Analisi Geo-Politiche non convenzionaliEight O’Clock in the MorningIntelPoliticaSocietà

INTERVISTA AL COLONNELLO WOLF DELL’ESERCITO JUGOSLAVO. UNA PERIZIA MILITARE SUL CONFLITTO IN UCRAINA

Quello che sta avvenendo non è una novità, la Russia è nel mirino da secoli. La situazione attuale è la conseguenza delle, a dir poco, ingenue decisioni prese dalla leadership sovietica e poi russa di fidarsi degli Stati Uniti e della NATO.

La situazione è cambiata solo negli ultimi 20 anni, ma il danno era già stato fatto, poiché la NATO è già alle porte della Russia. Le conseguenze sono catastrofiche, gli enormi sacrifici fatti dal popolo russo e da altri popoli dell’ex Unione Sovietica per sconfiggere il nazismo sono stati annullati con un tratto di penna. E ora il popolo russo è costretto a combattere la stessa battaglia contro lo stesso nemico, che sta costando la vita a soldati e civili allo stesso modo.

“Penso che tutta la disinformazione utilizzata dagli Stati Uniti e dalle altre potenze occidentali si ritorcerà inevitabilmente contro, poiché la loro popolazione sarà scioccata dall’esito di questa crisi”. 

Colonnello Wolf

L’operazione militare speciale in Ucraina è al centro della guerra dell’informazione in corso tra l’Occidente politico e la Russia da quasi 3 mesi. Il sostegno inequivocabile al regime di Kiev è un must assoluto per le élite politiche e dei mass media nei paesi della NATO e dell’UE. In questo quadro, dipingere la crisi ucraina come una sorta di sconfitta per la Russia è stata la norma. Per mantenere questa narrativa, i media mainstream occidentali trascorrono la maggior parte del loro tempo cercando disperatamente di distorcere la realtà. Ma per farlo in modo più efficace, hanno bisogno del dominio assoluto, non solo nel proprio spazio mediatico, ma in tutto il mondo.

Mantenere la narrativa nell’Occidente politico è possibile semplicemente vietando o sopprimendo qualsiasi fonte alternativa di informazione. In un tale clima mediatico, ottenere informazioni affidabili è diventato un compito laborioso. Per facilitare lo sforzo, abbiamo deciso di parlare con il colonnello Wolf.

Il colonnello Wolf, un ufficiale militare in pensione ed ex membro di un’unità di difesa aerea dell’esercito jugoslavo. Il colonnello Wolf è stato nell’esercito per 40 anni prima di ritirarsi e ha una vasta esperienza di combattimento, anche contro una forza aerea di gran lunga superiore, poiché aveva combattuto per difendere il suo paese dagli attacchi aerei degli Stati Uniti e della NATO nel 1999.

– Grazie per aver dedicato del tempo a partecipare a questa intervista, colonnello. Vorremmo iniziare ponendoci la domanda più ovvia di questi tempi. Pensa che gli obiettivi della campagna di propaganda dei media occidentali in corso siano di screditare la struttura statale della Federazione Russa e trasformare l’operazione militare speciale in un conflitto a lungo termine per esaurire la Russia?

Prima di tutto vorrei porgere i miei saluti ai vostri lettori e ringraziarvi per avermi invitato all’intervista. Per quanto riguarda la situazione attuale, vorrei innanzi tutto dire che questa crisi è una tragedia. E con questo non intendo l’operazione militare iniziata a fine febbraio, ma l’intero confronto che ha messo l’uno contro l’altro ucraini e russi e che è iniziato nel 2014, grazie all’ingerenza e agli imbrogli stranieri. A questo proposito, credo che le intenzioni dell’Occidente siano più che chiare.

E questa non è una novità, poiché la Russia è nel mirino da secoli. La situazione attuale è la conseguenza delle, a dir poco, ingenue decisioni prese dalla leadership sovietica e poi russa di fidarsi degli Stati Uniti e della NATO. La situazione è cambiata solo negli ultimi 20 anni, ma il danno era già stato fatto, poiché la NATO è già alle porte della Russia. Le conseguenze sono catastrofiche, poiché gli enormi sacrifici fatti dal popolo russo e da altri popoli dell’ex Unione Sovietica per sconfiggere il nazismo sono stati annullati con un tratto di penna. E ora il popolo russo è costretto a combattere la stessa battaglia contro lo stesso nemico, che sta costando la vita a soldati e civili allo stesso modo.

