CoronavirusSalute

IN SVEZIA BANDITE LE MASCHERINE IN ALCUNE CITTÀ



I funzionari del comune di Halmstad, in Svezia, hanno recentemente costretto un insegnante a togliersi la mascherina e vietato l’uso di maschere e tutti i tipi di DPI nelle scuole. Il comune ha affermato che non c’erano prove scientifiche per indossare maschere, citando l’agenzia di sanità pubblica svedese. A quel tempo, le linee guida dell’agenzia affermavano che c’erano ” grandi rischi ” che le maschere fossero utilizzate in modo errato. Da allora questa guida è stata rimossa.

Alla fine il comune ha fatto marcia indietro . Ma nuovi esempi di divieti di maschere continuano a spuntare in Svezia. I bibliotecari della ricca città di Kungsbacka, ad esempio, sono stati istruiti a non indossare maschere .

 Ebbene, tutto ciò che i funzionari di Halmstad e Kungsbacka hanno detto sulle mascherine è in linea con le dichiarazioni dell’agenzia di sanità pubblica svedese. Questi divieti locali sono un prodotto logico di nove mesi di dichiarazioni anti-maschera coerenti da parte dello Stato svedese.

Un valore anomalo europeo

Al di fuori della Svezia, la maggior parte degli europei è ormai abituata a indossare mascherine al chiuso, al supermercato, sui mezzi pubblici o quando va in visita dal medico. È diventata un’abitudine così radicata che possiamo facilmente dimenticare che, per i primi mesi della pandemia COVID-19, molti di noi non indossavano affatto maschere. In quei primi giorni, il messaggio principale era il piuttosto semplice “lavati le mani” e il più difficile “non toccarti il ​​viso”.

Il Centro europeo per il controllo delle malattie ha raccomandato per la prima volta l’uso pubblico di mascherine già ad aprile , anche se è stato a giugno che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha seguito l’esempio . L’Inghilterra ha aspettato fino a luglio e, infine, in agosto, Norvegia , Danimarca e Finlandia hanno introdotto requisiti per le maschere.

La Svezia, come abbiamo visto, ha scelto una strada diversa. L’agenzia svedese per la salute pubblica ha costantemente affermato che le maschere sono inefficaci e che il loro uso potrebbe effettivamente aumentare la diffusione del COVID-19 – un’opinione comune all’inizio della pandemia ma rara ora nel mainstream.

La politica delle maschere svedese è persino andata oltre i suoi confini nazionali, nell’attivismo internazionale no-mask. Ad aprile, il capo epidemiologo del paese, Anders Tegnell, ha scritto un’e – mail al Centro europeo per il controllo delle malattie (che ha sede a Stoccolma), avvertendolo di non raccomandare l’uso di mascherine.

Comunicazione del rischio

Come siamo arrivati ​​qui? Nella primavera del 2020, quando SARS-CoV-2 era ancora un virus nuovo e poco conosciuto, la comunicazione svedese sul COVID-19 era un mantra tripartito semplice e coerente : lavati le mani, mantieni le distanze, resta a casa se sei malato. Ciò risulterà familiare a persone in molti altri paesi ed è un esempio da manuale di comunicazione efficace del rischio, che dovrebbe essere chiara, diretta e di facile azione.

Un mandato confuso

Le autorità svedesi hanno mantenuto la loro posizione anti-maschera fino a dicembre, quando il primo ministro, Stefan Lofven, ha annunciato un’inversione di marcia sull’uso delle maschere sui trasporti pubblici.

Ma la nuova politica di Lofven non era una regola semplice soprattutto per quanto riguardava i viaggi. Consiglia l’uso dalle 7:00 alle 9:00 e dalle 16:00 alle 18:00, per i nati “nel 2004 e prima” che non hanno un posto riservato.

Confuso e complesso

All’inizio della pandemia, l’iniziale comunicazione del rischio da parte del governo svedese (il mantra tripartito) era semplice e di facile comprensione. Ma a dicembre, le autorità avevano avvertito per mesi dei rischi di indossare la maschera. Quindi l’annuncio del trasporto pubblico non è stato solo fonte di confusione per la sua complessità, ma anche per il fatto che il suo contenuto contraddice direttamente le linee guida impartite da marzo a dicembre.

In questo contesto, non c’è da meravigliarsi se le biblioteche e le scuole in Svezia inviano messaggi contrastanti sul fatto che le persone debbano indossare maschere.

I NOSTRI ARTICOLI SULL’ USO DELLE MASCHERINE

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!