Database Italia

IOANNIDIS E IL“TRIBALISMO MEDICO” DEL COVID.

La grande operazione Covid è stata per tempo orchestrata secondo una capillare e studiata opera di diffamazione e silenziamento delle voci critiche. Abbiamo visto farlo sulle biografie Wikipedia di virologi “covid-scettici” come Tarro, le campagne di diffamazione a mezzo stampa di scienziati come Montanari etc. Questo solo sullo scenario italiano. Ma il format è proceduto su scala quasi mondiale, o almeno nel mondo occidentale. Uno dei più colpiti dalla demagogia scientifica del Covid è stato il grande prof. John Iaonnidis della Stanford University, epidemiologo e ricercatore di fama mondiale.

Ora, occorre fare un breve passo indietro, nella guerra occulta che si è svolta dietro la facciata dell’Operazione Corona (di cui rimandiamo al nostro omonimo libro, in uscita a breve), la Stanford University è stata la principale centrale di resistenza al progetto lockdownista, in realtà un programma criptopolitico rispondente agli interessi allarmistici della Gates Foundation, e al “Reset globale” sponsorizzato dal World Economic Forum1 che peraltro è stato l’ospite di Event 201. Dalla Stanford University sono venuti i principali critici accademici all’operazione pandemica e alle sue ricette criptopolitche (propaganda allarmistica, militarizzazione, lockdown etc.). Mentre la centrale principale della risposta globale, quella divenuta mainstream, è stata partorita dall’Imperial College di Londra, in particolare nel prof. Neil Ferguson quale “padre” o inventore dell’inaudito lockdown. Dell’Imperial College sono noti i finanziamenti da parte della Gates Foundation (i dettagli nel nostro libro ‘Operazione Corona, colpo di Stato globale’, insieme a tutti i retroscena del caso).

Fatte questa premessa, vogliamo tradurre per il pubblico Italiano un articolo equilibrato di due giornalisti statunitensi, J. Lenzer e S. Brownlee che ristabilisce la verità sul prof. Ioannidis e testimonia del clima “infame” (per usare una famosa espressione craxiana) che si è creato attraverso attacchi giornalistici e critiche ben poco scientifiche. Testimonia del livello di politicizzazione che la narrazione scientifica ha assunto in questo 2020 e il totale asservimento, quale raramente è avvenuto in passato, a logiche extra-scientifiche. D’altra parte questa caduta di credibilità della scienza, nell’abbandono del metodo scientifico, è andata di pari passo con l’elevazione della scienza a idolo da adorare ed estrema istanza per l’imposizione di scelte pubbliche. Ovviamente solo per ciò che riguarda modelli scientifici confacenti al programma politico che si intende portare avanti. Per questo si parla di tribalismo medico, mentre più in generale, forse dovremmo parlare di irrazionalismo scientifico. Le ricerche del prof. Iaonnidis, attraverso studi sierologi su ampi campioni statistici, hanno mostrato un quadro più realistico della sieroprevalenza del nuovo coronavirus, opera che ha svolto da noi anche il dr. Paquale Bacco. Queste indagini hanno fatto crollare l’indice di letalità IFR del Covid a valore tipici dell’influenza, confermando appunto la spiegazione che molti davano all’inizio sulla reale portata della malattia. Malgrado questo abbia distrutto le ipotesi che giustificarono i lockdown (letalità del 3,4% secondo l’OMS; dell’1% secondo l’Imperial College, entrambe falsificate dai fatti e dalle evidenze attuali), l’irrazionalismo mediatico-scientifico-politico continua a imporre misure dittatoriali in Europa basate sulla presunta “emergenza Covid”. È anche doveroso aggiungere che in genere, in Occidente, i partiti della sinistra globalista sono stati i principali sostenitori dell’operazione lockdowinista del Covid (con lodevoli eccezioni, il fisico inglese Piers Corbyn, fratello del leader laborista Jeremy, è fra i principali “negazionisti”, secondo la spregiativa nomenclatura voluta dal mainstream); d’altra parte i sovranisti come Trump e Bolsonaro hanno ammesso trattarsi di un fenomeno tipicamente e classicamente influenzale, ovviamente con eccezioni anche in questo campo: la destra italiana ha rappresentato la principale defezione nel campo sovranista, mentre la Le Pen si è tenuta in cauto e sospetto silenzio… Molti hanno attesto a prendere una posizione, forse in attesa degli eventi finali per salire ad ultimo sul carro del vincitore.