Quando si tratta della campagna mediatica rivolta alla Russia, ancora una volta, non è una novità. Ritrarre la Russia come cattiva è stata la norma per un po’ di tempo ormai, ma l’attuale crisi ha spinto questo all’estremo, virtualmente sul piede di guerra, come se l’Occidente stesse preparando il suo pubblico per la guerra con la Russia. Le informazioni che vengono fornite alle persone possono essere completamente false, ma non importa. Il finale è abbastanza ovvio. Spingere la Russia in un’altra irrilevanza geopolitica degli anni ’90, in modo che possa poi essere saccheggiata e lentamente smantellata, pezzo per pezzo. Ciò raggiungerebbe due obiettivi molto importanti per l’Occidente. In primo luogo, la rimozione di un rivale geopolitico, principalmente militare, e in secondo luogo, fornirebbe all’Occidente l’accesso alle risorse illimitate della Russia.

Questo è stato l’obiettivo di tutti gli attori geopolitici occidentali per quasi mille anni ormai, dai Cavalieri Teutonici a Napoleone, Hitler e la NATO al giorno d’oggi. È così ovvio che tutto ciò che devi fare è prendere una mappa e confrontare le aree in cui sosta ciascuno di questi invasori. Sono praticamente gli stessi.

– Come valuteresti le azioni delle forze armate russe in Crimea, Siria, Kazakistan?

Queste tre operazioni hanno alcune somiglianze, ma sono anche molto diverse sotto molti aspetti. L’operazione in Crimea è stata condotta senza sparare un solo colpo, per così dire. È stato fulmineo ed estremamente ben organizzato. L’intelligence dietro era superba. È stato anche un momento perfetto, dal momento che il nuovo regime a Kiev non era sufficientemente consolidato per rispondere in modo efficace, e non solo in Crimea, ma ovunque in Ucraina, del resto. Da un punto di vista militare, penso che la Russia avrebbe potuto condurre un’operazione del genere nell’intera o almeno nella maggior parte dell’Ucraina in quel momento. Tuttavia, è tutta un’altra questione l’efficacia con cui la Russia avrebbe gestito le sanzioni economiche e di altro tipo da parte dell’Occidente in quel momento, specialmente sulla scala che stiamo vedendo oggi.

Per quanto riguarda la Siria, quel conflitto era ed è tuttora uno sforzo molto più complicato per la Russia e le sue forze armate. L’assoluta concentrazione di attori regionali e globali coinvolti è un incubo geopolitico e militare. Francamente, sono stupito dal modo in cui la Russia e la sua élite diplomatica sono riuscite a mantenere praticamente intatto il delicato equilibrio strategico per tutti questi anni. La capacità della Russia di compartimentalizzare tutte le crisi, non solo in Siria, ma in Medio Oriente in generale, è a dir poco un miracolo. Ci sono così tanti elementi indipendenti, eppure inestricabilmente collegati e intrecciati nella tragica storia della Siria. Ci sono Russia, Israele, Iran, Siria, Iraq, Libano, Turchia, Stati Uniti, Regno Unito, UE, NATO, vari gruppi come i curdi, ma anche molti gruppi terroristici, che non sono universalmente accettati come terroristi, poiché alcuni considerano molti di loro essere la cosiddetta “opposizione democratica”.

Quindi, quando conduce l’operazione in Siria, la Russia deve tenere conto di tutti questi attori. A volte era possibile collaborare con alcuni di loro, ma spesso era più facile a dirsi che a farsi. Dal punto di vista militare, l’operazione è stata fantastica. Indipendentemente dalle difficoltà e dalla situazione costantemente instabile, le forze russe sono state coerenti e determinate a completare la loro missione. Sono particolarmente stupito dalle superbe prestazioni delle unità di difesa aerea russe. Nonostante gli attacchi quotidiani di droni, mortai, razzi e altre armi, il raggruppamento di forze russe non solo è al sicuro, ma continua ad avanzare e fornire supporto all’esercito siriano, che è stato anche trasformato da zero, trasformandolo in una forza micidiale, perfettamente in grado di affrontare minacce terroristiche e attacchi aerei allo stesso modo.

Quando si tratta dell’operazione in Kazakistan, si colloca da qualche parte tra la Siria e la Crimea, anche se molto più vicina a quest’ultima. La situazione in Kazakistan era un tentativo di distogliere l’attenzione della Russia e impantanare il paese, in modo che l’Ucraina potesse prendere il Donbas con poca o nessuna interferenza da parte della Russia. Ovviamente, questo è fallito, ma dimostra che l’Occidente ha ancora una notevole influenza in Asia centrale e altrove nella regione post-sovietica. La reazione di Russia e CSTO è stata molto simile a quella in Crimea, anche se ci sono state alcune vittime in Kazakistan. Fortunatamente, non era affatto vicino agli eventi in Siria o in Ucraina. Militarmente, è stato condotto professionalmente come i due precedenti.

