Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the MorningPoliticaSocietà

LA CORSA DEI GLOBALISTI CONTRO IL TEMPO

Accadrà un grande reset, ma non quello voluto dai globalisti. Potrebbero invece doversi accontentare del Grande Disaccoppiamento.

L’economia verde, la deindustrializzazione, i passaporti sanitari digitali, le valute digitali della Banca Centrale, sono tutte componenti fondamentali del piano dei Globalisti per il Grande ripristino. Il WEF ha dipinto un quadro del loro futuro proposto tramite Klaus Schwab e i suoi accoliti.

 “Non avremo niente, non possederemo nulla e saremo felici”. L’ostacolo principale a questa grande visione è che non sorprende che pochissimi paesi desiderino assecondarla. I globalisti sanno che il loro gioco sta volgendo al termine e il Grande Reset è il loro modo per garantire che la stessa cabala finanziaria che ha portato il mondo al suo attuale deplorevole stato continuerà a regnare su tutto nel prossimo ordine mondiale. Gli obiettori più importanti di questo piano insidioso sono ovviamente Russia e Cina. A differenza delle loro controparti occidentali, entrambi hanno leader forti che godono del sostegno popolare, hanno economie forti e sono ottimisti riguardo alle prospettive di crescita future. Nessuno dei due intende sacrificare i propri paesi in modo che le élite occidentali possano mantenere il controllo sul sistema economico globale e imporre la propria volontà egoistica alle nazioni più deboli. Che nei suoi termini più semplici è il motivo per cui entrambi i paesi devono essere distrutti, almeno economicamente prima che il Grande Reset possa essere imposto al mondo. Il tempo, però, non è dalla parte dei globalisti, gli eventi recenti hanno dimostrato che ne sono consapevoli e stanno accelerando i tempi.

Il Great Reset e i suoi obiettivi dichiarati sono stati pianificati per diversi anni, tuttavia quei piani sono ora seriamente in ritardo. L’elezione di Trump nel 2016 non doveva avvenire. Era a Washington l’ultimo evento del “Cigno Nero”. Un outsider senza il sostegno di un partito politico e con apparentemente tutti i media mainstream contro, la sua vittoria era considerata quasi impossibile. Eppure ha vinto e sembra che abbia trascorso tutti i quattro anni della sua presidenza combattendo contro la fazione globalista, sia a livello internazionale che all’interno dell’America. Washington si è sentita ingannata, non solo Trump era un “estraneo”, ma era anche un disgregatore. Opinioni a parte sul divisivo Trump, è indiscutibilmente un “America First Nationalist”, era anti-NATO. e un oratore anti-globalista. Non ci sarebbe mai potuto essere un grande ripristino sotto Trump, era un ostacolo all’ordine del giorno e doveva essere rimosso. Infattin nel 2020 in un’elezione palesemente fraudolenta è stato messo all’angolo. Se Trump dovesse candidarsi di nuovo nel 2024 e tutte le indicazioni dicono che lo farà, probabilmente vincerebbe un’elezione onesta in modo schiacciante. Il ritorno di Trump rappresenterebbe un altro grande ostacolo all’agenda globalista. Aspettatevi che tutti gli sforzi saranno spesi per prevenire un’altra presidenza Trump. Con una popolazione arrabbiata e un maggiore controllo elettorale la prossima volta, potrebbero dover ricorrere ad altre misure per sventare un ritorno di Trump. Se dovesse rientrare alla Casa Bianca nel 2024, il notoriamente vendicativo Trump dovrebbe cercare la responsabilità contro coloro che secondo lui lo hanno derubato della sua legittima elezione. I nervi sono logorati a Washington e sanno che il tempo scorre. 