Fatta questa premessa riportiamo per il pubblico italiano l’articolo2 dei nostri due Autori:

Sotto molti riguardi John Ioannidis è un leone della scienza medica. Il professore della Stanford University è l’autore di alcuni degli articoli di riviste più citati nella storia della medicina. La sua ricerca in statistica e biomedicina ha probabilmente cambiato la pratica della medicina. Un articolo del 2010 su The Atlantic diceva che “Ioannidis potrebbe essere uno degli scienziati più influenti in vita”. Ma leggendo i commenti su di lui oggi mai niente di tutto questo potrebbe emergere al grande pubblico. È iniziato il 17 marzo, quando Ioannidis ha pubblicato un saggio d’opinione su STAT affermando che i dati sul Covid-19 non erano sufficienti per conoscere la reale prevalenza e il tasso di mortalità della malattia. Ha anche sostenuto che gli scienziati erano all’oscuro di quali misure di distanziamento e di blocco funzionassero, quali no, e quali potrebbero essere i danni a valle di tali misure. Tutto ciò era vero, anche se la sua stima iniziale che solo 10.000 potrebbero morire negli Stati Uniti si è rivelata sbagliata. Ioannidis ha continuato dicendo che impedire alle persone di lavorare o di lasciare le loro case potrebbe causare più danni del virus stesso. È stato questo ultimo pezzo che ha scatenato la tempesta di critiche. Un tipico commento su Twitter è arrivato da Richard Ebright, professore di chimica e biologia chimica alla Rutgers University, che ha definito il saggio “sciocchezze senza contenuto, senza logica”. Per i detrattori, l’argomento di Ioannidis secondo cui i dati sia sul virus che sui blocchi erano insufficienti equivaleva a dire “Non fare nulla”.

Per quanto rapida e punitiva fosse la reazione, forse non sorprendeva. La scienza può essere un’arena ruvida e aspra, dove i ricercatori si lanciano discussioni a vicenda con trasporto. Criticano regolarmente i metodi, le analisi statistiche e le conclusioni degli altri. E in questo caso la posta in gioco era straordinariamente alta. Una stima iniziale suggeriva che 2,2 milioni di persone solo negli Stati Uniti sarebbero morte se il Covid-19 non fosse stato controllato. Ma gli attacchi a Ioannidis da parte della comunità medica e della stampa popolare sono diversi. Sono venati di partigianeria, con ogni fazione che sembra abbracciare la matematica che serve alle loro alleanze politiche. Ricercatori di solito sobri hanno attaccato i metodi di Ioannidis con argomenti iperbolici ed emotivi che suggeriscono che non è tanto la sua scienza ma le sue domande a non piacere. Politicizzando il lavoro di Ioannidis, sia la sinistra che la destra non sono riuscite a comprendere o riconoscere le questioni critiche che solleva. In tal modo, impediscono la nostra capacità come nazione di rispondere in un modo che riduce al minimo le morti, non solo per la malattia, ma anche per la nostra reazione ad essa. Fin dall’inizio della pandemia, c’è stata incertezza riguardo a due informazioni cruciali sul Covid-19: la sua prevalenza, o la percentuale della popolazione infetta dalla malattia; e il suo tasso di mortalità per infezione, la percentuale di persone infette che muoiono. Molte prime stime collocano tale tasso intorno all’1%, circa 10 volte più letale dell’influenza stagionale. Ad aprile, un paio di settimane dopo che il saggio di Ioannidis era apparso su STAT, lui e altri 16 ricercatori hanno condotto uno studio a Santa Clara, California, per definire meglio il tasso di mortalità dell’infezione. I ricercatori hanno testato il sangue di 3.330 partecipanti e hanno scoperto che 50 avevano anticorpi contro Covid-19, indicando che erano stati infettati dal virus – molti di loro senza nemmeno saperlo. Questa scoperta ha suggerito che la prevalenza di Covid-19 nella contea di Santa Clara era di gran lunga superiore a quanto indicato dai conteggi ufficiali e che il tasso di mortalità dell’infezione era quindi molto inferiore a quanto precedentemente temuto, solo intorno allo 0,17%. (La versione originale del manoscritto indicava un tasso di mortalità compreso tra lo 0,12 e lo 0,2%.) Ne conseguiva che i blocchi prolungati potrebbero non essere l’approccio migliore per controllare i danni causati dal virus. Sebbene la stima del gruppo di Stanford del tasso di mortalità dell’infezione cada al limite inferiore dell’intervallo ottenuto in altri studi sugli anticorpi, non è un valore anomalo. Una meta-analisi di Ioannidis ha scoperto che altri gruppi hanno stimato in modo indipendente tassi di mortalità simili. Anche i Centers for Disease Control and Prevention hanno posizionato il tasso di mortalità del caso allo 0,4%, il che significa che il tasso di letalità per infezioni è sostanzialmente inferiore. Eppure lo studio di Santa Clara è stato scelto per attacchi particolarmente acuti.

