Quantcast
Database Italia

J’accuse di Trump: “Obama è colpevole di tradimento”

Il presidente Trump poche ore fa ha dichiarato che il suo predecessore, ex presidente Obama, si è reso colpevole di tradimento in relazione alle indagini sui contatti della campagna Trump del 2016 con la Russia.

“Tradimento. Tradimento. È un tradimento “, ha dichiarato Trump in un’intervista a CBN News. Il presidente non ha elaborato prove specifiche, ma ha ribadito la sua affermazione secondo cui l’amministrazione precedente ha “spiato” la sua campagna.

“Avevano spiato la mia campagna”, ha detto Trump a David Brody di CBN News. “Ho scoperto che avevo ragione. Vediamo cosa succede adesso. ” Trump manifesta la sua trepidazione nell’attesa dei risultati delle indagini in corso dell’avvocato americano John Durham sulle origini del Russiagate, definendo il procuratore del Connecticut “Rispettabile” e lodando il procuratore generale William Barr.

“Voglio starne fuori perché altrimenti sembrerà una cosa politica”, ha detto Trump. “Vediamo cosa ne viene fuori.”

Trump e i suoi alleati hanno accusato a lungo come alcuni agenti dell’FBI fossero motivati ​​da pregiudizi politici nel prendere di mira la sua campagna del 2016 come parte dell’indagine sulle interferenze elettorali della Russia. L’indagine perseguitò Trump durante i suoi primi due anni in carica che la definì regolarmente come una “caccia alle streghe”.

Si dice che Durham stia indagando su almeno un potenziale crimine relativo al mandato.

Elie Honig, analista legale ed ex procuratore federale a New York, ha respinto le accuse di Trump su Obama definendole “meschine e ridicole”. “In primo luogo, tutte le intercettazioni telefoniche sono state approvate dalla corte. In secondo luogo, non c’è alcuna prova che Obama abbia a che fare con quelle intercettazioni. E in terzo luogo, a livello tecnico il tradimento si applica solo durante una guerra dichiarata “, ha detto Honig a The Hill.

Trump ha cercato di legare il nome di Obama a quello che ha descritto come “uno sforzo nefasto da parte di funzionari dell’amministrazione precedente per colpire la sua campagna”, sebbene non abbia indicato prove specifiche di illeciti criminali. Fino a lunedì, Trump aveva rifiutato di dichiarare un crimine specifico che credeva commesso dal suo predecessore.

Alla richiesta di rispondere alle osservazioni di Trump su Obama a maggio, Barr ha affermato di non aspettarsi un’indagine criminale né su Obama né sull’ex vicepresidente Joe Biden, lo sfidante democratico di Trump nel 2020.

“Sulla base delle informazioni che ho oggi, non mi aspetto che il lavoro del sig. Durham porterà a un’indagine criminale su entrambi”, ha detto Barr ai giornalisti durante una conferenza stampa. “La nostra preoccupazione per la potenziale criminalità è focalizzata sugli altri”. Barr ha comunque sottolineato a Fox News di aspettare sostanziali sviluppi nelle indagini di Durham durante l’ estate.

Di Davide Donateo

Russiagate: 100% made in Italy



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.