Deep StateEconomiaEight O’Clock in the Morning

Inflazione USA: “Niente di tutto questo è casuale”

Lo shock energetico americano è ora in pieno svolgimento. Sta anche facendo salire l’inflazione dei prezzi su tutta la linea. A causa delle controverse mosse dell’amministrazione Biden per limitare l’offerta di petrolio negli Stati Uniti, i prezzi sono aumentati costantemente durante tutto l’anno con un aumento dei prezzi del petrolio negli Stati Uniti di circa il 65%. Poiché la domanda di carburante aumenta negli Stati Uniti e in Europa, in parte a causa delle politiche che favoriscono l’energia “verde”, il governo Biden ha anche imposto restrizioni impraticabili per Covid e vaccini al personale e ai lavoratori in ogni settore. Combina questo con interruzioni della catena di approvvigionamento e produttori di energia stranieri che non sono in grado o non vogliono aumentare la loro capacità di produzione – e hai la ricetta per quella che potrebbe essere la più grande crisi energetica della storia moderna.

Leggi anche:

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono ora ai massimi da sette anni , con le banche di Wall Street che avvertono che potrebbero essere in arrivo 120 dollari al barile di petrolio. Ad aprire la strada all’inflazione del carburante è la California, con il governatore di sinistra radicale Gavin Newsom che presiede i prezzi del gas più alti del paese, con una media di circa $ 4,658 al gallone , ben al di sopra della media nazionale di $ 3,416.

Articoli correlati

Nel frattempo, mentre il Partito Democratico e la sinistra internazionalista continuano a facilitare l’aumento dei prezzi del carburante, i tecnocrati d’élite di Davos hanno giocato l’altro lato di questa equazione – facendo pressioni affinché i paesi produttori di petrolio e gas pongano fine a tutti i sussidi agli idrocarburi (noti anche come “combustibili fossili”) . In effetti, il World Economic Forum ha condotto una campagna globale per porre fine ai sussidi ai combustibili fossili e afferma che questo denaro dovrebbe essere utilizzato per sostenere i cosiddetti investimenti “verdi” e le politiche proposte dai tecnocrati delle loro organizzazioni “stakeholder” preferite (ONG, think tank ambientali, fondazioni e enti di beneficenza), insieme ad attivisti burocrati dell’UE.

DECODIFICA DAVOS – THE GLOBAL ENDGAME

Perseguendo politiche che fanno aumentare i prezzi del carburante, creano interruzioni artificiali della catena di approvvigionamento, mentre contemporaneamente fanno pressione sui paesi affinché pongano fine ai sussidi per il carburante e agli investimenti infrastrutturali, l’élite di Davos e la loro coorte globalista stanno tentando di far deragliare e danneggiare qualsiasi concorrenza alla loro nuova agenda per l’energia verde. Non c’è dubbio che ciò a cui stiamo assistendo ora è un colpo di stato globalista , introdotto al potere attraverso una crisi energetica ingegnerizzata, tutto progettato per accelerare il Grande Reset e la sua agenda “Build Back Better“, guidata dall’amministrazione Biden.

Entro il 2030 non possederemo nulla e ne saremo felici

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!