Alcuni critici hanno suggerito che i ricercatori di Stanford avevano influenzato lo studio verso la ricerca di un’alta prevalenza, per giustificare l’argomento di Ioannidis secondo cui le stime iniziali dei tassi di mortalità erano gonfiate. Altri critici hanno affermato che il test degli anticorpi utilizzato nello studio di Santa Clara era così inaffidabile che era possibile che nessuno dei 50 partecipanti risultati positivi fosse stato effettivamente infettato. Ciò, nonostante il fatto che quasi tutte le indagini fino ad oggi soffrano di problemi di affidabilità dei test simili in aree a bassa prevalenza. Altri ancora hanno sostenuto che la decisione del team di Stanford di reclutare soggetti tramite Facebook ha forse distorto il gruppo campione verso individui più sani e più ricchi, sebbene non ci fosse quasi alcuna critica per un sondaggio dello Stato di New York che ha reclutato soggetti di prova in negozi di alimentari e negozi o per uno studio nella contea di Los Angeles che si rivolgeva ai ricchi. Lo studio di Santa Clara ha preso piede sulla stampa popolare, dove opinionisti e giornalisti si sono rapidamente schierati. La stampa di destra si è affrettata ad accettare l’idea che la minaccia della pandemia fosse stata esagerata. Ioannidis ha guadagnato elogi nella National Review. Il DailyWire.com, un sito web di notizie e opinioni di destra, ha affermato che i liberali hanno “continuato a illuminare il pubblico con numeri gonfiati di pandemia e ha chiesto la fine dei blocchi” distopici “. Laura Ingraham di Fox News, una testata conservatrice, aveva Ioannidis nel suo show.

Da sinistra, The Nation ha pubblicato un articolo definendo il lavoro di Ioannidis un “segno nero” alla Stanford University. La fonte dell’ira della nazione era un articolo nel media di sinistra BuzzFeed News, di Stephanie Lee, suggerendo che Ioannidis non avesse rivelato un potenziale conflitto di interessi nello studio di Stanford. Lee ha scritto: “Ioannidis e i suoi coautori non hanno rivelato che lo studio è stato finanziato in parte da [David] Neeleman”, la cui società JetBlue poteva trarre vantaggio dalla ricerca che indicava che la minaccia di Covid-19 era stata sovrastimata. Citando dalla denuncia di whistleblower anonimao, Lee ha scritto: “La preoccupazione che gli autori siano stati colpiti da un grave conflitto di interessi è inevitabile”. Con quell’accusa, anche alcuni alleati medici di vecchia data di Ioannidis iniziarono a dileguarsi. Ma si è scoperto che al contraccolpo mancava un contesto cruciale. Neeleman ha effettivamente fatto una donazione di $ 5.000 allo studio, ma è stata collocata da Stanford in un fondo anonimo che secondo l’università è stato creato per garantire l’indipendenza dei ricercatori. Ioannidis ci ha detto di aver appreso della donazione di $ 5.000 solo quando è apparso l’articolo su BuzzFeed. Ha detto: “Io e molti altri abbiamo investito il nostro tempo e i nostri sforzi nel progetto completamente gratuitamente”. Sebbene Eran Bendavid, l’investigatore principale dello studio, affermi di aver avuto una corrispondenza con Neeleman mentre il lavoro era in corso, ci ha detto di aver appreso della donazione di Neeleman solo da un’e-mail dell’ufficio di sviluppo della Stanford. Quell’e-mail, che ha condiviso con noi, era datata 15 aprile, un giorno dopo che lo studio era stato completato e inviato per la pubblicazione sul server di pre-print MedRxiv.