Anche i servizi di intelligence hanno fatto un ottimo lavoro. Dall’operazione è emersa anche la necessità di una maggiore cooperazione e interoperabilità all’interno della CSTO, di cui si è parlato, se non sbaglio, anche in un recente incontro a Mosca.Commento: CSTO: Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva

– Le azioni delle forze armate russe mirano a prevenire perdite su larga scala tra la popolazione civile e persino enormi perdite delle forze armate ucraine. Un buon esempio è il ritiro delle truppe russe da Kiev per evitare vittime civili su larga scala. In questo, le tattiche della Russia differiscono dalle azioni degli Stati Uniti, che hanno completamente distrutto città come Mosul e Raqqa. Come valuta la differenza nelle azioni dei due eserciti?

La differenza è principalmente dottrinale. Gli Stati Uniti e la NATO sono fortemente concentrati sulla potenza aerea. Senza di essa, il loro stile di guerra si sgretola efficacemente. Le forze di terra dei paesi della NATO non si impegnano mai in combattimento senza il completo dominio aereo. E anche allora esitano, come è successo nel mio paese, dove non hanno osato condurre un’invasione di terra, poiché i gruppi terroristici che hanno armato, finanziato e sostenuto direttamente fornendo copertura aerea sono stati sonoramente sconfitti dal nostro (jugoslavo) esercito. Il loro comando ha valutato che ci sarebbero state perdite inaccettabili sul terreno, quindi hanno fatto ricorso al bombardamento di massa di civili e infrastrutture civili. Ha funzionato, poiché il nostro governo si è reso conto che le vittime civili che erano in migliaia in quel momento si sarebbero presto trasformate in decine di migliaia se i bombardamenti fossero continuati. Per non parlare dell’aggravarsi del disastro umanitario che stava già colpendo milioni di persone.

L’Iraq è stato sfortunato a sperimentare questo nell’arco di diversi decenni. Milioni di persone sono state uccise in Iraq, il che è una testimonianza della brutalità della NATO e del completo disprezzo per la sicurezza del popolo iracheno. Dato che gli Stati Uniti hanno bombardato l’Iraq in modo intermittente per decenni, non vedo perché dovrebbero improvvisamente iniziare a preoccuparsi dei civili, ora o mai più. Peggio ancora, l’ attacco dell’ISIS all’Iraq è stato il risultato diretto dell’aggressione statunitense in Medio Oriente.

Per salvare la faccia e respingere i terroristi in Siria, in modo che potessero continuare l’operazione di cambio di regime, gli Stati Uniti sono intervenuti, ma si sono rifiutati di inviare forze di terra, ad eccezione dei servizi segreti e delle forze speciali. E anche loro furono usati come parte integrante dell’operazione di bombardamento. Questo è il motivo per cui tutte queste città nel nord e nell’ovest dell’Iraq hanno sofferto tremendamente.

C’è anche una grande differenza tra le azioni degli Stati Uniti in Iraq e della Russia in Ucraina. Gli Stati Uniti non vedono il popolo iracheno come loro. Il popolo iracheno, e gli arabi in generale, sono stati demonizzati dai media statunitensi e occidentali per un po’ di tempo. Ciò ha avuto un effetto disumanizzante che ha provocato un numero elevato di vittime tra gli iracheni. La Russia, d’altra parte, vede il popolo ucraino come un parente. Lo stesso presidente Putin lo dice da anni ed è abbastanza ovvio che l’ esercito russo sta facendo di tutto per proteggere i civili in Ucraina, in alcuni casi anche a spese delle proprie truppe, cosa estremamente rara in operazioni militari di tale portata. Certamente non ho mai visto nulla di simile a questo durante le operazioni condotte dalla NATO. Lo dimostra anche il ritiro della Russia dalle aree settentrionali dell’Ucraina. Limitando le operazioni su larga scala al Donbas, l’ esercito russo sta cercando di ridurre la portata territoriale dei combattimenti. Ovviamente l’obiettivo è concludere l’operazione il prima possibile e costringere il governo di Kiev a capitolare o almeno a firmare un trattato di pace favorevole alla Russia.

– Il comando ucraino usa le grandi città come fortezze e le loro popolazioni come scudi umani. Un buon esempio è il reggimento Azov e la popolazione di Mariupol. Come ti senti riguardo a tali tattiche di guerra?

Detesto e rifiuto con tutto il cuore queste tattiche. Trovo difficile immaginare un comportamento più vergognoso. L’onore militare dovrebbe indurre qualsiasi ufficiale rispettabile a rifiutare anche l’idea di utilizzare i civili a tale scopo . Durante l’aggressione della NATO alla Jugoslavia, il nostro esercito ha fatto tutto il possibile per rimuovere le nostre forze dalle città. Sapevamo benissimo cosa potevano fare i bombardamenti su larga scala alla nostra gente e abbiamo fatto tutto il possibile per prevenirlo. È stato solo dopo che gli Stati Uniti e la NATO hanno fallito militarmente e hanno esteso le loro operazioni alle aree residenziali e alle infrastrutture civili che il nostro governo ha deciso di negoziare con l’aggressore.

