Home Deep State La Distrazione Cinese E La Destabilizzazione Statunitense

La Distrazione Cinese E La Destabilizzazione Statunitense

15
0

Di Joaquin Flores

La guerra di oggi è una guerra di classe delle super élite, e questa può essere combattuta e vinta dalle grandi masse di persone contro i propri oligarchi.

Il Deep State americano sta giocando sul disgusto del pubblico nei confronti della Cina per i propri fini e, proprio come con l’attuale malattia misteriosa globale, incolperà la Cina per un sistema di credito sociale che in realtà è stato creato negli Stati Uniti. Possiamo decostruire l’anatomia di questa truffa attraverso la gestione del Covid e della guerra biologica in generale.

Questo stesso stato profondo sta cercando di lanciare o utilizzare in altro modo il comportamento incessantemente cattivo della sua stessa oligarchia rapace, che deve servire, un’oligarchia intrappolata in un sistema di accumulazione di capitale a tutti i costi, persino il suicidio collettivo, in una sorta di controllato crollo del paradigma. L’incentivo a distruggere la società è semplicemente troppo grande rispetto ai costi per mantenerla unita. Le stesse super élite, come alcuni super virus, possono sempre lasciare i locali e trovare qualche altro host da infettare. Questa è una pandemia di speculazione, usura e avidità.

Una svolta interessante che il senatore Rand Paul ha esposto in udienze pubbliche all’aula del Senato, è stata che il nuovo virus Corona è stato prodotto a discrezione del dottor Anthony Fauci. Questo era un progetto dello stato corporativo statunitense, di un’agenzia di intelligence americana corrotta, concludiamo dalle scoperte del senatore Paul.

Questo fatto è così noto ormai, che ha raggiunto il livello di conoscenza comune. Ma lo ribadiamo ora non per predicarlo, ma per collegarlo a un problema più ampio con il credito sociale e la Cina.

Scavando ulteriormente, vediamo che era tutto basato su piani di vecchia data per distribuire la ricchezza verso l’alto e privare i cittadini dei diritti costituzionali, concentrare ulteriormente il potere socio-economico e distruggere le medie e piccole imprese. Secondo qualsiasi definizione del termine, questa è una guerra di classe aperta condotta dalla classe dirigente contro tutte le altre classi.

E così questa stessa classe dirigente ha usato la politica della guerra di classe normalizzata per dividere e conquistare la cittadinanza lungo linee di razza e genere, usando i tropi della nuova sinistra, per spostare l’attenzione dalle vere questioni economiche a quelle astratte di identità. Una parte dell’intellighenzia e degli studenti/giovani sono armati in una finta militanza “progressista” contro il “Trumpismo”, Antifa e BLM e il complesso industriale senza scopo di lucro, tutti collegati a Democracy Action e meraviglie sorosiane.

Il non-evento del 6 gennaio è usato come una sorta di nuovo attentato di Oklahoma City che non fa altro che incoraggiare le tendenze parassitarie dei feticisti del potere investigativo e dell’accusa, che l’autoritarismo americano ha lasciato inasprire nelle sue fessure. Ebbene, un non-evento a parte l’uccisione ingiustificata di Ashli ​​Babbitt da parte della polizia del Campidoglio. Quattro agenti che sono morti, in realtà sono morti “per suicidio” entro una settimana dall’evento. Cosa sapevano? Perché si sono suicidati?

Nel frattempo i veri oppositori di Trump sono quelli dietro l’intero Great Reset e la guerra di classe di “alcuni contro tutti” in corso proprio ora negli Stati Uniti

E che questa sia già una guerra civile in piena espansione e un conflitto tra le élite è anche apertamente noto.

Il 20 dicembre , la CNN ha pubblicato un video intitolato ” Quanto sono vicini gli Stati Uniti alla guerra civile? Più vicino di quanto pensi, dice lo studio ”.

