CoronavirusDeep StateEconomiaEight O’Clock in the Morning

J.P. Morgan prevede la “fine della pandemia globale” il prossimo anno

In una nuova nota, JPMorgan Chase prevede la fine della “pandemia globale” nel 2022.

“La nostra opinione è che il 2022 sarà l’anno della piena ripresa globale, della fine della pandemia globale e del ritorno alle condizioni normali che avevamo prima dell’epidemia di Covid-19”, ha spiegato Marko Kolanovic, chief global market strategist di JPMorgan. di CNN Business . “Ciò è garantito dal raggiungimento di un’ampia immunità della popolazione e grazie all’aiuto dell’ingegno umano, come le nuove terapie che dovrebbero essere ampiamente disponibili nel 2022″.

“Nel 2021, le economie di tutto il mondo hanno fatto grandi progressi verso la ripresa e la riapertura”, ha scritto Kolanovic. “Tuttavia, resta molto da fare poiché il recupero è stato irregolare, incompleto e spesso interrotto da nuovi focolai di virus e allarmi”.

Leggi anche: Inflazione USA: “Niente di tutto questo è casuale”

“Mentre la ripresa fa il suo corso, i mercati inizieranno ad adattarsi a condizioni monetarie più rigide, un processo che probabilmente inietterà volatilità”, ha detto Kolanovic a proposito dell’imminente riduzione degli stimoli dalla Federal Reserve.

JPMorgan prevede anche una crescita continua per il mercato azionario nel 2022, in particolare un obiettivo di fine anno di 5.050 per l’S&P 500, superando i livelli attuali dell’8%.

A ottobre, il Wall Street Journal ha intervistato diversi economisti su inflazione elevata, arretrati della catena di approvvigionamento, carenza di manodopera e altri colli di bottiglia che minacciano la continua ripresa dal COVID-19 e la recessione indotta dal blocco. I fenomeni hanno indotto gli intervistati a ridurre drasticamente le previsioni di crescita economica e ad aumentare le previsioni di inflazione.

“La spesa dei consumatori, e per estensione la crescita del PIL, è limitata dagli alti tassi di inflazione che erodono il reale potere d’acquisto dei consumatori”, ha detto l’economista Michael Brown.

Alla fine di novembre, la variante Omicron ha scosso i mercati finanziari e ha provocato un selloff a Wall Street. Tuttavia, i primi dati mostrano che Omicron potrebbe non essere così male come l’originale COVID-19 o la variante Delta. 

Gli analisti di Morgan Stanley quindi “non sono così preoccupati per Omicron come un importante fattore di rischio per le azioni”, ma avvertono che la riduzione dello stimolo monetario della Federal Reserve “porterà a valutazioni più basse come fa sempre in questa fase di qualsiasi ripresa”.

La banca centrale ha annunciato l’ intenzione di ridurre i suoi 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di obbligazioni di 15 miliardi di dollari sia a novembre che a dicembre. La banca centrale potrebbe attuare un ritiro più rapido degli aiuti monetari in risposta all’elevata inflazione ea un mercato del lavoro meno precario.

Durante le osservazioni al Senato USA della scorsa settimana, Powell ha ammesso che il tasso di inflazione è “ben al di sopra” dell’obiettivo di lungo periodo della Fed.

“La maggior parte dei previsori, inclusa la Fed, continua ad aspettarsi che l’inflazione diminuirà in modo significativo nel prossimo anno man mano che gli squilibri tra domanda e offerta diminuiranno”, ha spiegato. “È difficile prevedere la persistenza e gli effetti dei vincoli di offerta, ma ora sembra che i fattori che spingono l’inflazione al rialzo rimarranno per tutto il prossimo anno. Inoltre, con il rapido miglioramento del mercato del lavoro, la lentezza sta diminuendo e i salari stanno aumentando a un ritmo sostenuto”.

“Comprendiamo che l’elevata inflazione impone oneri significativi, specialmente a coloro che sono meno in grado di sostenere i costi più elevati di beni di prima necessità come cibo, alloggio e trasporti”, ha continuato. “Siamo impegnati nel nostro obiettivo di stabilità dei prezzi. Utilizzeremo i nostri strumenti sia per sostenere l’economia e un mercato del lavoro forte, sia per impedire che l’inflazione si consolidi”.

Articolo di Ben Zeisloft•9 dicembre 2021  pubblicato su DailyWire.com

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Gian Franco Zavoli

Purtroppo ricominciare a consumare come prima e più di prima, con le miniere dei metalli che si stanno esaurendo, non è una buona prospettiva per il futuro. Quando non avremo più i metalli, l’industria che farà ? Il crollo della civilizzazione industriale, con 8 miliardi di persone, sarà tremendo. Per fortuna abbiamo il Grande Reset che ci pensa.

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!