CoronavirusDirittoEventi Avversi V.C.Salute

INDIA, MUORE A 23 ANNI DOPO LA VACCINAZIONE. FAMIGLIA INTENTA CAUSA CONTRO BILL GATES E LO ZAR DEI VACCINI ADAR POONAWALLA. E’ LA PRIMA CAUSA NEL SUO GENERE

Un firmatario indiano sta tentando di perseguire Bill Gates, lo zar indiano del vaccino Adar Poonawalla e il governo indiano oltre ad alcuni funzionari della sanità pubblica per la morte di un individuo di 23 anni deceduto a seguito della vaccinazione Covishield di AstraZeneca. Questo potrebbe essere il primo caso giudiziario di questo tipo al mondo.

A nome del figlio defunto, Shri Hitesh Kadve, Kiran Yadav ha avviato un procedimento penale per omicidio, Smt. Kiran Yadav c. Lo Stato del Maharashtra e Ors. (di seguito denominato Yadav v. Maharashtra), dinanzi all’Alta Corte giudiziaria di Bombay alla fine dello scorso anno.

Il 29 settembre 2021 suo figlio è stato immunizzato. Secondo gli avvocati, sarebbe morto lo stesso giorno a causa degli effetti negativi del vaccino.

La denuncia sostiene che Kadve sia morto “a causa di un atto intenzionale e di omissione attribuibile ad alcuni funzionari pubblici che stanno abusando della loro posizione per aiutare la mafia farmaceutica e quindi responsabili di omicidi di massa”.

Il figlio di Yadav è stato anche “involontariamente” costretto a farsi vaccinare, secondo la causa, sulla base della “falsa narrativa” secondo cui la vaccinazione era completamente innocua e perché lo stato del Maharashtra ha impedito a persone non vaccinate di viaggiare sui mezzi pubblici di trasporto o fare acquisti al dettaglio o accedere a centri commerciali.

Leggi anche: LA LEADERSHIP DELL’OMS RISCHIA LA PENA DI MORTE IN INDIA PER OMICIDIO E PER DISINFORMAZIONE MEDICA SU IVERMECTINA E HCQ

Nella denuncia si sostiene che le restrizioni del Maharashtra “sono contrarie alla politica del governo centrale secondo cui non può esserci alcuna discriminazione tra persone vaccinate e non vaccinate”.

Il commissario e direttore generale della polizia di stato del Maharashtra, l’Indian Central Bureau of Investigation e l’alto segretario del ministero indiano della salute e del benessere della famiglia sono tra gli altri imputati nel caso.

Nel caso sono nominati anche Bill Gates e Adar Poonawalla, CEO del Serum Institute of India, il più grande produttore mondiale di vaccini per numero di dosi prodotte e distribuite.

Leggi anche: INDIA: I MEDICI DISOBBEDISCONO ALLE AUTORITÀ, FORNENDO CURE PRIMA DELLA VACCINAZIONE PER PREVENIRE ULTERIORI VITTIME

Il Serum Institute produce i vaccini Covishield, così come più della metà delle vaccinazioni infantili nel mondo.

Yadav chiede la restituzione di 1.000 crore (10 miliardi di rupie, o $ 134 milioni di dollari), con 100 crore ($ 13,4 milioni di dollari) come compensazione intermedia.

Yadav Sta inoltre richiedendo a Gates, Poonawalla e altri di sottoporsi a test della macchina della verità e analisi tossicologiche.

Il governo indiano ha riconosciuto nel caso che la vaccinazione Covishield potrebbe avere effetti collaterali gravi e forse catastrofici, ma la vaccinazione è stata somministrata nonostante questa consapevolezza.

La causa in Yadav v. Maharashtra è stata presentata dagli avvocati di Mumbai Shivam Mehra e Siddhi Dhamnaskar, e sembra che l’Indian Bar Association, un’organizzazione non ufficiale di avvocati indiani (il Bar Council of India è l’ordine ufficiale degli avvocati del paese), l’abbia pubblicata per la prima volta in inglese.

La Corte Suprema dell’India ha assunto in generale un atteggiamento pro-vaccino . Tuttavia, il caso di 265 pagine di Yadav è degno di nota per il vasto precedente legale che trae dalla legge indiana e dalla common law , mettendo in dubbio la legittimità della vaccinazione richiesta e di altre attività mediche forzate.

Leggi anche: INDIA: I MEDICI DISOBBEDISCONO ALLE AUTORITÀ, FORNENDO CURE PRIMA DELLA VACCINAZIONE PER PREVENIRE ULTERIORI VITTIME

Il caso è particolarmente degno di nota per le precise affermazioni mosse contro individui come Poonawala e Gates, che sono stati oggetto di molte controversie in India.

L’ampio precedente legale mette in dubbio la legalità della politica di vaccinazione obbligatoria dell’India

Il caso   High Court of Meghalaya v. State of Meghalaya è una delle sentenze della corte primaria citate nella denuncia di Yadav v. Maharashtra (di seguito denominata Meghalaya). La sentenza , emessa il 23 giugno 2021, ha affermato che la vaccinazione con la forza o con l’inganno, o imponendo vincoli alle persone non vaccinate, costituisce una violazione delle libertà umane fondamentali e una violazione civile e penale.

Questa decisione ha fatto sì che fosse respinta una direttiva dello stato di Meghalaya che richiedeva a venditori, tassisti, commercianti e altri di essere immunizzati prima di continuare o riavviare effettivamente le loro operazioni.

Sebbene la vaccinazione fosse “la necessità del momento”, la corte ha osservato che il programma di immunizzazione di uno stato sociale “non può mai pregiudicare un importante diritto fondamentale, ovvero il diritto alla vita, alla libertà personale e al sostentamento”.

Il tribunale di Meghalaya ha discusso il diritto alla salute ai sensi dell’articolo 21 della Costituzione indiana , argomentando che quando l’assistenza sanitaria viene fornita con la coercizione, viola il diritto fondamentale alla privacy personale.

Leggi anche: Robert F. Kennedy Jr smaschera i traffici di Bill Gates in India

La corte ha anche citato Justice KS Puttaswamy (Retd.) v. Union of India (2018) , in cui si afferma che quando le persone vengono derubate della libertà di scelta personale, dell’autonomia fisica e dell’integrità e del diritto generale alla privacy, il loro diritto fondamentale alla salute è violato.

Il tribunale di Meghalaya  ha aggiunto :

“Vaccinazione con la forza o resa obbligatoria con l’adozione di metodi coercitivi, vizia lo scopo fondamentale del benessere ad essa connesso. Lede il/i diritto/i fondamentale/i in quanto tale, soprattutto quando pregiudica il diritto ai mezzi di sussistenza che rendono possibile la vita di una persona.

“Una cosa è la somministrazione obbligatoria di un vaccino senza ostacolare il proprio diritto alla vita e alla libertà sulla base della scelta informata e del consenso informato. Tuttavia, se una qualsiasi spinta alla vaccinazione obbligatoria è coercitiva per la sua stessa natura e spirito, assume una proporzione e un carattere diversi”.

Il tribunale di Meghalaya ha anche citato la common law inglese, citando il caso Airedale NHS Trust v. Bland (1993) , che ha concluso che costringere un adulto riluttante a sottoporsi a una vaccinazione antinfluenzale è sia un crimine che una violazione civile.

La corte indiana ha osservato su questo, trovando :

“Pertanto, l’elemento coercitivo della vaccinazione, sin dalle prime fasi dell’inizio della vaccinazione come misura preventiva contro diverse malattie, è stato più e più volte non solo scoraggiato ma anche costantemente condannato dai tribunali per più di un secolo.”

Da un tale punto di vista amministrativo, il tribunale di Meghalaya ha ritenuto che non solo il governo dell’India centrale non dovesse imporre i vaccini, ma che non esisteva nemmeno una legislazione o direttiva che autorizzasse i governi statali a far rispettare gli obblighi di immunizzazione all’interno della propria area.

Il caso Yadav si basa su ampi precedenti legali indiani, studi scientifici

L’accusa ha citato una serie di altre sentenze dei tribunali indiani, in particolare recenti casi relativi al vaccino COVID come Dinthar Incident v. State of Mizoram and Others (2021) e Madan Mili v. Union of India (2021) .