Trump ha riportato l’agenda indietro di quattro anni e ora stanno giocando contro il tempo per recuperare il tempo perso, tutte le prove suggeriscono che stanno diventando sempre più disperati. I recenti inviti rivolti a Svezia e Finlandia per “accelerare” l’adesione alla NATO sono l’ennesima provocazione alla Russia. Putin vuole porre fine al conflitto in Ucraina alle sue condizioni e ritirarsi, non si impantana in un fango che si trascinerebbe per anni. La NATO vuole esattamente questo. Corteggiare Svezia e Finlandia è il loro tentativo di assicurare anni di conflitti e tensioni. Putin lo capisce fin troppo bene. Mentre barcollano da una cattiva idea all’altra, si dovrebbe prestare attenzione alla fretta indecente con cui si stanno muovendo. Sembra che stiano inventando le cose mentre vanno avanti, il tutto senza alcun ovvio senso di conseguenza.

La prospettiva di Trump 2.0 non è l’unica questione sensibile al tempo che devono affrontare i globalisti. L’economia globale è sull’orlo dell’implosione. Lo Sri Lanka è recentemente andato in default sui suoi debiti internazionali. Ciò creerà immediatamente un buco di almeno 500 miliardi di dollari nell’economia globale. In modo allarmante, secondo la Banca mondiale più di 70 altri paesi si trovano in condizioni economiche altrettanto pericolose. Per la maggior parte i loro debiti non sono pagabili e la soluzione del FMI di privatizzazioni di aggiustamento strutturale (austerità) e tagli ai servizi governativi consegnerebbe questi paesi a generazioni di privazioni e disordini sociali. Oppure, potrebbero ripudiare completamente il debito e abbandonare il modello bancario occidentale. Sia la Cina che la Russia hanno alternative a SWIFT e accolgono i paesi che vogliono sfuggire alla piantagione finanziaria neoliberista. Entrambi offrono investimenti per lo sviluppo, la non interferenza e il rispetto della sovranità dei paesi. Tutte cose apprezzate da ogni paese, ma irraggiungibili sotto il dominio occidentale. Molto presto i paesi del Sud del mondo prenderanno decisioni su con chi vogliono allineare il loro futuro.

Una nuova proposta presentata all’ONU il 22 maggio richiede essenzialmente a tutte le nazioni di cedere la propria sovranità all’OMS in caso di un’altra pandemia. Il fatto che pensino anche che dopo il Covid l’OMS goda di quel livello di fiducia, è deludente. Questa presa di potere trasparente è facilmente riconoscibile per quello che è, nell’improbabile eventualità che ottenga abbastanza trazione, aspettatevi che un’altra pandemia seguirà poco dopo. La cabala ha ancora gli strumenti per blandire, corrompere e minacciare i paesi a sottomettersi, e senza dubbio ci proverà, ma al di fuori dei paesi occidentali conquistati, una mossa così disperata otterrà scarso sostegno. Il Covid non è riuscito a inaugurare il Great Reset, ma ha scatenato un’ondata di distruzione sull’economia globale che potrebbe richiedere generazioni per essere riparata. Molte domande sulla cattiva gestione criminale del Covid restano senza risposta. Ci sono poche nazioni che non nutrono un profondo risentimento nei confronti dell’OMS notoriamente corrotto e inetto e del suo genocida Sugar Daddy Bill Gates. La pura audacia della proposta puzza di disperazione. È probabile che il prossimo voto dia ai globalisti un altro duro promemoria del suo potere e della sua influenza in declino.

Accadrà un grande reset, ma non quello voluto dai globalisti. Potrebbero invece doversi accontentare del Grande Disaccoppiamento. Poiché l’influenza occidentale continua a diminuire a un ritmo rapido, la tendenza dei paesi che affollano l’orbita Cina/Russia è destinata ad aumentare. È probabile che il NWO che bramano da generazioni sia limitato all’Europa occidentale e al Nord America, o circa il 15% della popolazione mondiale. Gli effetti della disastrosa provocazione ucraina e delle sanzioni fallite diventeranno presto innegabili. La carenza di cibo ed energia, insieme a un’inflazione incontrollabile, renderanno più difficile controllare anche questo NWO più piccolo. Il re è nudo, come ormai tutti possono vedere, il loro gioco è vecchio, stanco e prevedibile, e non hanno nuove idee. I globalisti potrebbero non doversi preoccupare di un ritorno di Trump nel 2024. È molto probabile che a quel punto il tempo si sia esaurito. Potrebbe succedere in qualsiasi giorno.

Eamon McKinney

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!