Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali La Cina ha istituito dozzine di stazioni di polizia non ufficiali in...

La Cina ha istituito dozzine di stazioni di polizia non ufficiali in tutto il mondo – Quattro in Italia

0

La Cina ha istituito dozzine di stazioni di polizia non ufficiali in tutto il mondo. Secondo Safeguard Defenders, la “persuasione al rientro” è una tecnica importante delle attività di “rimpatrio involontario” del regime cinese, che includono l'”Operazione Fox Hunt” e la più ampia campagna “Sky Net”.

Secondo un rapporto pubblicato a settembre dalla ONG per i diritti umani Safeguard Defenders, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha creato decine di stazioni di polizia non ufficiali in tutto il mondo, di cui almeno quattro in Italia. Le città interessate sono Milano, Torino, Prato e Roma.

Secondo il rapporto, la Cina ha già partecipato a ” polizia a braccio lungo ” in tutto il mondo attraverso quelle che sono state soprannominate le “110 stazioni di polizia all’estero”, dal nome del numero di emergenza della polizia cinese, 110.

L’ufficio di pubblica sicurezza di Fuzhou nella città di Fuzhou, provincia del Fujian, e la polizia della contea di Qingtian nella provincia di Zhejiang sono due agenzie di polizia a livello locale in Cina che hanno il controllo di 54 stazioni di polizia cinesi all’estero sparse in 30 nazioni.

Peter Dahlin, fondatore e direttore di Safeguard Defender e coautore del rapporto, afferma che dopo che le conclusioni della sua organizzazione sono state rese pubbliche, la polizia di sicurezza o le relative organizzazioni governative del Nord America e dell’Europa hanno contattato la sua azienda per “sedersi e avere una discussione informativa” sulle operazioni cinesi all’estero.

“Quindi ne sono certamente consapevoli, almeno in alcuni paesi”, ha detto Dahlin a The Epoch Times.

Altre posizioni

Tuttavia, il rapporto rileva che tra aprile 2021 e luglio 2022, queste stazioni di polizia sono state utilizzate per “persuadere” fino a 230.000 cittadini cinesi a tornare “volontariamente” in Cina per affrontare accuse penali, nonostante le autorità cinesi affermano che siano state istituite per servire meglio i loro cittadini d’oltremare.

Secondo Safeguard Defenders, la “persuasione a tornare” è una tecnica importante delle attività di “rimpatrio involontario” del regime cinese, che includono l'”Operazione Fox Hunt” e la più ampia campagna “Sky Net“. Secondo quanto riferito, molti di coloro che sono stati persuasi a tornare erano cinesi all’estero coinvolti in frodi nelle telecomunicazioni, mentre l’articolo affermava che anche un certo numero di non sospetti e i loro familiari in Cina sono stati molestati e minacciati dalla polizia.

Dahlin ritiene che, oltre alle tre stazioni di Toronto, due a Markham e una a Scarborough, i cui siti sono stati rivelati da un media statale cinese, ci siano probabilmente altre stazioni di polizia cinesi non ufficiali in Canada che devono ancora essere scoperte .

“Abbiamo anche visto un avviso del governo [cinese] che affermava che 10 diverse province dovrebbero avviare questo tipo di operazioni su base pilota”, ha detto a The Epoch Times, riferendosi a un comunicato stampa del 5 luglio 2018 pubblicato dai cinesi regime citato nel racconto.

“Quindi, abbiamo due di queste operazioni scoperte nella provincia del Fujian e nella provincia dello Zhejiang. Potrebbero esserci altre otto province che potrebbero avere le proprie stazioni e non siamo ancora stati in grado di rintracciare queste informazioni. Ecco perché continuiamo a dire che… crediamo e abbiamo buone ragioni per pensare che ci siano più stazioni di polizia cinesi all’estero”.

Il comunicato stampa fa riferimento al “Piano di lavoro per la supervisione della lotta speciale nazionale contro i crimini delle bande” del Consiglio di Stato cinese del 2018. Secondo i media statali cinesi , da luglio a settembre 2018, Pechino ha condotto un primo round di formazione di supervisione di un mese nelle dieci province di Hebei, Shanxi, Liaoning, Fujian, Shandong, Henan, Hubei, Guangdong, Chongqing e Sichuan.

Un altro rapporto di quell’anno, nell’aprile 2019, affermava che il regime aveva concluso un secondo ciclo di addestramento per altre 11 province, inclusa la provincia di Zhejiang, che ospita il dipartimento di polizia di Qingtian.

Data la consistente popolazione cinese della diaspora di Vancouver, Dahlin ha affermato che sarebbe “molto strano” se la città non avesse almeno una stazione di polizia 110.

“Repressione transnazionale”

Secondo Safeguard Defenders, il suo continuo monitoraggio dell’escalation della repressione transnazionale globale della Cina include il suo rapporto di settembre. Secondo Dahlin, il rapporto ha seguito un altro della sua organizzazione intitolato “Ritorni involontari: il rapporto espone la polizia a braccio lungo all’estero”.

In quel precedente rapporto, pubblicato nel gennaio 2022, è stato esaminato come il governo cinese abbia affermato nel dicembre 2021 che le sue operazioni Sky Net e l’operazione partner Fox Hunt avevano restituito con successo 10.000 “fuggitivi” in Cina da tutto il mondo dal 2014, quando Fox Hunt è stato introdotto per la prima volta come parte della campagna anticorruzione del presidente cinese Xi Jinping.

Queste operazioni sono mirate a “obiettivi di alto valore”, secondo Dahlin. Secondo il rapporto Safeguard Defenders, Sky Net afferma di prendere di mira esclusivamente criminali economici e autorità accusati di crimini come corruzione o concussione, ma Dahlin afferma che Sky Net ha anche dimostrato di prendere di mira i difensori dei diritti umani. La polizia centrale cinese esegue operazioni contro obiettivi di alto valore, mentre le persone coinvolte in reati di livello inferiore come la frode, che sono considerati obiettivi di basso valore, sono osservate dalla polizia locale cinese, secondo Dahlin.

“Il metodo più comune per farlo è persuaderli a tornare ‘volontariamente.’ Abbiamo anche avuto un certo numero di casi in cui Pechino ha inviato agenti – agenti di polizia cinesi, sotto copertura – nei paesi bersaglio; abbiamo un certo numero di persone negli Stati Uniti incriminate per questo “, ha detto.

Dahlin ha suggerito una terza opzione: i rapimenti. Ha affermato che la sua squadra ha trovato 22 casi di rapimento.

Sebbene la sua organizzazione non abbia identificato alcun episodio di rapimento effettivo in Canada, Dahlin afferma che la dittatura cinese esegue “molto di più l’invio di agenti segreti per intimidire le persone e quel tipo di operazione” in Canada e negli Stati Uniti.

Interrogato sulla gravità delle operazioni internazionali della Cina, Dahlin ha affermato che le conseguenze per il Canada sono “sicuramente peggiori dell’Europa”.

“Il Canada ha una comunità della diaspora cinese così significativa, molto più grande di quasi tutta l’Europa insieme, quindi sicuramente ci sono molte più persone a rischio in Canada”, ha detto, aggiungendo che il Canada, gli Stati Uniti e l’Australia sono le ” tre grandi” destinazioni per richiedenti asilo cinesi e ricollocazione.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleCome ammettere di aver sbagliato sul COVID e riconciliarsi con amici e familiari
Next articleATTACCO TERRORISTICO AL PONTE DI CRIMEA, 8 GLI ARRESTATI APPARTENENTI AL DIPARTIMENTO DI INTELLIGENCE DEL MINISTERO DELLA DIFESA UCRAINO
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.