L’accuratezza o le motivazioni dello studio stesso non sono né qui né là, possiamo sviluppare una metrica e un metodo superiori probabilmente a caso, perché la situazione è ovvia. Il vero punto di interesse è che il fiore all’occhiello delle fake news americane sta apertamente spingendo la storia. Quale potrebbe essere il motivo?

Di particolare interesse è quanto detto:

Presentatore: “ Il rigido rifiuto del compromesso da parte dei legislatori sottolinea i risultati inquietanti di uno studio sulla democrazia negli Stati Uniti Secondo un editoriale del Washington Post, i dati del Center for Systemic Peace rilevano che gli Stati Uniti non si qualificano più come democrazia. Dopo gli anni dell’amministrazione Trump, è una via di mezzo tra una democrazia e uno stato autocratico.

Barbara Walter è professoressa di Relazioni internazionali presso la School of Global Policy and Strategy dell’Università della California a San Diego, ora si unisce a me, sono felice. Quando osserviamo la ricerca, è francamente spaventoso e concludi che gli Stati Uniti sono più vicini alla guerra civile di quanto chiunque di noi vorrebbe credere. Come chiudere?”

Barbara Walter:  “Beh, ho studiato le guerre civili negli ultimi trent’anni in tutto il mondo, e infatti negli ultimi quattro anni sono stato in una task force gestita dalla CIA che cerca di prevedere dove al di fuori degli Stati Uniti è probabile che scoppino guerre, violenze politiche e instabilità. E in realtà ora sappiamo che i due migliori predittori della probabilità che si verifichi la violenza sono se un paese è un’anocrazia, e questo è un termine di fantasia per la democrazia parziale, e se gli imprenditori etnici sono emersi in un paese che utilizza la razza, la religione, o divisioni etniche per cercare di ottenere il potere politico. E la cosa sorprendente degli Stati Uniti è che entrambi questi fattori attualmente esistono e sono emersi a un ritmo sorprendentemente veloce ”.

Naturalmente la CNN distorce parole e ragioni e crea implicazioni in contrasto con la vera dinamica che ora funziona. Gli “anni dell’amministrazione Trump” vengono lanciati per farci pensare che l’erosione dei diritti costituzionali sia stata opera sua. È stato il contrario: sono stati gli oppositori a Trump che hanno eroso la repubblica.

È stata la collusione della tecnocrazia Great Reset, la collusione del FMI, del WEF e degli attori nazionali nel Transition Integrity Project (di cui abbiamo tanto scritto), big media, big tech, big pharma, the too big to fail , che ha sovvertito un movimento populista e il loro legittimo esito elettorale.

Se  ne vantavano apertamente  e mostravano le ricevute. Non è una teoria del complotto, ma qualcosa già apertamente confessato.

In verità, uno studio migliore di Princeton ha concluso nel 2014 che gli  Stati Uniti non erano più una democrazia .

“ Un nuovo studio di Princeton porta una cattiva notizia per la democrazia americana, ovvero che non esiste più.

Chiedere “chi chi governa davvero?” i ricercatori Martin Gilens e Benjamin I. Page sostengono che negli ultimi decenni il sistema politico americano si è lentamente trasformato da democrazia in oligarchia, in cui le élite ricche detengono la maggior parte del potere.

Utilizzando i dati tratti da oltre 1.800 diverse iniziative politiche dal 1981 al 2002, i due concludono che individui ricchi e ben collegati sulla scena politica ora guidano la direzione del paese, indipendentemente o addirittura contro la volontà della maggioranza degli elettori. 

Certo Barbara Walter o è una bugiarda o un’idiota, probabilmente un po’ entrambe le cose, perché non c’è correlazione tra indice di democrazia e stabilità. Ebbene, c’è una connessione: una volta che gli Stati Uniti prendono di mira un paese o una regione per la destabilizzazione, iniziano a sottolineare le caratteristiche della sua società che sono meno del sogno idealista progressista di una democrazia utopica. Un compito facile e un trucco utile, visto che siamo nella realtà e non un sogno. Quindi continuano a stabilire un embargo commerciale e altre misure punitive, aggravando così le tensioni all’interno di quella società, tensioni che in realtà tutte le società hanno.

