Database Italia

ISRAEL NATIONAL NEWS (INN) : “SARÀ UN NUOVO OLOCAUSTO.”




Il vaccino della Pfizer ha ucciso “circa 40 volte più persone (anziane)” e “260 volte” più giovani di “ciò che il virus COVID-19 avrebbe fatto in un determinato lasso di tempo”.
LifeSiteNews ha prodotto un’ampia pagina di risorse sui vaccini COVID-19 (https://lifefacts.lifesitenews.com/covid-19/ ).
1 marzo 2021 (LifeSiteNews) – Mentre a gennaio un gruppo di medici indipendenti ha concluso che i vaccini sperimentali COVID-19 “non sono più sicuri” del virus stesso (https://www.lifesitenews.com/news/frontline-doctors-experimental-vaccines-not-safer-than-covid-19 ), una nuova analisi dei tassi di mortalità correlata al vaccino in Israele dimostra che ciò potrebbe effettivamente essere il caso a livelli drammatici.

Una nuova analisi dei dati pubblicati dal Ministero della Salute israeliano da parte del dottor Hervé Seligmann, membro della facoltà di Medicina delle malattie infettive e tropicali emergenti dell’Università di Aix-Marseille, e dell’ingegnere Haim Yativ rivelano, in breve, che il vaccino sperimentale con mRNA della Pfizer ha ucciso “circa 40 volte più persone (anziane) di quanto la malattia stessa avrebbe ucciso” durante un recente periodo di vaccinazione di cinque settimane.

Tra la classe più giovane, questi numeri sono aggravati dai tassi di mortalità a 260 volte quello che il virus COVID-19 avrebbe affermato nel periodo di tempo stabilito.
Mentre l’analisi matematica completa può essere trovata nell’articolo stesso, gli autori dimostrano come tra “quelli vaccinati e sopra i 65, lo 0,2 per cento sia morto durante il periodo di tre settimane tra le dosi, quindi circa 200 su 100.000 vaccinati. Questo è da confrontare con i 4,91 morti su 100.000 morti di COVID-19 senza vaccinazione “.
Come riportato da Israel National News, INN (Vaccination in Israel: Challenging mortality figures? ), Seligmann è di nazionalità israeliano-lussemburghese, ha una laurea in biologia presso l’Università ebraica di Gerusalemme e ha scritto più di 100 pubblicazioni scientifiche.

L’INN riferisce che i ricercatori “non hanno conflitti o interessi diversi dall’avere figli in Israele”. Inoltre, entro diversi mesi si aspettano “effetti avversi a medio e lungo termine della vaccinazione poiché ADE (Aumento della dipendenza da anticorpi )” inizia a manifestarsi in coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer sperimentale.
Come spiegato da America Frontline doctors (AFLDS), ADE “è quando gli anticorpi anti-COVID, creati da un vaccino, invece di proteggere la persona, causano una malattia più grave o letale quando la persona è in seguito esposta a SARS-CoV-2. Il vaccino amplifica l’infezione piuttosto che prevenirne il danno “.
Secondo l’INN, i ricercatori chiamano queste imposizioni draconiane “un nuovo Olocausto”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.