Database Italia

La first lady Melania Trump: “La mia esperienza personale con il COVID-19”

WASHINGTON , 20 ottobre  2020 – La  first lady Melania Trump si è ripresa dal coronavirus utilizzando ” un percorso più naturale ” incentrato su ” vitamine e cibo sano “, come affermato in un  comunicato ufficiale  della Casa Bianca  il 14 ottobre (In fondo all’articolo la traduzione integrale) . 

Anche se ha sperimentato solo ” sintomi leggeri “, spiega come siano arrivati ” tutti in una volta ” , inclusi ” dolori muscolari, tosse e mal di testa ” , oltre a sentirsi ” estremamente stanca per la maggior parte del tempo. ” 

Sottolineando la necessità di mantenere una buona salute generale come mezzo implicito per combattere il virus, ha incoraggiato tutti ” a vivere una vita più sana possibile “, tra cui “una  dieta equilibrata, aria fresca e vitamine ” , che ” sono davvero vitali per mantenere i nostri corpi sani. ” Regole di vita sana non impediranno ovviamente infezioni virali ma ci aiuteranno ad affrontarle meglio.

Ad esempio Uno studio  sull’efficacia degli integratori di vitamina D ha rilevato che i pazienti ospedalieri COVID-19 trattati con alte dosi di calcifediolo, un tipo di vitamina D, se la cavano molto meglio rispetto a coloro che riportano bassi livelli della vitamina.

Un altro  studio ha  confermato la teoria, concludendo che “i pazienti con vitamina D sufficiente, o con livelli superiori a un deficit clinico, hanno meno probabilità di avere infezioni gravi e difficoltà respiratorie ” e quindi ” hanno maggiori probabilità di sopravvivere”.  

Coerentemente con questi e altri risultati, molti esperti sanitari e organizzazioni  consigliano   di assicurarsi di assumere abbastanza vitamina D dalla luce solare o dagli integratori ” non solo come precauzione contro il coronavirus, ma anche per la salute generale. ” 

Le stesse indicazioni le troviamo nella dichiarazione della signora Trump, risultata positiva insieme al figlio Barron che a differenza della madre però “non ha mostrato sintomi”. 

Nel corso della diffusione di questa nuova malattia, una maggiore conoscenza della sua letalità fornisce una valida giustificazione per il ritorno alla normalità  per  la popolazione non vulnerabile,  dicono gli esperti .   

Un recente  studio  nel Regno Unito ha dimostrato che, come Barron Trump, “l’incredibile  86% delle persone risultate positive al coronavirus  …  non presentavano sintomi “. 

Il  New York Times ha pubblicato un  articolo  a settembre dimostrando che ” fino al 90% delle persone risultate positive ” trasportavano “quantità insignificanti di virus” e “è improbabile che siano contagiose . ” 

E Swiss Policy Research (SPR)  afferma  che “circa l’ 80  %  di tutte le persone ” infettate dal virus  ” sviluppa  solo sintomi lievi  o nessun sintomo “. “ Anche tra 70-79  anni”, SPR  continua, “ circa il 60  per cento  sviluppa solo lievi sintomi ,” e “ il 95  per cento  di tutte le persone sviluppano al massimo  sintomi moderati che non richiedono il ricovero in ospedale .” 

Con l’obiettivo di ” ridurre al minimo la mortalità e il danno sociale fino a raggiungere l’immunità di gregge “, la recente  Dichiarazione di Great Barrington  afferma che “l’ approccio più compassionevole che bilancia i rischi e i benefici del raggiungimento dell’immunità di gregge, è quello di consentire a coloro che sono a rischio minimo di morte di vivere normalmente la propria vita per costruire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, proteggendo al contempo meglio coloro che sono a più alto rischio “. 

E così, pur mantenendo una grande vigilanza nel proteggere i vulnerabili, la Dichiarazione conferma: “A coloro che non sono vulnerabili dovrebbe essere immediatamente consentito di riprendere la vita normalmente  … I  giovani adulti a basso rischio dovrebbero lavorare normalmente, piuttosto che da casa. Dovrebbero aprire ristoranti e altre attività. Le arti, la musica, lo sport e altre attività culturali dovrebbero riprendere. Le persone più a rischio possono partecipare se lo desiderano, mentre la società nel suo insieme gode della protezione conferita ai più vulnerabili da coloro che hanno costruito l’immunità di gregge. “

Melania Trump: “La mia esperienza personale con il COVID-19”

Due settimane fa ho ricevuto la diagnosi che tanti americani nel nostro paese e nel mondo avevano già ricevuto: sono risultata positiva al COVID-19. A peggiorare le cose, mio ​​marito e il comandante in capo della nostra nazione hanno ricevuto la stessa notizia.