Le agenzie di intelligence promuovono “bande”, contro-bande e violenza politica negli stati presi di mira, per creare stati falliti. Lo fanno in tutta l’Africa. Lo hanno fatto in Jugoslavia, in Ucraina, ecc.

L’idea che democrazia e stabilità siano direttamente correlate va contro la verità esposta nel fatto della tendenza generale delle élite nei paesi in lotta a inclinarsi verso la dittatura, al fine di portare stabilità alle instabilità a cui sono soggette le istituzioni democratiche, una volta che si trovano a sopportare questioni economiche più ampie. La situazione ottimale, ovviamente, sono forti istituzioni democratiche che sono giustificate e, a loro volta, supportano la prosperità economica.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti tendono verso la dittatura non come risultato di “imprenditori etnici”, qualunque cosa significhi, né la loro apparizione (proprio ora?) dovrebbe farci riflettere. Piuttosto, il sistema in via di sviluppo di passaporti interni, documenti d’identità digitali, pass Covid, vaccinazione forzata e reclusione con il pretesto della “pandemia”, questi sono o dovrebbero essere motivo di grande preoccupazione.

Il che ci riporta in Cina.

Il pretesto del virus è stato sicuramente utilizzato in Cina per i propri fini di “sicurezza nazionale” nell’era digitale. La Russia ha fatto lo stesso. Nessuno dei due paesi, tuttavia, ha promosso vaccini sperimentali, optando invece di utilizzare questa crisi prodotta dagli Stati Uniti a proprio vantaggio in termini di sicurezza. Il tutto senza usarlo per sperimentare sulla popolazione terapie geniche non testate.

Ma la Cina farà la Cina, e un paese così lontano e così fuori dalla portata della volontà e dell’autorità morale dei cittadini americani di cui preoccuparsi, non è certo l’obiettivo giusto delle preoccupazioni dei cittadini americani.

Il problema più grande che gli americani devono affrontare è sicuramente il proprio Deep State e la super élite, che sembrano avere un debole per i rituali bizzarri, gli abusi sui minori, la guerra elettiva e la feticizzazione delle dinamiche di potere osservate sotto il tardo capitalismo.

L’attenzione al sistema di credito sociale cinese ha un effetto positivo sui movimenti occidentali contro il sistema nella misura in cui gli occidentali vedono gli sviluppi nella società cinese come negativi.

Ma la colpa attribuita alla società cinese ha funzionato contro la comprensione del credito sociale. Sebbene il sistema di credito sociale cinese possa utilizzare alcune delle stesse tecnologie degli Stati Uniti, è diverso per contesto, storia e significato. La cosa più comprensibile è che il sistema di credito sociale cinese predilige i valori tradizionali e socialmente conservatori, mentre quello emergente negli Stati Uniti impone valori borghesi-libertini.

Mentre gli americani trasformano le loro giustificate paure sul credito sociale, insieme al declino di un lavoro significativo e del tenore di vita, in retorica anti-cinese, l’attenzione sulla Cina funge da distrazione da quello che è un fenomeno interamente interno e guidato dalla tecnologia.

Se la lezione tratta è che “non dobbiamo diventare come la società cinese”, manca il bersaglio. La Cina si trova in una posizione nettamente diversa, dove le sue tecniche di produzione industriale automatizzata superano in molti casi quelle degli Stati Uniti, mentre la sua numerosa popolazione rurale vive in condizioni preindustriali.

