Home Coronavirus La FDA sta indagando sulle reazioni allergiche al vaccino Pfizer Covid-19 dopo...

La FDA sta indagando sulle reazioni allergiche al vaccino Pfizer Covid-19 dopo molteplici incidenti

1

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense sta collaborando con i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per trovare il “colpevole” dietro le segnalazioni di reazioni allergiche al vaccino Pfizer / BioNTech Covid-19.

Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha annunciato venerdì che l’agenzia sta esaminando almeno cinque casi di reazioni allergiche al vaccino, che ha iniziato a essere somministrato la scorsa settimana.

“Penso che a questo punto abbiamo il giusto sistema in atto, [una] strategia di mitigazione con la disponibilità di un trattamento per una grave reazione allergica pronta e continueremo a monitorarlo molto da vicino”, ha detto Marks giornalisti venerdì sera. 

Non è chiaro cosa ci sia stato dietro le reazioni negative, ma il “colpevole” potrebbe essere il polietilenglicole chimico (PEG), presente anche nel vaccino Moderna . 

Segnalazioni di reazioni allergiche sono arrivate dall’Alaska e da altri stati la scorsa settimana, a seguito di casi simili segnalati dal Regno Unito. 

Secondo quanto riferito, un operatore sanitario in Alaska ha sperimentato mancanza di respiro, aumento della frequenza cardiaca ed eruzioni cutanee, solo 10 minuti dopo aver ricevuto il vaccino, ed è stato trasferito in un’unità di terapia intensiva a Juneau, sebbene sia stata trattata e ora si prevede che si riprenda completamente. .

Un altro operatore sanitario in Alaska, che secondo quanto riferito ha avuto anche una reazione anafilattica pochi minuti dopo aver ricevuto il vaccino, ha manifestato gonfiore della lingua e difficoltà respiratorie. Anche lei si è ripresa completamente.

Le linee guida federali attualmente raccomandano alle persone che ricevono il vaccino Pfizer / BioNTech di essere monitorate per 15 minuti dopo aver ricevuto l’iniezione, o 30 minuti se hanno una storia di reazioni allergiche. 

La portavoce della Pfizer, Jerica Pitts, ha affermato che la società sta “monitorando” le crescenti segnalazioni di reazioni allergiche e “aggiornerà il linguaggio dell’etichettatura se necessario”.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleTRUMP SCARICA BORIS JOHNSON DOPO LE RESTRIZIONI NATALIZIE: “LA CURA NON PUO’ ESSERE PEGGIORE DEL PROBLEMA STESSO”
Next articlePerché così tante persone altamente istruite sono disposte a rinunciare al loro potere innato di pensare?
5 1 vote
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
irene

Salve, giusto per fare chiarezza: il “vaccino” pfizer contiene un tratto di mRNA virale che codifica SOLO per la proteina spike, giusto? Una volta entrato nel corpo, fa replicare alle cellule solo quella proteina, che poi va in circolo e dovrebbe indurre la produzione di anticorpi mirati. Anche se, per inciso, io ho qualche perplessità sulla capacità dell’organismo di distinguere come non-self una sostanza che viene prodotta ed esce dalle sue cellule…Fatto sta, comunque, che in questo processo non viene replicato l’intero virus: in che modo quindi, stando così le cose, il vaccino può indurre e diffondere la malattia?