Quantcast
Database Italia

Joe Biden ha sostenuto tutte le guerre intraprese dagli USA negli ultimi 40 anni. Il caso della Serbia

Oggi molte persone ricordano l’Iraq, alcuni hanno un’idea sugli eventi dell’Ucraina. Ma la Serbia, che li ha preceduti, è fuori dallo schermo radar della maggior parte degli Italiani. 

Come senatore negli anni ’90, Joe Biden è stato uno dei più ferventi sostenitori dell’azione militare statunitense contro i serbi durante lo scioglimento della federazione jugoslava, prima in Croazia (1991-95), poi in Bosnia (1992-95), e poi nella provincia serba del Kosovo (1998-1999). (Come è stato detto di altri come Hillary Clinton e il defunto John McCain, Biden evidentemente non ha mai incontrato una guerra che non gli piacesse. Insieme a Hillary, nel 2003 Biden ha contribuito a sferzare i voti dei Democratici al Senato per la guerra Bush-Cheney in Iraq. ) Biden ha continuamente chiesto agli Stati Uniti di bombardare, bombardare, bombardare i serbi mentre (prefigurando il sostegno dell’amministrazione Obama-Biden ai terroristi della jihad in Libia e Siria, che alla fine ha portato alla comparsa dell’ISIS) ha spinto con successo l’invio di armi al regime islamista in Bosnia e poi agli Stati Uniti per armare il gruppo islamo-narco-terrorista noto come “Esercito di liberazione del Kosovo” (KLA ).

Joe Biden è stato lo sponsor principale dell’autorizzazione della guerra in Kosovo del marzo 1999 per un’azione militare contro Serbia e Montenegro, S. Con. Ris. 21. La successiva operazione aerea della NATO di 78 giorni ha avuto scarso impatto sulle forze armate serbe, ma ha devastato le infrastrutture del paese e ha ucciso centinaia di civili. (Anche adesso, più di 20 anni dopo, la Serbia soffre di livelli elevati di cancro attribuiti alle munizioni all’uranio impoverito .) Ma per Jihad Joe anche quella non era una punizione sufficiente per le persone che demonizzava come ” analfabeti degenerati, assassini di bambini, macellai e stupratori . ” Nel maggio 1999, al culmine dell’attacco aereo della NATO, ha chiesto l’introduzione di truppe di terra statunitensi (“dovremmo annunciare che ci saranno vittime americane”) seguite da “un’occupazione in stile giapponese-tedesca “.

Alla fine i bombardamenti cessarono nel giugno 1999, quando l’allora uomo forte serbo Slobodan Milošević acconsentì all’occupazione internazionale temporanea del Kosovo a condizione che la provincia rimanesse parte della Serbia, come codificato nella risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Era una promessa che gli Stati Uniti e La NATO, per non parlare della loro concubina dell’Unione Europea (UE), non aveva intenzione di mantenere. Sotto il naso dell’occupazione NATO, i teppisti dell’UCK apparentemente smobilitati hanno avuto praticamente libero sfogo per terrorizzare la popolazione serba, due terzi dei quali furono cacciati insieme a ebrei e rom, il resto si rifugiò in enclave dove rimangono fino ad oggi. Chiese e monasteri cristiani ortodossi, molti dei quali vecchi di secoli, erano obiettivi particolari per la distruzione e la profanazione. Ai comandanti dell’UCK – che erano anche i boss della mafia albanese del Kosovo che trattava schiavi del sesso, droga, armi e persino organi umani – furono affidati all’amministrazione locale.

Nel 2007 il senatore Biden ha elogiato il nuovo ordine come una “vittoria per la democrazia musulmana” e “un esempio tanto necessario di una partnership di successo tra USA e musulmani”. Un anno dopo, l’amministrazione Bush ha cercato di completare il lavoro speronando l’indipendenza del Kosovo in palese violazione dell’UNSCR 1244 e nonostante le forti obiezioni russe. Ma invece di risolvere qualsiasi cosa, il risultato è stato un conflitto congelato che persiste oggi, con circa la metà degli Stati membri delle Nazioni Unite che riconoscono il Kosovo e l’altra metà no. Presentandosi come il “paese” [sic] più filoamericano del mondo , lo pseudo-stato del Kosovo è diventato un terreno di reclutamento privilegiato per l’ISIS .

Ma ehi, gli affari andavano bene! Proprio come in Iraq, i politicamente ben collegati, compresi gli ex funzionari strumentali all’attacco alla Serbia e all’occupazione del Kosovo, si sono riversati nella provincia alimentati da sontuosi sussidi di aiuti da Stati Uniti e UE, che per un po’ hanno reso il Kosovo uno dei più grandi “paesi” beneficiari di assistenza pro-capite estera nel mondo. Uno di questi avvoltoi era l’ex segretario di Stato Madeleine Albright,  imprenditrice, un importante motore della politica ostile dell’amministrazione Clinton. Albright ha cercato di incassare centinaia di milioni di dollari sulla vendita della società di telefonia mobile PTK, originariamente una società statale jugoslava che è stata “privatizzata” (cioè, rubata) nel 2005 come società per azioni, ma che in seguito ha abbandonato la sua offerta quando ha attirato pubblicità indesiderata. A caccia delle ricchezze del Kosovo c’era anche l’ex comandante supremo della NATO e capo operativo della guerra in Kosovo, il generale Wesley Clark, che secondo quanto riferito ha messo alle strette una quota importante delle risorse di carbone della provincia occupata nell’ambito di un affare che sembra essere svanito dal controllo pubblico sin dalla prima segnalazione. nel 2016.

Al momento sembra non esserci alcuna pistola fumante di un pagamento diretto della famiglia Biden, in Ucraina, ma c’è una possibile traccia tramite il compagno di Burisma di Hunter Devon Archer e Il collega di Archer, John “Yanni” Galanis , che a sua volta è collegato ai massimi politici albanesi del Kosovo. In ogni caso, il clan Biden sembra aver prestato molta attenzione al Kosovo per non avere skin nel gioco. Il defunto figlio di Joe e procuratore generale del Delaware, Beau, ha lavorato in Kosovo dopo la guerra per formare i pubblici ministeri locali come parte di una missione “Stato di diritto” dell’OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) (certamente un grande compito in un pseudo-stato), per il quale una strada è stata intitolata a lui vicino alla massiccia base americana Camp Bondsteel . Con Hunter a disposizione per la cerimonia di nomina, Joe Biden ha colto l’ occasione per esprimere le sue “condoglianze” alle famiglie serbe che hanno perso i propri cari nell’assalto aereo della NATO – di cui era uno dei principali sostenitori.

Tornando all’incipiente colpo di stato che deve affrontare gli Stati Uniti, non dovrebbe esserci illusione che la posta in gioco nello scenario che si sta aprendo per la rimozione di Donald Trump non sia solo la sua presidenza. Ricorda, abbiamo a che fare con predatori e spazzini che sono felici di bruciare la vecchia e malvagia America finché possono raggiungere il potere totale e continuare a piumare i loro nidi comodi. A meno di una schiacciante vittoria di Trump di un margine troppo grande per essere dirottato, siamo diretti verso uno stato di cose distopico.

Se riescono a rimuovere Trump, ” con ogni mezzo necessario “, e Joe Biden prende il timone, possiamo anticipare uno stuolo di incaricati guerrafondai globalisti che fanno sembrare la squadra di Trump discepoli del Mahatma Gandhi. Tra i nomi fluttuanti come Nicholas Burns , Antony Blinken , Michele Flournoy , Evelyn Farkas e Anne-Marie Slaughter , tutti erano a bordo in Bosnia, Kosovo, Iraq, Libia, Ucraina, Siria … [NOTA: Il Consiglio Atlantico, noto come NATO Il think tank semi-ufficiale a Washington e che sarà determinante per il personale di una futura amministrazione di Joe Biden, è stato anche il beneficiario di generose donazioni da Burisma, pagatore di Hunter Biden .]

È una ricetta per guerre, cambi di regime e rivoluzioni colorate in abbondanza.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments