Database Italia

LA CAMERA VOTA PER METTERE SOTTO ACCUSA TRUMP PER “INSURREZIONE”, NON È CHIARO QUANDO IL CASO ANDRÀ AL SENATO



Sostenendo di aver incitato una “ribellione armata” contro gli Stati Uniti, la Camera dominata dai Democratici ha votato di nuovo per mettere sotto accusa il presidente Donald Trump. Ma con il suo mandato che scade tra una settimana, non è chiaro quando procederà il processo.

Dopo diverse ore di dibattito mercoledì, la Camera dei Rappresentanti ha votato per impeachment formalmente il presidente per i disordini del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, quando un gruppo di persone ha fatto irruzione nell’edificio e ha interrotto la sessione congiunta della riunione del Congresso per certificare il democratico Joe Biden come vincitore delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

Una manciata i traditori tra i repubblicani – guidati dalla rappresentante Liz Cheney (R-Wyoming) che ha detto che avrebbero appoggiato l’impeachment, gran parte del partito è stato accanto al presidente e ha parlato in tal senso. 

“Se mettessimo sotto accusa ogni politico che ha tenuto un discorso infuocato a una folla di partigiani, questa capitale sarebbe deserta”, ha detto il rappresentante Tom McClintock (R-California). “È quello che ha fatto il presidente. Questo è tutto quello che ha fatto. Ha specificamente detto alla folla di protestare pacificamente e patriotticamente, e la stragrande maggioranza di loro lo ha fatto. Ma ogni movimento ha una frangia folle. Sopprimere la libertà di parola non è la risposta. Ritenere i rivoltosi responsabili delle loro azioni è la risposta “.

“Si tratta sempre di eliminare il presidente, non importa come”, ha detto Rep. Jim Jordan. “È un’ossessione che ora si è allargata. Non si tratta più solo di impeachment. Si tratta di cancellare il presidente e chiunque non sia d’accordo con loro ”, ha aggiunto.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.