglieri più fidati di Francesco. In ottobre, il papa ha conferito un cappello rosso all’ex vescovo di Albano – una settimana dopo averlo nominato prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, dove ha sostituito il caduto in disgrazia card. Angelo Becciu.

Fonti hanno confermato che c’è stata una telefonata dalla Congregazione per le Cause dei Santi all’ufficio di card. Parolin, e che Parolin aveva personalmente ordinato che a Burke fosse rifiutato l’ingresso nell’edificio.

 A Burke è stato anche rifiutato l’ingresso in altri uffici della Santa Sede – anche se il cardinale risiede in un appartamento all’interno del territorio sovrano dello Stato della Città del Vaticano.

“Burke ha fatto un solenne giuramento di obbedienza al Papa. Dove entra in gioco ‘obbedire al papa’? Francesco ha detto che dovremmo tutti fare il vaccino. Lo ha definito un atto d’amore. Ha lamentato la follia del rifiuto del card.Burke di fare il vaccino”, ha twittato mercoledì Mike Lewis, editore del blog liberale Where Peter Is.

“Non credi seriamente che l’obbedienza al papa includa lasciargli decidere quale medicina dobbiamo prendere?”, ha chiesto un commentatore.

Il governo italiano ha annunciato la fine del regime del Green Pass alla fine di aprile e toglierà tutte le restrizioni, comprese le coperture del viso per i luoghi chiusi e i trasporti pubblici, il 1° maggio.

A gennaio, Parolin ha appoggiato il vaccino della Pfizer, sostenendo che il gigante del jab ha usato “linee cellulari di feti abortiti solo nelle fasi preliminari dei test del vaccino in laboratorio” e che “nessuna linea cellulare di feti abortiti è inclusa né nella composizione né nella produzione“.  

“Pertanto, sembra che non volersi sottoporre alla vaccinazione con questa motivazione non possa essere giustificato, dal momento che il vaccino che viene attualmente utilizzato è proprio il Pfizer che utilizza il metodo mRNA” di utilizzare cellule fetali per la sperimentazione, ha insistito Parolin.

L’appoggio di Parolin alla Pfizer arriva due mesi dopo che Project Veritas ha pubblicato una devastante esposizione di alti funzionari dell’azienda e di e-mail trapelate che rivelano che la Pfizer stava usando tessuto fetale abortito nel suo programma di vaccino.

“Le cellule HEK-293T, utilizzate per il test IVE, sono in definitiva derivate da un feto abortito”, ha ammesso il capo scientifico della Pfizer Philip Dormitzer. “D’altra parte, il comitato dottrinale del Vaticano ha confermato che considera accettabile che i credenti pro-vita siano immunizzati”.

Previous articleUN IMPERO DI BUGIE Determinato a perpetrare una false flag in Ucraina per giustificare l’intervento della NATO
Next articleL’IMMINENTE FINE DELLA NATO, VERSO UNA VERA ALLEANZA ANTI NWO