Database Italia

Il World Economic Forum pubblica una guida su come costringere e manipolare il pubblico a fare il “vaccino” Covid-19


Il World Economic Forum ha avuto un ruolo più importante da svolgere negli ultimi quindici mesi di quanto molti di voi possano immaginare, e ora ha pubblicato un’utile guida per i governi e i funzionari della sanità pubblica di tutto il mondo su come costringere e manipolare il pubblico in generale a fare il vaccino contro il Covid-19..Il  WEF afferma in un recente articolo  che per ottenere l’immunità di gregge alla presunta malattia da Covid-19, i funzionari della sanità pubblica dovrebbero usare la “teoria della pubblicità”, manipolare il modo in cui le persone pensano e si sentono riguardo al vaccino, utilizzare i leader della comunità e gli operatori sanitari per dare voce alla propaganda e offrire tangenti come incentivi per “aiutare a far passare gli scettici attraverso le porte dei centri di vaccinazione locali”. La teoria della pubblicità ruota attorno al quadro della  gerarchia degli effetti,  che suggerisce che “i clienti pensano prima, poi sentono e poi fanno”. Il WEF ritiene che i responsabili politici di tutto il mondo siano attualmente accomodanti solo per le persone che sono già interessate a fare il vaccino Covid, quindi raccomandano che per convincere gli scettici, i funzionari dovrebbero ricorrere a tre semplici metodi di coercizione e manipolazione.

Think-Feel-Do Framework per gli sforzi di comunicazione del vaccino COVID-19

Il primo passo che il WEF raccomanda ai funzionari della sanità pubblica di implementare prevede “l’aumento della conoscenza e il superamento della disinformazione”. Questo ruota attorno alla fase “pensare” della teoria della pubblicità e afferma che i leader locali raggiungono ed educano in modo proattivo gli  scettici tramite “media come telefonate, posta diretta, televisione, cartelloni pubblicitari e canali digitali”.

Perché consigliano questo? Perché grazie alla  ricerca,  il WEF pensa che le persone “credano che il processo di invenzione e approvazione dei vaccini sia stato affrettato, con effetti collaterali sottostimati”. Il problema con il consiglio del WEF qui è che le persone hanno ragione a credere che l’invenzione e il processo di approvazione siano stati affrettati.  Hanno anche ragione a credere che ci siano effetti collaterali sottostimati. Non è una questione di opinioni, è un dato di fatto.
Il tempo medio necessario per l’approvazione di tutti i vaccini sul mercato è di circa otto anni. Hanno  iniziato a somministrare i vaccini Covid-19 tra le braccia del pubblico entro 11 mesi dalla loro presunta creazione , ma anche allora non sono stati approvati come altri vaccini, ma hanno invece ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza. Perché è stata data loro solo l’autorizzazione all’uso di emergenza? Perché sono  ancora in fase tre e sono quindi sperimentali.  L’autorizzazione all’uso di emergenza significa che il produttore del vaccino non può essere ritenuto responsabile per eventuali lesioni che potrebbero verificarsi a seguito del vaccino.

Leggi anche: I VALORI DELLA FAMIGLIA SCHWAB – REPORT INVESTIGATIVO SULL’UOMO DIETRO AL GREAT RESET

Per quanto riguarda gli effetti collaterali riportati? Bene, hai mai sentito parlare dello  schema della yellow card MHRA ? Molte persone no ed è proprio per questo che gli effetti collaterali sono sottostimati. Lo schema Yellow Card consente alle persone di segnalare eventuali reazioni avverse che potrebbero aver avuto a causa dei vaccini Covid-19 e l’MHRA ritiene che solo l’1% – 10% delle reazioni avverse venga effettivamente segnalato.

Ciò rende il numero effettivo di reazioni avverse e decessi segnalati allo schema abbastanza spaventoso se si tiene conto della segnalazione sotto. Perché, secondo il  21 °  aggiornamento rilasciato da parte del governo britannico / MHRA sulle reazioni avverse ai vaccini Covid-19  ci sono stati 973,425 reazioni avverse che vanno da lievi a estremamente gravi e 1.356 avvenute entro il 16 th  giugno 2021.

Il secondo passo che il WEF raccomanda ai funzionari della sanità pubblica prevede la  propaganda e le molestie.  Questo ruota attorno alla fase di “sensazione” della teoria della pubblicità e afferma che l’esitante alla vaccinazione dovrebbe essere  bombardato con telefonate e discussioni e molestato sui social media  per convincerlo a fare il vaccino contro il Covid.

