Quantcast
Database Italia

Israele bombarda Gaza per il decimo giorno consecutivo

Fonti palestinesi hanno riferito danni leggeri ma nessuna vittima dopo il raid a Khan Yunis, nel sud di Gaza

Gli aerei israeliani hanno lanciato incursioni contro Gaza nella tarda serata di giovedì in risposta al presunto lancio di razzi dalla Striscia di Gaza, mentre i mediatori cercavano di accordare la fine dell’ultima riacutizzazione del conflitto.

Razzi sono stati lanciati contro Israele ma si sono stranamente schiantati all’interno dell’enclave palestinese, secondo testimoni e fonti della sicurezza di Gaza citate da AFP. Fonti palestinesi hanno riferito danni leggeri ma nessuna vittima dopo il raid israeliano a Khan Yunis, nel sud di Gaza.

Gli ultimi scambi sono seguiti al fuoco anticarro dell’esercito israeliano in mattinata contro Hamas, il partito di fatto al governo nel territorio palestinese. Israele ha recentemente minacciato Hamas di rischiare la “guerra” non riuscendo a fermare i palloni incendiari che2si dice” vengano lanciati oltre il confine.

L’esercito israeliano ha confermato gli attacchi aerei su Twitter.

Israele ha bombardato Gaza quasi ogni notte dal 6 agosto, come rappresaglia per i palloncini o, meno frequentemente, per il lancio di razzi. Ha anche rafforzato il blocco di 13 anni contro i due milioni di abitanti di Gaza.

Inoltre, Israele ha vietato ai pescatori di Gaza di andare per mare e ha chiuso i suoi attraversamenti di merci con il territorio, provocando la chiusura dell’unica centrale elettrica di Gaza per mancanza di carburante.

Funzionari della sicurezza di Gaza hanno detto che gli attacchi hanno colpito i posti di osservazione di Hamas vicino ai campi profughi di al-Maghazi e al-Bureij e alla città di Khan Yunis, senza causare vittime.

Da quando gli scambi sono scoppiati due settimane fa, le rappresaglie israeliane hanno coinvolto principalmente aerei da guerra e fonti della sicurezza di Gaza hanno affermato che il passaggio ai carri armati potrebbe essere un’ ennesima intimidazione.

Su twitter decine di migliaia di commenti sull’ insostenibile situazione in Palestina e sul silenzio del Mainstream italiano e internazionale:

Mediazione egiziana

Le rappresaglie sono arrivate dopo che una delegazione egiziana aveva cercato di mediare il ritorno a una tregua informale. L’Egitto ha agito per calmare le ripetute fiammate negli ultimi anni per evitare il ripetersi delle tre guerre che le due parti avevano combattuto dal 2008.

L’ultimo cessate il fuoco, già più volte rinnovato, è sostenuto da milioni di dollari di aiuti finanziari dal Qatar a Gaza. Ma le lamentele da parte di Hamas secondo cui Israele non ha mantenuto gli accordi sono state accompagnate da sporadici conflitti al confine.

La tregua è stata cercata per fornire permessi agli abitanti di Gaza per lavorare in Israele e per finanziare progetti di sviluppo a Gaza, entrambe misure che fornirebbero un certo sollievo economico in un territorio impoverito dove la disoccupazione supera il 50%.

Una fonte vicina ad Hamas ha detto che il governo israeliano aveva auspicato insieme alla delegazione egiziana un “ritorno alla calma” prima di considerare l’attuazione di disposizioni di tregua come “l’estensione della zona industriale di Gaza orientale” e la costruzione di una nuova linea elettrica.

Hamas ha chiesto che il numero di permessi di lavoro rilasciati agli abitanti di Gaza venisse raddoppiato a 10.000 una volta tolte le restrizioni anti-coronavirus, ha detto la fonte.

La tregua ha anche stabilito un pagamento mensile di aiuti dal Qatar di 30 milioni di dollari fino alla fine del mese prossimo, ma la fonte ha detto che il benefattore del Golfo di Gaza aveva “accettato di aumentare il sussidio finanziario di 10 milioni di dollari al mese” e di estenderne i tempi.

Il presidente del Comitato del Qatar per la ricostruzione di Gaza, l’ambasciatore Mohammed Al-Emadi, ha parlato mercoledì di “intensi sforzi per contenere l’escalation” tra Israele e Hamas.

Israele ha mantenuto un paralizzante blocco della Striscia di Gaza dal 2007, che secondo i critici equivale a una punizione collettiva dei residenti dell’enclave già impoverita. Anche l’Egitto sostiene l’assedio, limitando il movimento dentro e fuori Gaza al suo confine.

Le Nazioni Unite hanno da tempo avvertito che Gaza sarebbe diventata invivibile entro il 2020 se l’assedio non fosse stato revocato.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments