Database Italia

Iran, il Generale Soleimani era in possesso di video e file audio di colloqui Pentagono-ISIS

TEHERAN – Il consigliere speciale del portavoce del parlamento iraniano per gli affari internazionali Hossein Amir Abdollahian ha dichiarato che l’ex comandante dell’IRGC Quds Force, il tenente generale Qassem Soleimani, possedeva filmati e file audio che dimostrano la collaborazione tra i comandanti militari statunitensi e i terroristi dell’ISIS in Iraq.

“Lui (il generale Soleimani) mi ha detto di essere in possesso di filmati che dimostrano che 5 aerei logistici americani sbarcarono all’aeroporto di Mosul che all’epoca era sotto l’occupazione dell’ISIS e che i generali statunitensi scesero dall’aereo ed entrarono all’aeroporto di Mosul. Hanno negoziato con i leader dell’ISIS per 5 ore ”, afferma Amir Abdollahian citando il generale Soleimani.

“Il generale Soleimani ha dichiarato di avere i file video e audio dei discorsi e che li avrebbe rilasciati ogni volta che lo avrebbe ritenuto opportuno”, ha aggiunto.

Amir Abdollahian ha anche avvertito dei tentativi degli Stati Uniti di prolungare la propria presenza militare in Iraq nell’ambito delle missioni della NATO e ha detto che l’Iran ha dato un avvertimento iniziale agli americani con attacchi missilistici sulla base di Ein al-Assad in Iraq dopo l’assassinio del generale Soleimani.

Il tenente generale Soleimani è stato assassinato in un attacco con dei droni Statunitensi all’aeroporto internazionale di Baghdad, in Iraq, il 3 gennaio. L’attacco aereo ha anche ucciso Abu Mahdi al-Muhandis, vice comandante delle forze di mobilitazione popolari irachene (PMF). I due furono uccisi in un attacco aereo americano che colpì il loro veicolo sulla strada per l’aeroporto. Furono uccisi anche cinque militari iraniani e cinque iracheni.

L’8 gennaio, l’IRGC Aerospace Force ha iniziato pesanti attacchi missilistici balistici contro la base aerea americana Ein Al-Assad nell’Iraq sudoccidentale vicino al confine con la Siria e una base aerea operata dagli Stati Uniti a Erbil in rappresaglia per l’assassinio americano del generale Soleimani.

Ein Al-Assad è una base aerea con una pista di 4 km a 188 m di altitudine dal livello del mare, che è la base aerea principale e più grande degli Stati Uniti in Iraq. I primi rapporti hanno riferito che i sistemi radar e gli scudi di difesa antimissile di Ein Al-Assad non sono riusciti a intercettare i missili iraniani. Rapporti non ufficiali affermano che i sistemi radar centrali dell’esercito americano ad Ein Al-Assad siano stati bloccati da elettroniche.

Il secondo attacco di rappresaglia dell’IRGC ha preso di mira una base militare americana nei pressi dell’aeroporto di Erbil, nella regione del Kurdistan iracheno, nella seconda tappa dell’operazione “Martyr Soleimani”. L’Iraq ha affermato che gli attacchi non hanno causato alcuna perdita di uomini dell’esercito di stanza in queste due basi. L’esercito americano aveva bloccato l’ingresso in Ein Al-Assad a tutti, compreso l’esercito iracheno.

E’ stato il primo attacco diretto contro l’esercito americano dalla Seconda Guerra Mondiale. I funzionari dell’IRGC affermano che nessuno dei missili è stato intercettato. L’Iran ha annunciato a fine giugno di aver emesso mandati di arresto per 36 funzionari degli Stati Uniti e di altri paesi coinvolti nell’assassinio del generale Soleimani.

“36 persone che sono state coinvolte o hanno ordinato l’assassinio di Hajj Qassem, compresi i funzionari politici e militari degli Stati Uniti e di altri governi, sono state identificate e sono stati emessi mandati di arresto per loro da parte degli ufficiali giudiziari e sono stati emessi anche red allert per loro tramite l’Interpol “, ha affermato il procuratore generale di Teheran Ali Alqasi Mehr.

Le persone processate sono accusate di omicidio e azione terroristica.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.