Gli attacchi a Ioannidis sono arrivati ​​presto e spesso. Pochi giorni dopo la pubblicazione dello studio, lo statistico della Columbia University Andrew Gelman ha scritto che Ioannidis e i suoi coautori “devono delle scuse non solo a noi, ma a Stanford”. E a maggio, YouTube ha ritirato una delle interviste di Ioannidis, dicendo che conteneva “disinformazione medica”. Nonostante le numerose domande, né YouTube né la sua società madre, Google, hanno rivelato quale parte dell’intervista potrebbe essere interpretata come disinformazione. La politicizzazione della medicina e della scienza non è una novità. Ma alcune persone sembrano pensare che questo tribalismo sia di proprietà della destra politica – che la destra sfrutti la scienza come propaganda, mentre la sinistra si impegna in ” discussioni e dibattiti “. Ma nel caso di Ioannidis, la sfumatura si è persa da entrambe le parti.

Le opinioni di Ioannidis sui blocchi, lungi dall’allinearsi al desiderio trumpiano di beneficiare Wall Street, sono coerenti con il suo lavoro di lunga data, che ha regolarmente sottolineato come i ricercatori spesso minimizzano o ignorano i danni degli interventi medici. Come ha scritto a un elenco privato di medici e ricercatori, “Chiuderci nelle nostre splendide dimore e continuare con le nostre videoconferenze praticamente non fa nulla per le case di cura e gli ospedali cronicamente mal preparati. . . Uccide anche i poveri, gli svantaggiati. . . ” Ha avvertito che il blocco prolungato causerà fame, violenza, povertà e morti che potrebbero superare il numero di vite salvate evitando le infezioni da Covid-19.

Non è solo in queste preoccupazioni. Il Programma alimentare mondiale stima che 265 milioni di persone in tutto il mondo potrebbero dover affrontare la fame e la fame a causa di interruzioni nell’approvvigionamento alimentare legate al blocco. Lo scrittore di affari Tom Keane suggerisce, sulla base di uno studio che collega i tassi di morte alla disoccupazione, che la perdita di posti di lavoro legata alla pandemia nei soli Stati Uniti potrebbe tradursi in 815.000 morti in più nei prossimi 10-17 anni.

Ioannidis uscirà quasi certamente da questo imbroglio con la sua reputazione di ricercatore rigoroso ripristinata, ma il livello di vetriolo che ha preso di mira il suo lavoro sta inducendo altri nella comunità medica ad autocensurarsi, come ci hanno riconosciuto numerosi medici e ricercatori. Questo è il peggior risultato possibile durante una pandemia, quando c’è ancora tanto da imparare. Ioannidis, giusto o sbagliato, ha sollevato questioni difficili, nella migliore tradizione della scienza. Metterlo a tacere è un rischio enorme da correre.

Gli Autori hanno dato una lettura equilibrata e centrista. La realtà è che gli studi attuali, anche alla luce di ammissioni dell’OMS stessa ha indirettamente ammesso conclusioni simili3, dopo aver riconosciuto un’alta prevalenza nella popolazione mondiale, assi più del previsto (10% della popolazione mondale)4. Ma allora, non si tratta di una politicizzazione da “entrambe” le parti, ma da una univoca mistificazione dei fatti, portata avanti da mesi dal fronte globalista, visto che per mesi si è andati avanti ignorando gli studi svedesi, quelli di Ioannidis etc., riprendendo sempre la canzone pandemica di Bill Gates, l’unico a non essere né medico, né tanto meno laureato, in tutta questa lotta di autori accademici?

E perché mai, le autorità pubbliche e i governi europei, dopo che USA e Brasile e diversi stati nel contenente americano, oltre alla Russia, stanno riaprendo e abbandonando ogni politica restrittiva, continuano a paventare nuovi lockdown, anche se ora l’indice di letalità, l’unica supposta prova a favore dei lockdown, si è universalmente abbassato? Anzi, perché l’indice di letalità è sparito dalla comunicazione giornalistica?

1 http://www.renovatio21.com/economia-e-pandemia-ora-arriva-il-grande-reset-di-davos/

2 https://undark.org/2020/06/11/john-ioannidis-politicization/

3 https://www.byoblu.com/2020/10/07/covid-19-adesso-loms-da-i-numeri-reali-il-tasso-mondiale-di-letalita-e-dello-014/

4 https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_ottobre_07/coronavirus-oms-contagiato-10-cento-popolazione-mondiale-cd31d5dc-07f0-11eb-a1db-10b0d3200beb.shtml



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments