Database Italia

Inchiesta shock nel Regno Unito. Durante la pandemia gli ospedali trasferivano i pazienti nelle case di cura con l’indicazione di “non rianimare”

Il personale delle case di cura del Regno Unito era “sotto pressione costante” da parte del NHS per accogliere i pazienti come positivi al coronavirus anche senza effettuare i test, mentre gli infermieri erano stati istruiti a non rianimarli, ha rivelato una nuova inchiesta.

In uno studio i cui risultati chiave sono stati pubblicati per la prima volta dall’Independent, il Queen’s Nursing Institute (QNI) ha intervistato infermieri e manager che lavorano in 163 case di cura in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord.

Tra il personale di 70 case di cura, il 43% degli intervistati, ha affermato di aver ricevuto pazienti dimessi da ospedali senza che fossero sottoposti al test per Covid-19 nei mesi di marzo e aprile, quando l’epidemia ha colpito per la prima volta il paese e ha raggiunto il picco. Un quinto delle case di cura ha dichiarato di aver ricevuto pazienti risultati poi positivi.

Lo studio ha rivelato che in alcuni casi i gravemente malati venivano portati nelle case di cura dagli ospedali anche quando le case avvertivano di non essere in grado di prendersi cura di loro. Un’infermiera ha riferito di “pressione costante per ammettere persone che erano Covid-positive”. Altri hanno confermato “di essere stati spinti ad accettare ricoveri senza che i pazienti avessero fatto il test”.

Le due settimane di morti giornaliere durante l’epidemia sono state forse le due settimane peggiori dei miei 35 anni di carriera infermieristica.

Il personale ha riferito che gli ospedali hanno dato istruzione di cambiare lo stato di tutti i residenti in “non rianimare”. Un infermiere ha affermato che tali linee guida sarebbero state applicate “automaticamente” a tutti i pazienti con Covid-19 sospetti o confermati. Alcuni degli infermieri intervistati hanno affermato di essersi rifiutati di conformarsi e hanno contestato le istruzioni in quanto “non etiche”.

Allo stesso tempo, alle case di cura è stato detto che gli ospedali avevano una politica generale di “divieto di ricovero” durante il culmine dell’epidemia.

L’amministratore delegato della QNI, Crystal Oldman, ha dichiarato al giornale che i risultati allarmanti erano “simbolici” di come il governo e il NHS vedevano il sistema delle case di cura.

Siamo rimasti davvero sorpresi.Quello che è successo è completamente opposto all’anello protettivo intorno alle case di cura di cui si parlava in quel momento.

Secondo i dati governativi più recenti, tra il 2 marzo e il 12 giugno, tra il 2 marzo e il 12 giugno, tra il 2 marzo e il 12 giugno sono morti a causa del Covid-19 i primi 19.400 residenti in case di cura. Le cupe statistiche sono state abbinate a molteplici rapporti sul personale delle case di cura che lottavano per ottenere attrezzature protettive vitali, come maschere e guanti.

Il bilancio delle vittime nel settore dell’assistenza ha suscitato continue critiche al governo, con il leader del partito laburista Keir Starmer che ha definito l’incapacità di proteggere le case di cura “una vergogna nazionale”.

Il mese scorso il primo ministro Boris Johnson ha detto di essersi preso “la piena responsabilità di quanto è accaduto”, ma ha sostenuto che il governo aveva fatto tutto il possibile in quel momento dichiarando che la situazione nel settore dell’assistenza è stata aggravata dal fatto che “nessuno sapeva subito durante questa pandemia che il virus viene trasmesso in modo asintomatico da persona a persona”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.