EconomiaLa Nuova Era EconomicaVideo

INFLAZIONE, TASSI DI INTERESSE E LOCKDOWN Pillole di economia 2° puntata | VIDEO

Nel 1958, Alban William Phillips pubblicò l’articolo La relazione tra disoccupazione e il tasso di variazione dei salari monetari nel Regno Unito 1861-1957 sulla rivista Economica della London School of Economics. Questo lavoro influenzò per molto tempo le politiche dei Governi che, credendo di mantenere bassa l’inflazione, sacrificarono l’occupazione per intere generazioni.

Esiste davvero una relazione negativa (trade-off) tra inflazione e disoccupazione? L’inflazione è causata principalmente dai salari o anche da altri fattori, come ad esempio, i margini di profitto?

Che incidenza hanno i tassi di interesse sull’inflazione? Che relazione c’è tra i tassi di interesse e il valore dei titoli detenuti nel portfolio delle grandi banche d’affari?

Articoli correlati

Perché da anni sentiamo sempre il solito ritornello per cui lo Stato deve risparmiare e ridurre il debito?

Che cosa succede ai tassi di interesse, e, quindi, al valori dei titoli delle banche, quando aumenta il debito pubblico?

Perché, nonostante l’inflazione stia toccando quota 8%, la BCE non innalza i tassi di interesse come previsto dai trattati?

Le politiche di deflazione intraprese negli ultimi decenni, che effetti hanno avuto sull’economia?

I lockdown, sono misure sanitarie o misure di carattere economico disposte per distruggere ulteriormente la domanda interna?

Per rivedere la Prima Puntata : https://youtu.be/QEIM9e_vmTQ

LA SECONDA PUNTATA DELLE NOSTRE PILLOLE DI ECONOMIA ALLE ORE 16:00
Guarada su Youtube


[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!