Quantcast
Database Italia

In Cina Party come nel 2019. Feste in piscina, nightcub e bar da Wuhan a Pechino

Qualche settimana fa, abbiamo scherzato sul fatto che la gente di Wuhan stesse festeggiando quando una storia su una grande festa in piscina per celebrare la fine dell’epidemia di SARS-CoV-2 è diventata virale in tutto il mondo, suscitando reazioni frustrate da parte del pubblico. Funzionari e “Covid” ossessionati dal distanziamento sociale. Ma a differenza degli Stati Uniti, dove i frequentatori delle feste universitarie diventano preventivamente “capri espiatori” mentre le scuole sfidano gli esperti e la “scienza” mandando a casa studenti malati in massa semplicemente perchè non possiedono la volontà o, forse, la competenza, per metterli in quarantena nel campus – il Partito Comunista ha difeso la festa in piscina sostenendo che si trattava di una liberazione necessaria per la gente di Wuhan.

Dopo aver subito uno dei primi e più restrittivi blocchi globali, la gente di Wuhan ha sconfitto il virus, ha detto un portavoce del partito. La festa è stata una delle loro ricompense.

Ora, il Financial Times sta segnalando il ritorno della scena della vita notturna in Cina. I festaioli sono tornati nei locali notturni e nei bar cinesi a un ritmo più veloce che forse in qualsiasi altra parte del mondo. Negli Stati Uniti, bar e discoteche sono stati chiusi e accusati di aver causato l’epidemia attraverso la cintura del sole che ha raggiunto il picco durante l’estate. La Corea del Sud ha anche incolpato la sua vita notturna di un’epidemia che, come si è scoperto, è stata in gran parte il risultato di test che hanno rilevato persone asintomatiche che erano state infettate altrove. 

Ma a Pechino, i festaioli sono tornati al tableau pre-pandemico: i bar sono molto affollati, con i festaioli che indossano pochi vestiti e niente maschere.

La procedura è semplice. I festaioli devono utilizzare i loro smartphone per mostrare che il loro stato di test COVID-19 è negativo. Quindi vengono misurate le temperature, prima di poter entrare. Una volta dentro, possono stare tranquilli che le probabilità di essere infettati sono minuscole. Quando è stato chiesto, molti festaioli hanno detto al FT che sentivano di essersi guadagnati la “libertà di fare festa”.

Gli analisti della classe media in Cina hanno anche parlato del termine “spesa per vendetta”, anche se il collasso economico della Cina è stato anche peggiore del previsto.

“Dalle restrizioni [sui movimenti] e le chiusure dei negozi a nessuna restrizione e apertura dei negozi, è un grande rimbalzo”, ha detto Tao Wang, capo economista cinese presso UBS a Hong Kong. Ma mentre molti professionisti della classe media sono impegnati nella “spesa per vendetta” dopo mesi di incapacità di spendere soldi, i lavoratori a basso reddito stanno ancora soffrendo.

Gli economisti affermano che l’economia cinese è bloccata in una crescita a due binari, aumentando il divario di ricchezza. Il segno più evidente del ritorno alla fiducia in Cina è stata la gigantesca festa in piscina tenutasi il mese scorso a Wuhan, la città in cui ha avuto origine l’epidemia.

Un esperto occidentale ha affermato che la risposta pesante della Cina all’epidemia è una delle ragioni per cui la sua gente può godersi questi eventi relativamente privi di attriti.

Susan Michie, professoressa di psicologia della salute all’University College di Londra, ha affermato che per la Cina avere questo livello di vita sociale mantenendo bassa la trasmissione ha suggerito che avevano le giuste misure protettive in atto e un buon sistema di “prova, traccia e isola”.

“È un’affascinante intuizione potenziale di come potremmo fare le cose in modo diverso [nei paesi occidentali]”, ha aggiunto il prof. Michie. Dopo che la signora Lee è tornata dal festival di Beidaihe, ha parlato con amici negli Stati Uniti le cui vite non sono ancora tornate alla normalità. “La nostra relativa ripresa è il risultato delle misure energiche che la Cina ha preso, dopo aver capito di aver sbagliato a Wuhan per cominciare”, ha affermato. “Era l’approccio giusto.”

Per quanto riguarda la protesta internazionale causata dalla festa in piscina di Wuhan, con molti che affermano che la festa è stata particolarmente “irrispettosa” dal momento che la Cina è responsabile di aver lasciato uscire la pandemia, un funzionario del partito ha detto al FT che il resto del mondo è solo invidioso.

Fonte: Financial Times



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.