Quantcast
Database Italia

LA FOLLIA DEI PASSAPORTI VACCINALI “RECIPROCAMENTE RICONOSCIBILI” IN POLONIA E IN TUTTA EUROPA




La Polonia sostiene fortemente i lavori sulla creazione di un certificato vaccinale comune e reciprocamente riconosciuto”, ha affermato il ministro degli affari europei, Konrad Szymański. Come Szymański ha aggiunto, capiamo l’argomento che l’attuazione del certificato sarebbe possibile solo quando il tasso di vaccinazione diventasse molto più alto rispetto a quello attuale.

La presidentessa della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha chiesto giovedì l’accelerazione dei lavori per implementazione dei certificati vaccinali per fare in tempo per l’estate (prima dell’ estate?). Ha anche suggerito che passaporti avrebbero potuto includere informazioni sul vaccino somministrato, un risultato negativo del test o l’acquisizione dell’immunità dopo un contagio da Covid-19 (presunto virus Sars-Cov-2?)

Gli Stati membri devono implementare il passaporto nei loro sistemi sanitari e di protezione delle frontiere”, ha aggiunto von der Leyen e ha dichiarato che la CE sta offrendo supporto per garantire l’interoperabilità delle diverse soluzioni nazionali (dei diversi passaporti internazionali). Ha stimato che ci sarebbero voluti circa tre mesi per implementare il sistema dei certificati vaccinali. “Dobbiamo sbrigarci se vogliamo fare in tempo per l’estate“, ha sottolineato von der Leyen.

Il Ministro Szymański è stato interrogato venerdì dalla televisione POLSAT sulla posizione della Polonia nei confronti di un certificato vaccinale “Sicuramente questa soluzione deve essere europea – sarebbe la cosa migliore, perché stiamo parlando di mobilità, movimento di persone, merci, servizi prima di tutto nel mercato comune dell’UE”. – ha detto il Ministro degli affari europei polacco.

Karol Szymański ha sottolineato anche che “la Polonia sostiene fortemente i lavori per la creazione di un certificato comune e reciprocamente riconosciuto”. “D’altra parte, comprendiamo anche argomentazione di altri Paesi, che indicano un fatto che con un livello di vaccinazione così basso, e una differenziazione troppo significativa della situazione giuridica dei cittadini, può essere accolta con difficoltà. Comprendiamo questi argomenti, ma incoraggiamo fortemente la Commissione Europea a lavorare”, ha detto Szymański.

Come Szymański ha sottolineato, “non è solo una questione di interessi dei Paesi che sono fortemente dipendenti dall’industria del turismo, anche se sono i più rumorosi oggi, è una questione di perdite nel mercato comune, che dovrebbero essere minimalizzate, e un simile certificato aiuterebbe certamente in questo”.

Alla domanda su quale fosse la visione polacca per il certificato, il Ministro ha detto che “ci aspettiamo soprattutto che questo documento, elettronico o fisico, sia riconosciuto almeno in tutti gli stati membri dell’UE”. “Tuttavia, comprendiamo l’argomentazione che l’implementazione di un tale piano sarebbe possibile quando il tasso di vaccinazione fosse significativamente più alto della piccola percentuale con cui abbiamo a che fare ora”. – ha aggiunto.

Szamanski ha valutato che la “madre di tutti i problemi” è attualmente il basso tasso di vaccinazione e il basso livello di distribuzione dei “vaccini promessi e contrattati da Bruxelles“. Come ha detto, la Commissione europea è consapevole che l’attuale stato di attuazione del piano di distribuzione dei vaccini è insoddisfacente”.

Ha sottolineato che “nella convinzione del primo ministro Mateusz Morawiecki, la Commissione Europea dovrebbe usare tutti gli argomenti normativi e finanziari per richiamare all’ordine i produttori”. “Oggi, la cosa più importante è che la CE proceda con una pressione decisiva sui produttori per far adempiere i loro obblighi, che sono stati prepagati, perché la CE dal nostro denaro comune ha speso circa 3 miliardi di euro per accelerare i lavori. E giustamente, ma quei 3 miliardi di euro dovrebbero essere seguiti da impegni chiari da parte dei produttori”. – ha detto il ministro degli affari europei polacco.

Szymański ha espresso la fiducia che la situazione della distribuzione dei vaccini migliorerà nelle prossime settimane. “La CE è assolutamente consapevole che questo è l’argomento numero uno e il prisma attraverso il quale sarà valutata almeno nella prima parte del suo mandato“. – ha sottolineato.

Interrogato sul Programma Nazionale per la Ricostruzione presentato dal governo venerdì e sulla misura in cui la Commissione Europea può interferire nella sua forma, Szymański ha detto che “il PIN è accettato nel dialogo con la Commissione Europea, mentre ciò che sarà definito nel dettaglio in esso è già affare nostro”. “Deve solo soddisfare i criteri di confine come la questione del settore sanitario, la digitalizzazione o la trasformazione energetica”. – Ha detto Szymański.

“Stiamo, ovviamente, scrivendo un tale scenario, soprattutto sulle questioni più difficili, come la transizione energetica, in modo che sia in linea con gli interessi polacchi e le condizioni polacche,” – Ha detto Szymański.(PAP)

(tradotto da Ela Wierzchowska)

Fonte



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.