Naturalmente la mia mente è andata subito a nostro figlio. Con nostro grande sollievo è risultato negativo, ma ancora una volta, come tanti genitori hanno pensato negli ultimi mesi, non ho potuto fare a meno di pensare “e domani o il giorno dopo?” La mia paura si è avverata quando è stato testato di nuovo ed è risultato positivo. Per fortuna è un adolescente forte e non ha mostrato sintomi. In un certo senso sono stata contenta che noi tre abbiamo affrontato tutto questo nello stesso momento, così potevamo prenderci cura l’uno dell’altro e passare del tempo insieme. Da allora è risultato negativo.

Sono stata molta fortunata perché la mia diagnosi è arrivata con sintomi minimi, anche se mi hanno colpito tutti in una volta e nei giorni successivi sembrava essere una montagna russa di sintomi. Ho provato dolori muscolari, tosse e mal di testa e mi sentivo estremamente stanca per la maggior parte del tempo. Ho scelto di seguire una strada più naturale in termini di medicina, optando più per vitamine e cibo sano. Avevamo intorno a noi meravigliosi custodi e saremo per sempre grati per le cure mediche e la discrezione professionale che abbiamo ricevuto dal Dr. Conley e dal suo team. Era una sensazione insolita per me essere un paziente invece di una persona che cercava di incoraggiare la nostra nazione a rimanere in salute e al sicuro. Adesso mi prendevo cura di me e facevo esperienza di prima mano con tutto ciò che il COVID-19 può fare. Poiché il paziente e la persona che beneficia di così tanto supporto medico, Mi sono sentita ancora più grata e in soggezione nei confronti di medici e primi soccorritori ovunque. Al personale medico e al personale del residence che si sono presi cura della nostra famiglia, dire grazie non è sufficiente.

Il recupero da una malattia ti dà molto tempo per riflettere. Quando mio marito è stato portato da Walter Reed per precauzione, ho passato gran parte del mio tempo a riflettere sulla mia famiglia. Ho anche pensato alle centinaia di migliaia di persone in tutto il nostro paese che sono state colpite da questa malattia che infetta senza discriminazione. Siamo in tempi senza precedenti e con l’avvicinarsi delle elezioni è stato facile lasciarsi prendere da tanta energia negativa.

Mi ha anche rallegrato pensare a tutte le persone che ho incontrato nel nostro paese e nel mondo, e alla bontà e alla compassione che esistono se le cerchi. Il nostro paese ha superato molte difficoltà e molte avversità, e spero che il COVID-19 sarà un altro ostacolo che saremo in grado di dire alle generazioni future che abbiamo superato e da cui abbiamo imparato un processo.

Incoraggio tutti a continuare a vivere la vita più sana possibile. Una dieta equilibrata, aria fresca e vitamine sono davvero fondamentali per mantenere il nostro corpo sano. Per il completo benessere, la compassione e l’umiltà sono altrettanto importanti per mantenere la nostra mente forte. Per me personalmente, la parte più importante della mia guarigione è stata l’opportunità di riflettere su molte cose: famiglia, amicizie, il mio lavoro e rimanere fedele a chi sei.

Sono felice di comunicare di essere risultata negativa e spero di riprendere le mie funzioni il prima possibile. Insieme a questa buona notizia, voglio che le persone sappiano che capisco quanto sia fortunata la mia famiglia ad aver ricevuto il tipo di cure che abbiamo ricevuto noi. Se sei malato, o se hai una persona cara che è malata, ti penso e penserò a te ogni giorno. Prego per il nostro paese e prego per tutti coloro che sono alle prese con il COVID-19 e qualsiasi altra malattia o sfida.

Grazie a tutti coloro che hanno contattato e offerto auguri e preghiere per la nostra famiglia. Rimani anche tu nel nostro cuore.

Cordiali saluti,

Melania Trump



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.