Database Italia

La conoscenza non è una sensazione. Richiede analisi.


La matrice moderna ha tutto a che fare con il modo in cui si acquisisce la conoscenza.

La televisione, in generale, non cerca di trasmettere la conoscenza. Si sforza di dare allo spettatore l’impressione di sapere qualcosa. C’è una differenza.

L’impressione di conoscere è un sentimento, una convinzione, una convinzione che lo spettatore ha, dopo aver visto immagini in movimento su uno schermo e ascoltato un narratore. QUESTO è ciò che lo spettatore preferisce. Non vuole parte della conoscenza.

Una premessa di base dell’età moderna è: “tutto è (collegato a) tutto”. Questo si adatta abbastanza bene all’esperienza di guardare il flusso video.
Esempio: vediamo folle inferocite per le strade di una città straniera. Poi i giovani al cellulare seduti in un bar all’aperto. Poi l’atrio di marmo di un edificio governativo dove camminano uomini in giacca e cravatta, in piedi in gruppi che parlano tra loro. Poi di notte, razzi che esplodono nel cielo. Quindi veicoli blindati che si spostano attraverso un cancello in città. Poi nuvole di fumo in un’altra strada e gente che corre, inseguita dalla polizia.
Un flusso di immagini consecutive. 
La sequenza, ovviamente, è stata assemblata da un redattore di notizie, ma la maggior parte del pubblico non ne è consapevole. Guardano le immagini “interconnesse” e ascoltano un giornalista che racconta una storia che colora (infetta) ogni immagine: “Questa è la rivoluzione per la democrazia, creata dalla tecnologia dei telefoni cellulari…”Gli spettatori quindi credono a qualcosa.

Nella mente si verifica un cortocircuito.
Quando esporti questo schema in un’intera società, stai parlando di un metodo dominante attraverso il quale la “conoscenza” viene tentata e tenuta stretta.

“Hai visto quel fantastico video sulla guerra in Iraq? Dimostrava che Saddam possedeva effettivamente armi biologiche”.
“Veramente? Come lo hanno dimostrato?”
«Be’, non ricordo. Ma guardalo. Vedrai.”
E questa è un’altra caratteristica della moderna acquisizione di “conoscenza”: l’amnesia dei dettagli.

Lo spettatore non riesce a ricordare le caratteristiche chiave di ciò che ha visto. O se può, non può descriverli, perché era dentro di loro, impegnato a costruire la sua impressione di sapere qualcosa.

Il racconto narrativo-visivo-televisivo spoglia e scarta l’analisi concettuale. Nella misura in cui esiste, è avvolto intorno e dentro l’immagine e la narrazione.

Paddy Chayefsky ha fatto della sua penna una spada, perché stava scrivendo un film sulla televisione, contro la televisione. Stava mettendo la Parola contro l’Immagine.

Quando una tecnologia (la televisione) si trasforma in un metodo di percezione, la realtà viene capovolta. La gente guarda la TV attraverso gli occhi della TV.

Il controllo mentale non è più qualcosa di semplicemente imposto dall’esterno. È una matrice di un ciclo che si autoalimenta.
Volenterosi Devoti dell’Immagine VOGLIONO immagini, buoni pasto della società programmata.
Il trionfo di Network è che fa vincere le sue parole sulle immagini, IN una foto, IN un film.

Una pandemia, la falsa pandemia che ho rifiutato in molti articoli, viene trasmessa attraverso il flusso video e la narrazione. Immagini impilate e tagliate.
Non c’è nessuna sfida al flusso in alcun modo fondamentale, attraverso l’intrusione della conoscenza reale, perché ciò interromperebbe la sfilata di immagini e annullerebbe le ragioni per trasmetterle in primo luogo.

Il vecchio adagio teatrale, “lo spettacolo deve continuare”, quando adattato per la televisione, diventa “il flusso deve continuare”.
Una volta stabilito il suo corso, non si può più tornare indietro.Il pubblico televisivo, imprigionato nelle case, cavalca il fiume…

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.





Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.