CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

LA FOLLIA DELLE MASCHERINE

Credenze ridicole

Mai in vita mia avrei pensato di vedere persone accettare il tipo di sciocchezze che abbiamo visto negli ultimi due anni, e una delle ragioni di questa irrazionalità è, credo, perché le autorità sanitarie, i leader politici e i media hanno tutti mentito su fatti, dati e scienza. Creando una narrativa irrazionale e spingendola all’esclusione di tutto il resto, hanno fatto il lavaggio del cervello alle persone facendole rinunciare a ogni senso e sensibilità.

Ad esempio, verso la fine di novembre 2020, nelle RSA si allestirono “muri di plastica avvolgenti” attraverso i quali i visitatori potevano abbracciare i propri cari attraverso spessi fogli di plastica. L’AARP ha riportato 21  questo come un’invenzione geniale per aiutare i propri cari a connettersi, ma in realtà è solo a un passo dalla follia. Nessuno pensava che un virus nell’aria potesse viaggiare sopra o sotto la tenda di plastica?

E non vorrei dover parlare delle regole di marcia unidirezionale imposte nei negozi, dove grandi frecce sul pavimento indicavano alle persone di camminare in un’unica direzione lungo i corridoi. Fortunatamente, era apparentemente così idiota ed esagerato che non è durato molto a lungo.

Purtroppo non si può dire lo stesso per tutte quelle barriere di plastica erette su banchi.  Indicibili somme di denaro sono state spese per questi aggeggi inutili che riducono le interazioni umane in modo molto più efficiente di quanto non blocchino i virus.

Ci è voluto ben più di un anno e mezzo prima che i media iniziassero a mettere in discussione l’utilità di queste barriere che succhiano l’anima. In un articolo del New York Times del 19 agosto 2021, 22  Tara Parker-Pope ha evidenziato una ricerca che suggerisce che le barriere “possono interferire con la normale ventilazione” e il flusso d’aria 23 ,  il che può rendere più probabile la diffusione del virus. Uno studio, niente meno che del CDC, ha rilevato che le barriere non hanno avuto alcun impatto sul rischio di infezione, 24  e un altro ha scoperto che lo peggioravano. 25

” In condizioni normali nei negozi, nelle aule e negli uffici, le particelle del respiro esalato si disperdono, trasportate dalle correnti d’aria e, a seconda del sistema di ventilazione, vengono sostituite da aria fresca all’incirca ogni 15-30 minuti”,  ha scritto Parker-Pope.

“Ma l’installazione di barriere di plastica può modificare il flusso d’aria in una stanza, interrompere la normale ventilazione e creare ‘zone morte’, dove le particelle di aerosol virale possono accumularsi e diventare altamente concentrate.

Articoli correlati

“Se hai una foresta di barriere in una classe, interferirà con la corretta ventilazione di quella stanza”, ha affermato Linsey Marr, professoressa di ingegneria civile e ambientale presso Virginia Tech e uno dei massimi esperti mondiali di trasmissione virale. “Gli aerosol di tutti rimarranno intrappolati e bloccati lì e si accumulano, e finiranno per diffondersi oltre la tua stessa scrivania.'”

Le mascherine continuano a non funzionare

Una delle convinzioni irrazionali più persistenti generate durante questa pandemia è che le mascherine prevengono la diffusione del virus. Prima del 2020, sarebbe stato difficile trovare un operatore sanitario che pensasse che una maschera chirurgica potesse bloccare un virus nell’aria. Beh, non ho bisogno di dirti cos’è successo. L’avete vissuta tutti.

Oltre ai numerosi studi che negli anni passati hanno dimostrato che le maschere non funzionano contro i virus, ora possiamo indicare un rapporto del Dipartimento dell’Istruzione del Regno Unito, 26 , 27  che non ha trovato prove che le mascherine universali indossate nelle scuole riducano le assenze dovute a malattia. Sarah Lewis, professoressa di epidemiologia molecolare all’Università di Bristol, ha detto a Bloomberg: 28

“l’obbligo delle maschere può ridurre la qualità dell’istruzione ed escludere gli alunni con difficoltà di udito dalle discussioni. Laddove non vi siano prove sufficienti di un beneficio di una politica e prove di danni, l’inadempienza dovrebbe consistere nel non intervenire”.

Anche così, i ricercatori che apparentemente vogliono che le maschere siano la regola piuttosto che l’eccezione continuano a portare avanti “studi” che presumibilmente dimostrano che tutti stanno meglio con la faccia coperta. Ad esempio, uno studio a sostegno dell’uso della maschera 29  è uscito nel gennaio 2022 come parte di un’iniziativa della National Science Foundation per studiare la trasmissione delle malattie nelle classi. Lo studio era composto da sole 14 persone.

La follia della maschera è forse meglio illustrata dalle bande musicali e dalle orchestre costrette a indossare maschere con un gigantesco foro alla bocca, attraverso il quale possono suonare i loro strumenti a fiato.

I NOSTRI ARTICOLI – RICERCHE – ANALISI SULL’ USO DELLE MASCHERINE – Clicca qui

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Andrea

Tutto giusto, ma la pazzia più grande rimane sempre quella di cui nessuno parla mai: la credenza che un submicroscopico frammento INERTE di materiale genetico esausto chiamato “virus” sia in grado non solo di provocare malattia ma persino di replicarsi tramettendosi da un “ospite” all’altro. Il contagio NON ESISTE e non ha alcuna prova scientifica. Se e quando la sedicente “controinformazione” lo capirà invece di perdersi in false questioni “diversamente contrastive” che non fanno altro che fungere da “bias di conferma” della medievale “teoria dei germi”, sarà davvero un gran giorno…

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!