Quantcast
Database Italia

La Corte Suprema respinge la causa elettorale in Texas

La Corte Suprema degli Stati Uniti venerdì ha respinto la richiesta del Texas di contestare i risultati delle elezioni del 2020 in quattro stati campo di battaglia.

In un’ordinanza, i giudici hanno negato la richiesta del Texas di citare in giudizio Pennsylvania, Georgia, Michigan e Wisconsin, sostenendo che il Lone Star State non aveva la legittimazione ad agire in giudizio ai sensi della Costituzione.

“Il Texas non ha dimostrato un interesse riconoscibile dal punto di vista giudiziario nel modo in cui un altro Stato conduce le sue elezioni”, si legge nell’ordine ( pdf ). “Tutte le altre mozioni in sospeso vengono respinte come discutibili.”

Il giudice Samuel Alito ha rilasciato una dichiarazione separata, affermando che “A mio avviso, non abbiamo la facoltà di negare il deposito di un reclamo in un caso che rientra nella nostra giurisdizione originale. … Accetterei quindi la mozione di presentare il reclamo ma non concederei altro, e non esprimo alcuna opinione su qualsiasi altra questione.

Il giudice Clarence Thomas si è unito ad Alito nella sua dichiarazione.

Diversi procuratori generali degli Stati convenuti hanno risposto all’ordine. Il procuratore generale della Pennsylvania Josh Shapiro ha dichiarato : “La Corte Suprema degli Stati Uniti ha assistito a questo sedizioso abuso del processo giudiziario e il suo rapido diniego dovrebbe far riflettere chiunque stia pensando a ulteriori attacchi alle nostre elezioni”.

“Anche se queste acrobazie sono legalmente insignificanti, il loro costo per il nostro paese – nel fuorviare il pubblico su un’elezione libera ed equa e nel strappare la nostra Costituzione – è alto e non li tollereremo dai nostri stati fratelli o da chiunque altro”, ha aggiunto Shapiro .

Anche il procuratore generale del Michigan Dana Nessel ha rilasciato una dichiarazione , affermando che la sentenza “è un importante promemoria del fatto che siamo una nazione di leggi, e sebbene alcuni possano piegarsi al desiderio di un singolo individuo, i tribunali non lo faranno”.

Trump ei suoi alleati hanno riposto grandi aspettative sulla causa in Texas , con il presidente che ha definito il caso “quello più importante”. Aveva chiesto alla Corte Suprema di consentirgli di partecipare al caso come parte interveniente. Il presidente non ha ancora rilasciato una dichiarazione pubblica sull’ordinanza della Corte suprema.

Ore prima dell’ordine, Trump ha scritto in un post su Twitter:  “Se la Corte Suprema mostra grande saggezza e coraggio, il popolo americano vincerà forse il caso più importante della storia, e il nostro processo elettorale sarà nuovamente rispettato!”

Dopo che la causa è stata intentata, i procuratori generali dello stato in tutto il paese hanno iniziato a esprimere la loro posizione sulla questione.

Diciannove procuratori generali dello stato repubblicano hanno sostenuto il Texas nella causa. Gli stati che rappresentano sono Missouri, Alabama, Arkansas, Florida, Indiana, Kansas, Louisiana, Mississippi, Montana, Nebraska, North Dakota, Oklahoma, South Carolina, South Dakota, Tennessee, Utah, West Virginia, Arizona e Alaska. Sei degli stati hanno presentato una mozione per unirsi al caso come parti intervenienti: Missouri, Arkansas, Louisiana, Mississippi, Carolina del Sud e Utah.

Nel frattempo, 20 procuratori generali dello stato democratico hanno sostenuto gli imputati: California, Colorado, Connecticut, Delaware, Hawaii, Illinois, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, Nevada, New Jersey, New Mexico, New York, North Carolina, Oregon, Rhode Island, Vermont, Virginia e Washington. Nessuno ha presentato istanze di intervento.

I procuratori generali repubblicani dell’Idaho e del Wyoming hanno rifiutato di partecipare alla causa. Il procuratore generale repubblicano dell’Ohio Dave Yost ha presentato una memoria “a nome di nessuna delle parti”, sostenendo che il tribunale risolva la questione centrale sollevata dal Texas ma opponendosi al sollievo richiesto dal Lone Star State.

Questa storia si sta sviluppando. Si prega di ricontrollare per aggiornamenti.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.