Leggi anche: DECODIFICA DAVOS – THE GLOBAL ENDGAME

Il WEF suggerisce anche un altro modo per migliorare i sentimenti degli scettici sui vaccini è quello di  giocare con la paura di perdere l’occasione (FOMO), sia socialmente che economicamente . Per raggiungere questo obiettivo, il WEF raccomanda ai funzionari della sanità pubblica di utilizzare tattiche che inducano sensi di colpa e rammarico.

Suggeriscono che questo possa essere fatto in modo simile a quello impiegato con successo in Canada negli anni ’30 e ’40 per affrontare la difterite. Durante questo periodo, usavano messaggi come “se i tuoi figli muoiono di difterite, è colpa tua perché preferisci non prenderti la briga di proteggerti”.

Il problema qui è che i  vaccini Covid non prevengono l’infezione o la trasmissione , quindi usare messaggi come quello che raccomanda il WEF è  coercizione e non equivarrebbe a consenso informato , perché invece la persona sarebbe estremamente male informata.

Leggi anche: LA DIABOLICA VISIONE DEL MONDO DI KLAUS SCHWAB

Si presume che i sieri Covid-19 abbiano solo dimostrato di ridurre il rischio di essere ricoverati in ospedale o morire per Covid-19, un rischio che è già incredibilmente piccolo per la maggior parte delle persone e che ammonta in media a circa lo 0,02%.

Gli studi limitati effettuati misuravano solo se una persona vaccinata soffrisse o meno di una malattia grave se infettata da Covid-19, ma erano imperfetti poiché nessuno era stato esposto al virus durante lo studio, misuravano solo ciò che accadeva quando era fuori dalla popolazione generale.

Non hanno misurato se una persona vaccinata potesse ancora essere infettata da Covid-19, e non hanno misurato se una persona vaccinata potesse ancora diffondere il virus in linea con la  teoria dei germi.

Consiglio piuttosto vergognoso dal WEF considerando quanto sopra, non è vero?

Il terzo e ultimo passo che il WEF raccomanda ai funzionari della sanità pubblica di implementare prevede la  corruzione e le chiamate a freddo . Questo ruota attorno alla fase del “fare” della teoria della pubblicità e afferma che  dovrebbero essere offerti incentivi per costringere le persone a fare il vaccino contro il Covid-19, oltre a molestare le persone nelle loro case  nel tentativo di persuaderle a fare il vaccino.

Il WEF consiglia ai funzionari della sanità pubblica di offrire incentivi in ​​denaro, trasporto gratuito, permessi retribuiti, prodotti gratuiti e omaggi della lotteria come tangenti per “incoraggiare” ad accettare il siero sperimentale Covid.

Consigliano inoltre  di allestire cliniche pop-up  in aree poco servite con popolazioni che esitano a vaccinarsi e di creare  “squadre vaccinali”  che molestino le persone nelle loro case con il pretesto di raggiungere le persone che sono “vincolate a casa” o ” incontrano difficoltà” nel raggiungere i centri di vaccinazione.

Leggi anche: SOLO UNA MASSICCIA DISOBBEDIENZA CIVILE CI PUÒ SALVARE

Il World Economic Forum afferma di “ ritenere che l’applicazione dell’approccio “pensa – senti – fai” incentrato sul paziente al problema della comunicazione del vaccino COVID-19 migliorerà gli sforzi per accelerare l’immunità di gregge globale. Garantire una riapertura e una ripresa economica sicure e superare questa significativa sfida sanitaria ed economica potrebbe dipendere da tali tattiche”.

Il vaccino contro il Covid-19 non garantirà una riapertura e una ripresa economica sicure, così come il Covid-19 non ha mai causato una chiusura e una decimazione dell’economia. Sono stati i governi tiranni e i loro consiglieri scientifici unidimensionali a chiudere e distruggere l’economia, ma ciò non poteva essere fatto senza l’indiscussa conformità del pubblico.

Leggi anche: I VALORI DELLA FAMIGLIA SCHWAB – REPORT INVESTIGATIVO SULL’UOMO DIETRO AL GREAT RESET

Ma possiamo davvero incolpare il pubblico per questo, considerando le tattiche di guerra psicologica scatenate su di loro dalle autorità per manipolarli in conformità? Guerra psicologica che ha scatenato l’emozione della paura e li ha modellati in agnelli sacrificali con il pretesto di “fare la loro parte per il bene più grande”.

Le stesse tattiche che il World Economic Forum ora raccomanda alle autorità di utilizzare per manipolare lo stesso pubblico affinché prenda un “vaccino” sperimentale.

Sostienici con Patreon!

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

fonte



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

5 4 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments