CybersecurityDeep StateEight O’Clock in the MorningScienza e TecnologiaSocietà

UN’ALTRA “BUFALA DEI COMPLOTTISTI” SI REALIZZA – ORA IL WEF RACCOMANDA DI MICROCHIPPARE I BAMBINI

Il WEF continua a spingere i confini di ciò che è concepibile, promuovendo gli impianti di chip questa settimana. I vantaggi sarebbero molti, soprattutto per i bambini. Il club di Klaus Schwab sta lottando per l’accettazione e la normalizzazione dei microchip nel corpo. 

Ciò che è stato deriso dei teorici della cospirazione: Bill Gates voleva modificare l’umanità con la vaccinazione. I critici sono stati attaccati con un tono sprezzante e patologizzante. Pochissimi ci credevano davvero, ovviamente. La tecnologia ha fatto molta strada da allora. Il World Economic Forum (WEF) raccomanda di microchippare i bambini in un post sul blog questa settimana. Ci sono ragioni “razionali” per questo.

Il chip dovrebbe diventare come gli occhiali

Ci sono modi per il WEF di “rendere eticamente queste straordinarie tecnologie una parte delle nostre vite”, riferisce Reclaim the Net sabato. Un altro punto per i cosiddetti “teorici della cospirazione”.

Indubbiamente c’è ancora molta strada da fare prima che un gran numero di persone sia disposto a ricevere il chip. Finora, ci sono solo pochissime persone aperte a questa tecnologia. Compito del WEF quindi: normalizzare la tecnologia. La tecnologia controversa dovrebbe essere accettata e riconosciuta.

L’impianto di bambini con un chip di tracciamento, ad esempio, dovrebbe quindi essere visto come una “misura solida e razionale”, sostiene il WEF. Lo scrive lo Schwab Club in un post sul blog che si occupa del futuro della “realtà aumentata” (AR) della “società aumentata”.

“Per quanto spaventosi possano sembrare gli impianti di chip, fanno parte di un’evoluzione naturale che i dispositivi indossabili hanno subito. Gli apparecchi acustici o gli occhiali non portano più uno stigma”, si legge nel post sul blog. “Sono accessori e sono anche considerati articoli di moda. Allo stesso modo, gli impianti diventeranno una merce”.

Quindi in futuro il microchip non dovrebbe essere considerato che alla pari di un paio di occhiali. La propria idea della società futura è presentata come uno sviluppo naturale e logico. La tecnocrazia e i suoi gruppi di interesse scompaiono nell’argomento. Tuttavia, l’argomentazione segue implicitamente il presupposto che questo contenga la chiave delle questioni etiche.

Approfondisci: TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SUL MICROCHIP Clicca qui

La strategia di normalizzazione del WEF è rivolta nello specifico ai bambini:

“I limiti per gli impianti sono fissati più da argomentazioni etiche che da capacità scientifiche. Ad esempio, dovresti impiantare un chip di tracciamento nel tuo bambino? Ci sono ragioni solide e razionali per farlo, come la sicurezza. Lo faresti davvero? È troppo inverosimile?”

E già i limiti del concepibile e dell’immaginabile sono già stati in qualche modo ampliati.

Ci sono altri vantaggi dal punto di vista della salute:

“Forse vorremmo aprire nuove possibilità per i bambini con dislessia attraverso impianti che traducono in tempo reale. D’altra parte, la dislessia è un tratto personale. Vogliamo cambiarlo? Come società, abbiamo una scelta da fare: vogliamo accettare i limiti umani che derivano dall’apprendimento o dall’invecchiamento?

lotta per i diritti

L’AR è quindi “utile” in molti settori, come l’assistenza sanitaria o l’istruzione. Ma sono necessarie “linee guida” su come regolare “eticamente” l’enorme potere. Naturalmente, il WEF si occupa di questo per la società nel suo insieme. Poiché le tecnologie sono “trasformative” per la società, hanno bisogno del “giusto supporto, visione e audacia”.

Rechlaim the Net si chiede perché “coraggio” sia messo qui: ” È un eufemismo vendere alcune “visioni” piuttosto oltraggiose che il WEF sta esprimendo, come ad esempio: Come sostituire i farmaci con impianti cerebrali che manipolano il corpo con impulsi elettrici e collegare tutti i tipi di chip che vengono inseriti nelle persone attraverso interventi chirurgici con sensori che potresti trovare su una sedia”.

I critici che si preoccupano dei diritti fondamentali e civili, della loro privacy, della loro autonomia corporea e del loro diritto alla “vita analogica” non vengono proprio citati. Avrebbero solo pregiudizi e “stigmatizzerebbero” i passaggi tecnologici.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!