Quantcast
Database Italia

LA CORTE SUPREMA RESPINGE LA CAUSA ELETTORALE DEL GOP DELLA PENNSYLVANIA. Ma la partita è ancora aperta

La Corte Suprema degli Stati Uniti martedì ha respinto ” senza dissenso” cioè senza pronunciarsi nel merito. la causa intentata da legislatori e candidati della Pennsylvania che contestano i risultati delle elezioni nel Commonwealth. La causa contro la PA è infatti ora accorpata a quella che lo Stato del Texas ha intentato contro GA, MI, WI, e ovviamente anche PA. La partita è apertissima

Nell’ordinanza (pdf) , il tribunale supremo della nazione ha respinto la domanda di provvedimento ingiuntivo.

Il caso era incentrato su un atto legislativo che ha cancellato l’obbligo per le persone che hanno votato per posta di avere un motivo per cui non poter votare di persona. I querelanti hanno affermato che sia stato implementato illegalmente in conflitto con la costituzione dello stato.

Un giudice della Pennsylvania il mese scorso aveva dichiarato che i querelanti avrebbero probabilmente vinto la causa e ha impedito allo stato di certificare i risultati delle elezioni, ma la Corte Suprema della Pennsylvania ha annullato l’ingiunzione, arrivando alla resa dei conti.

Martedì scorso, gli avvocati che rappresentano l’amministrazione del governatore democratico Tom Wolf hanno sollecitato la Corte Suprema a respingere la causa.

“Nessun tribunale ha mai emesso un’ordinanza che annulli la certificazione del governatore dei risultati delle elezioni presidenziali”, hanno aggiunto gli avvocati, sostenendo che avrebbe costituito un precedente per l’ ‘”annullamento giudiziario” di un’elezione presidenziale.

Il giudice della Corte Suprema Samuel Alito, nominato da George W. Bush, era incaricato del caso. L’ordine del tribunale afferma: “La richiesta di provvedimento ingiuntivo presentata al giudice Alito e da lui deferita alla Corte è respinta”.

Il giudice Samuel Alito, associato della Corte Suprema degli Stati Uniti

L’ordine è arrivato poche ore dopo che lo stato del Texas ha intentato una causa direttamente alla Corte Suprema, sostenendo che Pennsylvania, Georgia, Michigan e Wisconsin hanno modificato incostituzionalmente le leggi elettorali, trattato gli elettori in modo diseguale e innescato significative irregolarità di voto allentando le misure di integrità del voto.

“Gli stati hanno violato gli statuti emanati dalle loro legislature debitamente elette, violando la Costituzione. Ignorando sia la legge statale che quella federale, questi stati non solo hanno contaminato l’integrità del voto dei propri cittadini, ma del Texas e di ogni altro stato che ha tenuto elezioni legittime. Il mancato rispetto dello Stato di diritto getta un’ombra oscura di dubbio sull’esito dell’intera elezione. Chiediamo ora che la Corte Suprema intervenga per correggere questo grave errore “, ha scritto in una dichiarazione il procuratore generale del Texas Ken Paxton.

I funzionari degli Stati convenuti hanno contestato le affermazioni nella causa.

In una dichiarazione inviata per e-mail, il vice procuratore generale della Georgia Jordan Fuchs ha dichiarato: “Le accuse nella causa sono false e irresponsabili. Il Texas sostiene che ci sono 80.000 firme false su schede per assenti in Georgia, ma non portano a testimoniare una sola persona a cui è successo. Questo perché non è successo. “

Il procuratore generale del Michigan Dana Nessel ha definito la mozione “una trovata pubblicitaria, non una dichiarazione legale seria”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.