Il sistema di credito sociale cinese era inizialmente rivolto alle grandi aziende: immagina qualcosa come un “ufficio commerciale migliore” e un servizio di comunicazione dei consumatori che avesse effettivamente i denti. Il sistema cinese non ha posto la redditività come unico fattore determinante per l’affidabilità creditizia e, date le sue dimensioni e l’anonimato, ha richiesto un sistema numerato. Immagina se Pfizer, ad esempio, avesse ridotto l’accesso al capitale a causa della sua attività criminale. Questo è esattamente il genere di cose che è successo nel sistema cinese, uno dei pochi paesi che è incline a giustiziare occasionalmente un oligarca miliardario.

Quando il sistema cinese è stato portato avanti, il suo obiettivo era sviluppare un sistema di credito non monetario per gli abitanti delle zone rurali che vivono ancora in condizioni preindustriali. È anche un paese enorme, davvero una sfera di civiltà a sé stante, con molte regioni e politiche creditizie e legali variabili, persino contrastanti.

È molto difficile attuare il moderno sistema di credito monetario quando le persone vivono di baratto e le loro motivazioni psicologiche si riferiscono non solo   alla posizione sociale preindustriale, ma anche premoderna e omonima .

Tieni presente che la Cina ha attraversato  tre rivoluzioni industriali nell’arco di circa ottant’anni , mentre la prima rivoluzione  industriale negli Stati Uniti è iniziata intorno al 1750.

La grande tecnologia rispecchia aspetti del sistema di credito sociale cinese e non c’è dubbio che il credito sociale stia “crescendo” negli Stati Uniti se lo confrontiamo con il sistema cinese. Ma è proprio qui che sbaglieremo .

Nel nostro lavoro sul  dispotismo orientale e le società idrauliche , abbiamo dimostrato che l’attuale spinta delle élite occidentali è quella di prepararsi per una transizione da una società regolata dal denaro (ossia guidata dal lavoro). Questo porta alla loro necessità di un sistema di credito sociale che corrisponda all’età post-lavorativa della 4a  Rivoluzione Industriale.

Ci sono sicuramente cinesi scontenti del sistema di credito sociale cinese. Il punto più ampio è che questo è il loro problema da risolvere. È un modello per le élite di altri paesi incolpare gli Stati Uniti dei loro guai interni. Qualunque sia il valore di verità che queste affermazioni hanno, viene confuso con la comodità che offre, sollevando quelle élite
politiche dalle proprie responsabilità di governare in modo equo e giusto.

Allo stesso modo, l’attenzione sul “virus cinese” nasconde il fatto che è stato probabilmente creato sotto la supervisione del dottor Fauci, in coordinamento con Bill Gates e altri oligarchi coinvolti nello schema di obbligo vaccinale.

Il credito sociale funziona lo stesso. È fin troppo conveniente attribuire alla Cina sia la colpa che la comprensione del credito sociale. Le élite cinesi, il PCC, l’EPL, non hanno assolutamente nulla a che fare con la crescita del credito sociale sul suolo americano.

Il credito sociale negli Stati Uniti ha caratteristiche spiccatamente americane, basato sui tropi della nuova sinistra, sostenuto da società americane e nessuna cinese.

Negli Stati Uniti, l’instabilità sociale è avvenuta attraverso la logica e il processo delle proprie macchinazioni, la disparità socio-economica. La crescita dell’autoritarismo negli Stati Uniti e l’attuazione del credito sociale è, semmai, una forza attenuante intesa a gestire le altre crisi di sua creazione.

Ciò che le élite amano fare, tuttavia, è incolpare gli altri paesi per i propri obiettivi. Quando gli imperi crollano, spesso amano impegnarsi in “grandi reset”, spesso guerre totali. La guerra di oggi è una guerra di classe delle super élite, e questa può essere combattuta e vinta dalle grandi masse di persone contro i propri oligarchi. Presentare la Cina come parte responsabile del virus misterioso o del credito sociale, tuttavia, servirà solo a incoraggiare la nostra stessa oligarchia in una grande distrazione dai propri crimini e programmi.

Previous articleITALIA COME IL TITANIC
Next articleWASHINGTON APRE LE PORTE ALLA GUERRA