Quantcast
Database Italia

IN UNA SPINTA PER LA LEADERSHIP GLOBALE, LA RUSSIA PUNTA SUL GAS NATURALE DELLA TUNDRA ARTICA

L’ultima strategia del governo della Russia per sfruttare le sue vaste risorse di GNL delinea l’importanza fondamentale che avranno le sue vaste regioni artiche.




“Il gas naturale è un combustibile fossile pulito dal punto di vista ambientale”, sostengono gli autori del nuovo programma di sviluppo russo sul gas naturale liquefatto (GNL). 

Il documento – approvato e firmato questa settimana dal Primo Ministro Mikhail Mishustin – si basa sul presupposto che il GNL abbia un futuro luminoso nei mercati energetici internazionali. Entro il 2030, la domanda globale di GNL aumenterà a 4,7 trilioni di metri cubi ea 5,7 trilioni nel 2050, afferma il rapporto. Nel 2018, il consumo mondiale è stato di 3,8 trilioni di metri cubi.

La Russia intende aumentare la sua produzione annuale di GNL a 140 milioni di tonnellate entro il 2035, un aumento di quasi cinque volte rispetto al 2020. Ciò potrebbe rendere il paese un leader mondiale nel settore.

Praticamente tutti i progetti pianificati del paese si trovano nel remoto Artico, e prima di tutto nella regione di Yamal-Nenets, dove si trova oltre il 90% delle risorse totali di gas naturale del paese. È qui che Novatek nel 2017 ha aperto il suo Yamal LNG e dove Arctic LNG 2 entrerà in produzione nel 2023.

Secondo il nuovo programma di sviluppo statale, molti altri progetti dovrebbero essere lanciati nella regione nel prossimo decennio. Tra quelli elencati come “probabili” da sviluppare ci sono i progetti Ob LNG e Arctic LNG 1, che produrranno rispettivamente circa 6 milioni di tonnellate e 19,8 milioni di tonnellate.

Tuttavia, lo sviluppatore del progetto Novatek potrebbe alla fine decidere che il primo progetto produrrà ammoniaca e non GNL come inizialmente previsto. Si ritiene che la ragione del cambiamento sia collegata a sfide tecnologiche significative, nonché alla rapida trasformazione dei mercati energetici internazionali.

Tra i progetti elencati nel programma federale LNG come “possibili” c’è Arctic LNG 3, che si basa sulle risorse del giacimento Severo-Obskoye a Yamal. La produzione prevista è di 19,8 milioni di tonnellate, la stessa di Arctic LNG 1 e 2.

Nella categoria dei progetti “possibili” rientrano anche i giacimenti Tambey di Gazprom situati nella parte orientale della penisola di Yamal, così come il Pechora LNG e il Kara LNG. Quest’ultimo è progettato dalla compagnia petrolifera Rosneft e si basa sulle risorse delle principali risorse di gas naturale della società nel mare di Kara. Il progetto includerà una produzione annua fino a 30 milioni di tonnellate, prodotta da un impianto costruito nell’arcipelago di Novaya Zemlya, si delinea la strategia.

Rosneft potrebbe anche decidere di produrre GNL come parte del suo importante progetto Vostok Oil nella penisola di Taymyr. Un impianto costruito vicino alla progettata Sever Port Bay potrebbe produrre fino a 50 milioni di tonnellate di GNL all’anno, si legge nel documento del governo.

Anche il giacimento di Shtokman nel Mare di Barents è tra i “possibili” progetti GNL elencati. Quel progetto è stato per anni visto come un investimento caldo da società straniere come Equinor e Total, e si ritiene che sia in grado di produrre fino a 30 milioni di tonnellate di GNL all’anno. Tuttavia, come notato dai pianificatori del governo, le maggiori distanze dalla terra rendono il progetto economicamente impraticabile. Il potenziale del campo di Shtokman può essere realizzato solo in una prospettiva a lungo termine, dopo il 2030, sostengono.

La spinta alla produzione di GNL dovrebbe generare grandi ricavi. Secondo gli autori del documento, le esportazioni di GNL varranno 150 miliardi di dollari entro il 2030. Tuttavia, solo una piccola parte di quel denaro sarà trasferita al tesoro dello Stato. Nel tentativo di stimolare lo sviluppo del progetto, il governo russo ha zero tasse sulle esportazioni di GNL.

Vi è inoltre una crescente preoccupazione nel settore energetico russo per la rapida trasformazione dei principali mercati energetici, primo fra tutti la spinta dell’UE verso le fonti rinnovabili. 

Di conseguenza, diverse importanti compagnie petrolifere e del gas stanno iniziando a valutare un possibile utilizzo alternativo delle principali riserve di gas naturale. Ciò include la costruzione di impianti petrolchimici e la generazione di idrogeno blu e ammoniaca.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITELIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments