Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali La coalizione guidata dall’Arabia Saudita sequestra un’altra nave mercantile diretta in Yemen...

La coalizione guidata dall’Arabia Saudita sequestra un’altra nave mercantile diretta in Yemen in violazione del cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite

10
0
Una guardia costiera passa davanti a una nave ormeggiata al porto di Hodeidah, Yemen, nel Mar Rosso, il 5 gennaio 2019. (Foto di Reuters)

La Yemen Gas Company (YGC) afferma che la coalizione a guida saudita che fa guerra al paese ha sequestrato l’ennesima nave mercantile diretta allo Yemen in palese violazione del cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite.

La nave, Lady Sarah, è stata sequestrata mercoledì mentre trasportava 8.230 tonnellate di gas, ha riferito il sito web televisivo in lingua araba yemenita al-Masirah, citando una dichiarazione dell’YGC.

L’ultimo sequestro ha “portato a tre il numero delle navi petrolifere confiscate dirette nello Yemen”, aggiunge la dichiarazione.

La dichiarazione affermava che la Lady Sarah, come altre navi confiscate dalle forze saudite, era stata ispezionata e aveva ottenuto l’autorizzazione delle Nazioni Unite per entrare nello Yemen.

Nel frattempo, Mohammed Abdulsalam, il capo negoziatore del governo di salvezza nazionale dello Yemen, ha affermato che la coalizione guidata dai sauditi non sta rispettando adeguatamente la tregua.

Approfondimenti:

Nell’ultimo anno e mezzo, la coalizione guidata dai sauditi ha trattenuto dozzine di navi, bloccando le tanto necessarie importazioni di carburante dello Yemen nel mezzo di un assedio paralizzante.

L’atto di pirateria marittima ha deteriorato la situazione umanitaria in Yemen, mentre una parte significativa dei settori vitali del Paese, compresi gli ospedali, i servizi elettrici e idrici, si è già fermata.

L’Arabia Saudita ha lanciato la devastante guerra contro lo Yemen nel marzo 2015 in collaborazione con numerosi suoi alleati e con il supporto di armi e logistica degli Stati Uniti e di diversi stati occidentali.

Mirava a riportare al potere l’ex regime sostenuto da Riyadh e schiacciare il popolare movimento di resistenza di Ansarullah, che ha gestito gli affari di stato in assenza di un governo efficace nello Yemen.

Nonostante abbia ucciso decine di migliaia di yemeniti e trasformato l’intero Yemen nella scena della peggiore crisi umanitaria del mondo, la coalizione guidata dai sauditi non è riuscita a raggiungere i suoi obiettivi.

La tregua iniziale di due mesi dello Yemen, sostenuta dalle Nazioni Unite, è iniziata all’inizio del sacro mese di digiuno musulmano del Ramadan il 2 aprile ed è stata prorogata per altri 2 mesi il 2 giugno.

In linea con l’accordo, la coalizione ha deciso di porre fine ai suoi attacchi al suolo yemenita e di porre fine all’assedio simultaneo che ha imposto allo Yemen.

Tuttavia, ha violato la tregua in diverse occasioni attaccando il paese martoriato dalla guerra, cancellando voli e confiscando navi a carburante, solo per citarne alcuni.

I dati annunciati dal Ministero della salute pubblica e della popolazione dello Yemen mostrano che entro il 30 giugno, dall’inizio del cessate il fuoco, circa 387 civili sono stati uccisi o feriti negli attacchi della coalizione a guida saudita.

Clicca Qui
Previous articleL’incombente carenza di cibo non è un caso: fa parte dell’iniziativa globalista pianificata “Reset the Table”
Next articleCosa succede quando 3 miliardi di persone vaccinate hanno una miocardite non diagnosticata?
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.