Questi verdetti hanno stabilito che gli adulti vaccinati possono essere affetti da COVID e trasmettere l’infezione proprio come le persone non vaccinate e che non può esserci distinzione tra i due gruppi. Gli articoli 14, 19 e 21 della Costituzione indiana vietano tale discriminazione.

I seguenti casi e la common law inglese sono menzionati in Yadav v. Maharashtra:

Common Cause v. Union of India  (2018) ha affermato che:

 “Tutti gli adulti con capacità di discernimento hanno diritto all’autodeterminazione e all’autonomia. Detti diritti aprono la strada al diritto di rifiutare le cure mediche … una persona competente che abbia raggiunto la maggiore età ha il diritto di rifiutare un trattamento specifico o qualsiasi trattamento o optare per un trattamento alternativo …

“Il miglior interesse del paziente prevale sull’interesse dello Stato”.

Osbert Khaling v. State of Manipur  (2021) ha affermato che:

“Trattenere le persone che devono ancora vaccinarsi dal poter accedere a istituzioni, organizzazioni, fabbriche, negozi, ecc., o negare loro il sostentamento …non solo sarebbe illegale da parte dello Stato, ma incostituzionale.

“Una tale misura calpesterebbe anche la libertà dell’individuo di farsi vaccinare o scegliere di non farlo”.

Montgomery v. Lanarkshire Health Board  (2015), common law inglese, ha ritenuto che:

“Una persona adulta sana di mente ha il diritto di decidere quale, se del caso, delle forme di trattamento disponibili sottoporsi e il suo consenso deve essere ottenuto prima che venga intrapreso un trattamento che interferisca con la sua integrità fisica”.

In Yadav v. Maharashtra, il sottosegretario del ministero della Salute indiano, Satyendra Singh, riafferma che la vaccinazione è ancora consensuale, che il governo indiano “non ha formulato o suggerito alcuna politica di discriminazione tra i cittadini indiani sulla base del loro stato di vaccinazione” e che nessun individuo può essere obbligato a farsi vaccinare.

Il caso cita anche la legge indiana, in particolare il Disaster Management Act del 2005 , che afferma che i governi statali non possono imporre restrizioni che contraddicano le direttive del governo nazionale. Secondo la causa Yadav v. Maharashtra, tali restrizioni non possono essere aggirate indirettamente, citando un altro caso giudiziario indiano, Noida Entrepreneurs Association v. Noida (2011).

Nella denuncia sono menzionate anche diverse clausole della Dichiarazione universale dell’UNESCO sulla bioetica e i diritti umani (2005):

  • L’articolo 3 sulla dignità umana e sui diritti umani, che afferma che “gli interessi e il benessere dell’individuo dovrebbero avere la priorità sul solo interesse della scienza o della società”.
  • L’articolo 6, che afferma che “qualsiasi intervento medico preventivo, diagnostico e terapeutico deve essere effettuato solo con… previo, libero e informato consenso”.
  • Articolo 8 sul rispetto della vulnerabilità umana e dell’integrità personale.
  • L’articolo 11, che afferma che “nessun individuo o un gruppo dovrebbe essere discriminato o stigmatizzato per qualsiasi motivo, in violazione della dignità umana, dei diritti umani e delle libertà fondamentali”.

La denuncia prosegue menzionando persone specifiche, tra cui il generale per il controllo dei medicinali indiano Venugopal G. Somani e Randeep Guleria dell’AIIMS , come partecipanti a una “campagna di disonestà e imbroglio” e “l’avanzamento di una cospirazione” creando ” dichiarazioni ad hoc false e fuorvianti” come quella secondo cui l’immunizzazione COVID era assolutamente sicura.

La causa accusa Somani e Guleria di avere un “programma per dare profitti illeciti alle società di vaccini” e procede facendo riferimento alla giurisprudenza indiana sostenendo che poiché “le cospirazioni sono ordite in segreto… non è richiesta alcuna prova diretta per dimostrarlo . Il reato può essere provato da prove circostanziali”.

La denuncia cita anche una combinazione di 81 articoli di ricerca, che discutono, tra le altre cose, della maggiore resistenza che qualcuno con un’immunità naturale ha contro il COVID rispetto a coloro che sono vaccinati, nonché della minore efficienza dei vaccini contro le varianti come Delta.

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!