Quello che posso concludere dalla condotta dell’esercito ucraino è che semplicemente non vede la popolazione ucraina come propria. Se lo facessero, di certo non collocherebbero le loro truppe all’interno di paesi e città, specialmente non città delle dimensioni di Kiev o Kharkov, poiché ciò mette direttamente a rischio milioni di persone. L’Ucraina è il paese più grande d’Europa. Sono sicuro che c’è spazio più che sufficiente per condurre operazioni militari a decine, se non centinaia di chilometri di distanza da aree densamente popolate.

– La Russia sta cercando di limitare la natura dell’operazione speciale, mantenendo un atteggiamento umano nei confronti della popolazione civile e del nemico. Qual è la sua valutazione delle azioni delle forze armate russe in questo senso?

Come ho affermato prima, penso che questo sia l’unico modo in cui dovrebbero essere condotte le operazioni militari. Naturalmente, è meglio cercare di evitare l’azione militare quando possibile, ma se è assolutamente necessario, semplicemente non c’è altro modo, se i civili devono essere risparmiati. Credo che la Russia offrirà un trattato di pace dopo il completamento dell’operazione nel Donbass per evitare ulteriori spargimenti di sangue, ma data la mancanza di una reale sovranità a Kiev, temo che si rifiuteranno di negoziare. Ciò costringerà la Russia a continuare l’operazione, che potrebbe trascinare il conflitto per mesi. Credo che la Russia si prenderà il suo tempo, perché cercare di ridurre le vittime civili rallenta inevitabilmente le operazioni militari.

– Uno dei principali mezzi di provocazione da parte dei media occidentali è l’uso regolare di informazioni inaffidabili e talvolta disoneste sulla massima leadership politico-militare della Federazione Russa (Capo del Ministero della Difesa, Capo di Stato Maggiore Generale). Una tale serie di azioni sembra giustificata per screditare i leader russi agli occhi della comunità internazionale?

Bene, sai cosa si dice in Occidente: “Tutto è lecito in amore e in guerra”. Penso che questo sia particolarmente vero per la guerra ibrida che ha preso forma negli ultimi decenni. L’informazione, o per meglio dire, la disinformazione è uno degli aspetti più importanti della guerra moderna. L’obiettivo è demoralizzare l’avversario, rafforzando la propria determinazione nel processo. Tuttavia, questo dovrebbe essere abbinato a reali successi sul campo. Il problema è che ci sono pochi o nessun successo del genere per l’Occidente in Ucraina. Certo, potrebbero esserci dei piccoli successi tattici, ma la situazione generale sembra piuttosto cupa per le forze ucraine. Per distogliere l’attenzione da ciò, gli Stati Uniti e la NATO hanno bisogno almeno di qualcosa.

Ma poiché non c’è quasi nulla che possono usare, diffondono vere e proprie bugie come parte di un più ampio sforzo di disinformazione per ritrarre la Russia, le sue forze armate e la leadership militare e politica come incompetenti e divise.

Naturalmente, questo può avere solo un effetto molto limitato in termini di prestigio internazionale della Russia, perché i leader di tutto il mondo sono perfettamente consapevoli di quello che sta succedendo. È ovvio che tutta la disinformazione è destinata principalmente al consumo interno. Lo vediamo anche nelle azioni degli alti funzionari statunitensi. Ad esempio, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Mr. Austin, ha affermato apertamente che l’obiettivo degli Stati Uniti è quello di indebolire la Russia. Tuttavia, proprio l’altro giorno, ha chiamato il suo omologo russo, il generale Sergei Shoigu, per chiedere un cessate il fuoco immediato. Chiediti solo, perché la parte che presumibilmente sta vincendo dovrebbe chiedere un cessate il fuoco?

Trovo questo molto indicativo della situazione reale sul campo. Anche se non sapessi nulla di questioni militari, anche se non ci fossero informazioni in tempo reale dal campo di battaglia, per me questo sarebbe un chiaro segno di ciò che sta realmente accadendo. Questo è il motivo per cui penso che tutta la disinformazione utilizzata dagli Stati Uniti e dalle altre potenze occidentali si ritorcerà inevitabilmente contro, poiché la loro popolazione sarà scioccata dall’esito di questa crisi.

– Grazie mille, colonnello. È stato un piacere ascoltare il suo punto di vista.

Grazie per avermi invitato. Ancora una volta, i migliori saluti a Te e ai Tuoi stimati lettori.

Fonte: https://southfront.org/russian-special-military-operation-in-ukraine-military-experts-opinion-interview/

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!