Quantcast
Database Italia

La Francia decide di vietare l’Homeschooling dal 2021

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato venerdì mattina l’intenzione di vietare l’istruzione domiciliare per tutti i bambini tranne quelli che hanno una condizione di salute che giustificherebbe tale pratica educativa. Intende inoltre rafforzare il controllo sulle scuole private indipendenti che non ricevono fondi pubblici, in particolare attraverso ispezioni sui curricula insegnati, implementando una legge recente più severa che richiede l’insegnamento di un “nucleo comune” definito da un’alta autorità per l’istruzione.

La nuova legge entrerà in vigore nell’anno scolastico 2021-2022 per tutti i bambini di età compresa tra i 3 ei 16 anni. Già sotto la presidenza Macron l’istruzione è diventata obbligatoria per i bambini in età scolare. Con una buona maggioranza all’Assemblea nazionale, il partito al governo La République en Marche, che Macron ha portato alla vittoria nel 2017, dovrebbe convalidare il progetto di legge che il governo presenterà secondo i desideri del presidente.

Gli annunci di Macron fanno parte di una serie di misure volte a combattere quello che chiama “separatismo”, una strana espressione che usa per designare gli obiettivi degli “islamisti radicali” che vogliono sostituire le leggi della Repubblica francese con la sharia. Ha citato l’esempio di una scuola clandestina in cui giovani musulmani sono stati trovati in una stanza semplice, quasi senza finestre, istruiti da donne in niqab e imparando principalmente preghiere e il Corano, al fine di giustificare il suo attacco ad ampio raggio contro la libertà di istruzione.

Emmanuel Macron ne ha parlato durante evento pubblico a Les Mureaux, una delle tante città suburbane intorno a Parigi dove gli immigrati provenienti da molti paesi, principalmente del Nord Africa e dell’Africa subsahariana, costituiscono la maggioranza. Les Mureaux è stato teatro di rivolte etniche nel 2005 e da allora è stato considerato un punto caldo per l’Islam radicale, con l’uccisione di un comandante di polizia e della sua ragazza nel 2016 in un attacco rivendicato dallo Stato islamico. Molti di questi migranti sono musulmani: i musulmani rappresentano da 4 a 8 o 9 milioni di anime in Francia, secondo diverse fonti. Ripetutamente, attacchi terroristici in Francia sono stati commessi in nome di Allah.

Secondo Lionel Devic, presidente della “Fondation pour l’Ecole”, un’associazione che sostiene la creazione e il funzionamento di scuole indipendenti in Francia, “è chiaramente stabilito che non un solo autore di attacchi terroristici in Francia proveniva da scuole indipendenti. ” Nella sua dichiarazione, ha aggiunto che “Emmanuel Macron ha lucidamente riconosciuto che il separatismo islamista può essere fatto risalire alle scuole pubbliche e alle scuole private sotto contratto con lo Stato”.

Tuttavia, sembra chiaro che le misure contro le libertà civili – una delle prime delle quali è il diritto dei genitori come educatori primari dei propri figli – sono sempre più minate. La crisi del COVID-19 ha già abituato molte persone all’interferenza del governo con il proprio stile di vita, creando un vero e proprio senso di colpa anche se solo si mette il muso fuori da casa. Questa nuova violazione dei diritti e delle libertà personali sembrerà piccola a un’ampia maggioranza che ha già ceduto i propri diritti educativi allo Stato, che controlla la stragrande maggioranza delle istituzioni educative a tutti i livelli.

Nel suo lungo discorso, Macron ha avviato il dibattito dicendo: “Il problema è questa ideologia, che afferma che le proprie leggi sono superiori a quelle della Repubblica. Come ho spesso detto, non chiedo a nessuno dei nostri cittadini di credere o non credere, di credere un po ‘o moderatamente. Non sono affari della Repubblica. Ma chiedo a ogni cittadino, qualunque sia la sua religione o assenza di religione, di rispettare assolutamente tutte le leggi della Repubblica “.

Stava parlando dell’Islam, ma l’argomento è più ampio. 

Macron si è lamentato delle scuole “illegali”, “non dichiarate” in cui i bambini ricevono un’istruzione scadente e una programmazione ideologica; ha denunciato i genitori che li tolgono dai corsi di musica o nuoto nelle scuole statali. Ma li sta usando come scusa per esercitare un controllo sempre maggiore sull’istruzione domiciliare perfettamente legale e sull’istruzione indipendente.

Oggi, in Francia, circa 50.000 studenti in età di scuola dell’obbligo frequentano la scuola domestica. Ufficialmente, i genitori sono tenuti a comunicare alle autorità locali che stanno istruendo a casa il loro bambino o i loro figli e di solito ricevono visita una volta all’anno dagli ispettori accademici. Possono frequentare l’istruzione domestica solo i propri figli; i genitori non sono autorizzati a riunirsi per tenere lezioni di gruppo. Il numero di bambini educati a casa aumenta ogni anno, come ha osservato Macron nel suo discorso.

Circa lo stesso numero di studenti frequenta scuole completamente indipendenti, molte delle quali sono scuole primarie in cui la lettura e la scrittura e altre materie vengono spesso insegnate in modo tradizionale. Alcune di queste scuole sono cattoliche, anche se esistono scuole indipendenti islamiche ed ebraiche e persino laiche, e spesso “salvano” i bambini dalle scuole pubbliche.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments