Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali In che modo lo scambio di criptovalute FTX, la corruzione DNC e...

In che modo lo scambio di criptovalute FTX, la corruzione DNC e gli “aiuti all’Ucraina” sono collegati

1185
0

L’11 ottobre, FTX Group, il secondo più grande scambio di criptovalute al mondo, ha presentato istanza di fallimento negli Stati Uniti. Il CEO dell’azienda Sam Bankman-Fried si è dimesso, portando a un crollo strabiliante di una delle principali entità nel settore delle criptovalute. La società ha affermato che Bankman-Fried, il fondatore di FTX, “rimarrà per assistere in una transizione ordinata”. Al suo posto subentrò John J. Ray III, l’avvocato che sovrintese alla liquidazione della Enron. La caduta di FTX ha provocato onde d’urto in tutto il mercato delle criptovalute, poiché molti sono diventati cauti sul fatto che un crollo simile potesse accadere ad altre società del settore. Tuttavia, subito dopo il crollo, è diventato chiaro che esiste una connessione inaspettata tra FTX, il Partito Democratico e il cosiddetto “aiuto all’Ucraina, alimentando speculazioni su ciò che potrebbe aver causato il crollo.

Secondo un rapporto di The Epoch Times , a marzo, il regime di Kiev ha istituito un  sito Web per le donazioni di criptovalute, consentendogli di convertire le criptovalute in denaro fiat che sarebbe poi stato depositato presso la Banca nazionale dell’Ucraina. L’  obiettivo  era raccogliere $ 200 milioni, di cui $ 60 milioni raccolti entro ottobre. Il denaro doveva essere utilizzato per procurare beni per le forze della giunta neo-nazista, inclusi cannocchiali da puntamento digitali, forniture mediche, razioni da campo, carburante, abbigliamento militare, ecc. L’iniziativa, chiamata “Aiuto per l’Ucraina”, ha ottenuto il sostegno di FTX , il gruppo di picchettamento Everstake e lo scambio locale di Kuna. Ha anche il sostegno diretto del Ministero della trasformazione digitale del regime di Kiev.

“All’inizio del conflitto in Ucraina, FTX ha sentito il bisogno di fornire assistenza in ogni modo possibile. Istituendo binari di pagamento e facilitando la conversione delle donazioni di criptovalute in valuta fiat, abbiamo dato alla Banca centrale dell’Ucraina la possibilità di fornire aiuti e risorse alle persone che ne hanno più bisogno”, ha dichiarato Sam Bankman-Fried in una dichiarazione a marzo . “Siamo grati per l’opportunità di lavorare con Sergey Vasylchuk e il team di Everstake mentre continuano a lavorare instancabilmente per aiutare gli ucraini mentre soffrono a causa di questo conflitto”, ha concluso l’ex CEO di FTX.

La mossa sembra essere diventata un’opportunità perfetta per i funzionari corrotti sia di Washington DC che del regime di Kiev per incanalare gran parte dei fondi degli “aiuti all’Ucraina” negli Stati Uniti. Sebbene non sia del tutto chiaro se i rapporti secondo cui i funzionari della giunta neonazista “hanno investito” in FTX siano accurati, ci sono problemi credibili riguardo alla possibilità che il regime di Kiev stesse usando i fondi donati attraverso FTX per incanalare denaro nelle casse del DNC. Il fatto che Sam Bankman-Fried sia stato il secondo più grande donatore del Partito Democratico nel 2021-2022, donando quasi 40 milioni di dollari, rende questa possibilità ancora più probabile.

Il rapporto di Epoch Times afferma inoltre che nella prima metà del 2022, l’ex CEO di FTX ha donato $ 865.000 al Democratic National Committee, $ 66.500 al Democratic Senate Campaign Committee e $ 250.000 al Democratic Congressional Campaign Committee. Inoltre, Sam Bankman-Fried ha effettuato più visite alla Casa Bianca, dove ha incontrato il consigliere della Casa Bianca Steve Ricchetti il ​​22 aprile e il 12 maggio, secondo il registro dei visitatori . Il 13 maggio ha anche incontrato Charlotte Butash, consigliere politico del vice capo dello staff della Casa Bianca. Anche Mark Wetjen, capo della strategia politica e normativa di FTX, che è stato commissario della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha partecipato ad alcuni degli incontri.

Leggi anche: BIG TECH CRASH | Twitter vicino al fallimento, Amazon perde 1.000 miliardi di dollari, Facebook licenzia 11.000 dipendenti

Le connessioni tra FTX, il regime di Kiev e il DNC sono abbastanza chiare e sollevano molte domande. Anche il miliardario Elon Musk è rimasto perplesso dalla rivelazione. Quando un utente di Twitter ha chiesto se FTX fosse utilizzato per riciclare denaro per il Partito Democratico,  Musk ha risposto  che era “una domanda che vale la pena porre”. Il 14 novembre, Alex Bornyakov, vice ministro per la trasformazione digitale del regime di Kiev, ha  respinto le affermazioni , anche se non è riuscito a spiegare in che modo si trattasse esattamente di una “falsa narrativa”.

“Una fondazione crittografica di raccolta fondi @_AidForUkraine ha utilizzato @FTX_Official per convertire le donazioni crittografiche in fiat a marzo”, ha twittato Bornyakov. “Il governo ucraino non ha mai investito fondi in FTX. L’intera narrazione secondo cui l’Ucraina avrebbe investito in FTX, che ha donato denaro ai Democratici, è francamente una sciocchezza”.

Tuttavia, il commentatore politico di Fox News Jesse Watters ritiene che le prove, sebbene al momento non conclusive, non possano essere ignorate e che le motivazioni del DNC per inviare miliardi di dollari al regime di Kiev non siano poi così altruistiche.

“I democratici inviano denaro in Ucraina, l’Ucraina invia denaro a FTX e FTX invia denaro alle campagne dei democratici. Non so se si tratti di speculazione di guerra o riciclaggio di denaro, non lo so nemmeno, ma è necessario indagare”. Watters ha detto .

Leggi anche: Decine di miliardi di dollari trasferiti in Ucraina poi riciclati in criptovaluta FTX ai Democratici negli Stati Uniti

Sebbene gli esperti di criptovaluta concordino sul fatto che molto probabilmente lo schema non è stato il motivo principale della caduta di FTX, le conseguenze dello scandalo non possono essere ignorate e molto probabilmente causeranno ulteriori problemi sui mercati delle criptovalute. È anche un altro indicatore di come la  corruzione si nasconda dietro la narrativa degli “aiuti all’Ucraina” .

Drago Bosnic è un analista geopolitico e militare indipendente.

Amici e Lettori di Database Italia, Abbiamo Bisogno del Vostro Sostegno

Previous articleIl G20 vuole adottare i green pass per i viaggi internazionali
Next articleSono sceso negli inferi
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments