Database Italia

Joel Pollak: i democratici vogliono una seconda rivoluzione americana – socialista

I democratici stanno avanzando una rivoluzione socialista per “correggere” l’originale Rivoluzione americana, ha affermato il Senior Editor-at-Large per Breitbart News, Joel Pollak.

“Stiamo osservando il barile di un” novembre rosso “, e non vedo come ci riprenderemo politicamente se [Donald] Trump perderà perché i democratici hanno chiarito … non sono interessati a risolvere quello che secondo loro è il problema in America, cioè “la polizia”. Vogliono solo mantenere il problema, e  questo mi dice che hanno intenzione di continuare a fomentare questo tipo di disordini. “

Hanno iniziato a togliere fondi alla polizia in varie città. Hanno abbandonato la polizia nel distretto scolastico di Oakland. Stanno sciogliendo la polizia a Minneapolis. Stanno tagliando un miliardo di dollari dal bilancio della polizia di New York City, e anche questo non è abbastanza per Alexandria Ocasio-Cortez, quindi smantelleranno le istituzioni di legge e ordine.

“Alla fine, modificheranno permanentemente le regole del gioco. La proposta di rendere Washington, DC, almeno in parte uno stato – per creare un 51 ° stato – è stata approvata dalla Camera dei Rappresentanti, la scorsa settimana. Sanno che non passerà in un Senato sotto il controllo repubblicano, ma se i Democratici vincono la Casa Bianca, il Senato e la Camera, passerà lo stato di DC ”.

Pollak ha osservato che i democratici hanno in programma di concedere lo status di “Stato” a Washington, DC, il che equivarrebbe a un’aggiunta di fatto di due senatori democratici data la composizione partigiana del distretto.

“Creeranno un 51 ° stato, cosa che possono fare in base alla Costituzione, e ciò significherà altri due senatori permanenti del Partito Democratico, ha spiegato Pollak. “Eleggeranno due senatori da questo piccolo, minuscolo stato che sarebbe più piccolo della maggior parte delle città americane e creerebbe una maggioranza quasi permanente per i democratici al Senato”.

Pollak avverte: “Quello che faranno è una completa rivoluzione socialista. Prima pensavo che fosse un po ‘stravagante suggerirlo. Ora credo sia vero al 100 percento.

Pollak ha osservato: “Stanno per creare un nuovo Senato detenuto dai democratici.  Si sbarazzeranno delle protezioni delle minoranze al Senato e faranno passare tutto ciò che vogliono. Sarà Green New Deal, amnistia per immigrati clandestini. Questa sarà una rivoluzione socialista. In seguito riscriveranno la storie in modo che quelli di noi che ricordano le cose in modo leggermente diverso saranno chiamati razzisti. “

“Diranno a se stessi, al paese e al mondo che questa è stata la seconda rivoluzione americana, che questa è stata la rivoluzione socialista per correggere tutti i difetti del modello originale. Questo è quello che possono già pregustare. È quello che pensano che stia accadendo. “

Pollak ha proseguito: “I democratici vogliono una seconda rivoluzione americana, e sulle tendenze attuali, la otterranno a meno che non ci sia una maggioranza silenziosa là fuori che si alza in piedi, che si connette tra loro nonostante i tentativi di chiudere i social media, per chiudere le pagine Reddit, a calci la gente fuori Twitter, a ghettizzare le persone in spazi multimediali per soli conservatori.”

Pollak ha aggiunto: “Le persone possono superarlo, e le persone possono ancora andare nella cabina elettorale o votare per posta, se hanno il coraggio di farlo senza temere che i loro voti non vengano conteggiati a causa di tutti gli schemi preparati dai democratici, quindi Trump può essere rieletto. Probabilmente verrà rieletto come presidente di minoranza, nel senso che non vincerà il voto popolare. Dovrà vincere il collegio elettorale. “

I sostenitori del presidente Donald Trump sono preoccupati per i disordini in corso, ha valutato Pollak, avvertendo che il controllo democratico porterebbe a un’estensione delle intimidazioni politiche e della persecuzione di coloro che dissentono dall’ortodossia di sinistra.

“In questo momento la pressione su [Trump] e i suoi sostenitori è così implacabile che sembra una lotta amara e difficile”, ha dichiarato Pollak. “La sensazione di essere sotto assedio è palpabile e stiamo vivendo un momento di terrore che non farà che peggiorare. La violenza potrebbe smettere. Le rivolte potrebbero fermarsi. Le proteste potrebbero smettere, ma la paura continuerà se i democratici vincono ”.

“Penso che questo sia un momento storico mondiale, che il successo o il fallimento della nostra democrazia dipende da queste elezioni.  Penso che questo sia un test per sapere se possiamo mantenere questa repubblica. Sai, a Nancy Pelosi piace citare Benjamin Franklin, “Una repubblica, se riesci a tenerla”. È impegnata a distruggerla, e quella citazione è l’omaggio che il vizio paga alla virtù. ”

Il futuro non è predeterminato, sostiene Pollak.

“Essenzialmente siamo in una situazione in cui il paese affonderà se i democratici vincono”, ha detto Pollak. “Hanno reso le loro intenzioni assolutamente chiare. Stiamo affrontando una seconda rivoluzione americana. È qualcosa che ora ci preoccupa costantemente a destra e molta dell’ansia che vedi proviene dai luoghi produttivi. Le persone sono ansiose di trovare soluzioni. C’è ancora tempo per cambiare. “

“Il grado di isolamento che gli individui sentono in questo momento deriva da una sensazione di incapacità di comunicare tra loro attraverso i media [e] attraverso i social media”, ha osservato Pollak. “I motori di ricerca sono cambiati. Google e altri stanno riducendo il traffico, quindi siamo impegnati in una guerra in cui quasi tutte le armi sono dall’altra parte. “

Fonte: Breitbart.com



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.