Home Politica LA FRANCIA DI MACRON SEMPRE PIÙ VICINA AL COLLASSO

LA FRANCIA DI MACRON SEMPRE PIÙ VICINA AL COLLASSO

0

Il risultato finale delle elezioni francesi di questo fine settimana ha visto il presidente Emmanuel Macron perdere il controllo del parlamento francese, i suoi centristi hanno ottenuto appena 245 seggi, ben al di sotto dei 289 richiesti per la  maggioranza assoluta. Ma il risultato più sorprendente è stato il party del National Rally (RN) di Marine Le Pen che ha aumentato i propri posti da otto nel 2017 a 89: un massimo storico.  

“Un pericolo, date tutte le sfide che dobbiamo affrontare”, “uno shock democratico”; i leader nominali del governo francese, Elisabeth Borne (primo ministro, almeno al momento in cui scrivo), e Bruno Le Maire (ministro delle finanze, idem) non avrebbero potuto sottovalutare meglio il disordine che potrebbe derivare dall’aumento del 1.000 per cento del numero di parlamentari del partito RN di Marine Le Pen all’Assemblea nazionale francese. La parola sulla bocca di tutti, da tutte le parti, era ‘senza precedenti’. Usato in modo improprio durante il periodo del blocco del Covid, ha qualche merito nel descrivere i tempi politici in cui la Francia ha barcollato negli ultimi giorni.

La stabilità politica non è stata spesso una caratteristica della politica francese. “Non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata per creare un caos assoluto” potrebbe essere una rielaborazione gallica del consiglio di Churchil. In questo momento, i nemici politici all’opera potrebbero avere in mente ciascuno la salvezza della propria nazione. La realtà è che è più vicina che mai al collasso.

Tanto per cominciare, e soprattutto, la Francia è in  enormi difficoltà economiche . Ci sono buone probabilità che il presidente Emmanuel Macron, vicino com’è sempre stato al centro del potere finanziario e con la sua forte comprensione delle realtà economiche, ne sia più consapevole di chiunque altro. Eppure, come i suoi colleghi politici in patria e all’estero, avendo volontariamente gonfiato l’economia al di là di ogni riconoscimento, non ha idea di come stabilizzarla, intrappolato tra l’inflazione vertiginosa e l’aumento dei tassi di interesse, senza menzionare la perturbazione a cui sta contribuendo nelle catene di approvvigionamento. La sua grande speranza? ‘ Piena occupazione ‘, ci dice vagamente, e con, si sente, sempre meno convinzione.

Le soluzioni degli altri due blocchi di potere – RN di Le Pen e France Unbowed neostalinista di Jean-Luc Mélenchon – non sono affatto soluzioni. Le Pen parla incessantemente, e sembra sinceramente, del suo desiderio di aiutare i più poveri, con un programma approssimativo di riduzione dell’IVA sul carburante e sui “beni essenziali” e di rinazionalizzazione delle strade (per abbassare i prezzi dei pedaggi). Il desiderio di Mélenchon di un’economia “regolata e controllata” sembra un’ulteriore espansione del controllo dei comandi, con un piano per aumentare il salario minimo e prendere in prestito altri 250 miliardi di euro da spendere nel Paese per uscire dalla recessione.

In sintesi, non c’è soluzione a ciò che affligge la Francia a causa di questa drammatica scossa del parlamento di Parigi. D’altra parte, c’è un’enorme quantità di caos politico in arrivo, senza una chiara uscita in vista.

Inoltre, mentre tutto il focus, abbastanza ragionevolmente, è sulla paralisi destinata a essere causata da un Presidente potenzialmente incapace di emanare nulla, se non attraverso l’uso della forza bruta (la famosa  clausola 49-3 della  costituzione della V  Repubblica che consente al Presidente annullare più o meno a proprio piacimento l’opposizione parlamentare alla legislazione), c’è un problema extraparlamentare che chi è fuori dalla “bolla dell’Eliseo” è restio a prendere sul serio e per il quale sembrano esserci ancora meno soluzioni.

Quel problema è l’astensione, in particolare tra i giovani. Il dato medio di astensione per il secondo turno di domenica scorsa è intorno al 53% a livello nazionale, ma in alcune aree ha raggiunto il 65% ed è probabile che i livelli tra gli under 35 siano ancora più alti. Ciò crea un enorme problema di legittimità per il Presidente che farà fatica a superare. Questo pericolo per Macron è appena stato amplificato, poiché la Francia entra in un’era in cui la maggioranza delle persone, già poco convinta dal sistema parlamentare, lo guarda fermarsi in mezzo a litigi tecnocratici, confermando ed esacerbando la propria frustrazione per gli inutili politici al potere.

Cosa potrebbe fare Macron per riprendere l’iniziativa? Si è parlato di dimissioni,  in stile de Gaulle , e questa volta ha costretto un’altra elezione presidenziale con una “campagna democratica adeguata” (a differenza dell’ultima, in cui era in gran parte assente e si è rifiutato di apparire in tutti i dibattiti televisivi tranne uno) ; impensabile, immagineresti, avendo appena vinto, ma poi siamo in tempi strani.

Macron potrebbe decidere di sciogliere la nuova Assemblea nazionale, a rischio che i cittadini si arrabbino davvero per essere invitati a votare di nuovo fino a quando non ottiene il risultato che desidera (familiare a chi si è battuto per la prospettiva di un secondo referendum sulla Brexit). O forse si presenterà in scena sulla scena internazionale, si assenterà del tutto dalla politica nazionale, e tirerà le uniche leve su cui ha il potere esclusivo, quelle che riguardano gli affari esteri.

Chiaramente, nessuno di questi è una soluzione e tutti hanno il potenziale per peggiorare le cose. Può essere difficile simpatizzare, ma Macron è tra un rock e un hard place. Il meglio che possiamo fare per ora è inviare un messaggio chiaro al popolo francese:  bonne chance, mes amis !
FONTE

Clicca Qui
Previous articleSVEGLIATEVI, TUTTI!
Next article“PAPA FRANCESCO” STA PER DIMETTERSI? ATTIVITÀ ‘ALTAMENTE INSOLITE’ IN VATICANO