Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali La Grande Romania emerge dalle ceneri di Stalingrado

La Grande Romania emerge dalle ceneri di Stalingrado

31
0

I sogni della Grande Romania, della România Mare sono per i fannulloni, non per i popoli che cercano di vivere la propria vita in pace sulle acque del Don, del Dniester e del Danubio

Mentre la campagna ucraina della NATO prosegue, lo spettro della Grande Romania, România Mare, perseguita ancora una volta la Transilvania, la Bucovina, la Bessarabia, il Banato, la Crișana, il Maramureș e, naturalmente, la Moldova, dove gli agenti della NATO, insieme ai loro lacchè irlandesi, sono stati particolarmente attivi .

Se gli irredentisti romeni avranno la meglio, l’Ucraina cederà la Bucovina settentrionale e la Moldova cederà la Bessarabia e manderà i suoi di lingua russa a fuggire verso est verso Odessa, che la 4a armata rumena assediò nel 1941 prima di farsi strada con i loro amici della Wehrmacht in una piccola città sulla il Volga chiamata Stalingrado. Incoraggiata da Hitler, che aveva bisogno di proteggere i giacimenti petroliferi della Romania, l’ avanzata della 4a armata attraverso la Transnistria incontrò solo una resistenza simbolica prima di assediare Odessa in quello che può essere descritto solo come un caos totale.

Se la storia si ripete solo come una farsa, ci si chiede cosa ci riserva ora la Grande Romania, che ha rivendicazioni territoriali su Moldava, Ucraina e Ungheria, che hanno tutte le proprie rivendicazioni territoriali di Grande Moldova/Ungheria/Ucraina. Se l’Ucraina è la nostra metrica, possiamo aspettarci che la Romania venga nuovamente dissanguata mentre la NATO continua a incoraggiarla a unirsi all’Ucraina nel mordere le calcagna della Russia. La Romania semplicemente non può permettersi queste sciocchezze indotte dalla NATO. Come l’economia tedesca, anche le esportazioni rumene verso la Germania, il principale partner commerciale della Romania e, sebbene ampiamente autosufficiente in cibo e gas, la Romania non ha le riserve finanziarie per intromettersi ulteriormente nel pantano ucraino della NATO.

Molto meglio prendere un foglio dal manuale ungherese e pagaiare con la propria canoa piuttosto che continuare a sovvenzionare le industrie americane e tedesche delle armi. Se gli angloamericani e i loro lacchè tedeschi vogliono remare con la Russia in Ucraina, la Romania dovrebbe lasciarli lì e starne fuori poiché hanno già percorso quella strada senza una buona fine.

In quanto România Mare è una delle vittime della storia, la colpa è del Trattato di Versailles che ha deliberatamente distrutto la pace e la tranquillità dell’Impero austro-ungarico, e non di tutte le vittime di quell’ignominioso trattato.

La Romania è una terra ricca di risorse e, come la vicina Moldova, storicamente ricca di leader corrotti. Se la Moldova deve fondersi con la Romania in una moderna România Mare, allora lasciate che le persone di quelle regioni e non, come in Ucraina, i loro leader corrotti, si propongano a vicenda e firmino i voti nuziali; che i popoli della Romania e della Moldova siano capitani delle proprie navi. Se, come è probabile, la NATO sta incoraggiando România Mare a creare lo stesso tipo di problemi in Transnistria per le forze russe di stanza lì come Hitler voleva che la 4a armata rumena portasse i sovietici a Odessa e Stalingrado, allora i rumeni dovrebbero stare attenti perché non può finire bene.

Ma i rumeni non devono tornare così indietro. Devono solo guardare oltre la recinzione in Ucraina per vedere come sono andate le fantasie dell’intermarium di Kiev in città come Mariupol, dove i suoi più ferventi seguaci sono stati alimentati nello stesso tipo di tritacarne che in precedenza masticava la 4a armata rumena a Odessa e Stalingrado.

E, se ci deve essere un matrimonio, viene da chiedersi, come con la Galizia e la Polonia, quale sarà la dote. La Moldova è il paese più povero d’Europa; non solo dipende totalmente dalla Russia per tutto il suo fabbisogno energetico, ma l’inflazione è fuori controllo. Sebbene l’UE stia gettando qualche briciola ai leader corrotti della Moldova, circa 600 milioni di euro in vuote promesse per sfamare i 500.000 ucraini, un misero 1200 euro a pezzo, che si sono rifugiati lì, la Moldova, con o senza l’adesione all’UE, sarà un paniere caso per i decenni a venire.

Se le forze armate russe si spingessero verso Odessa e quindi verso la Transnistria, allora quelle aree, che sono prevalentemente filo-russe, sarebbero in pace e molto probabilmente prospererebbero. La Moldova, al contrario, manterrebbe la sua industria del vino, la sua tratta di esseri umani, la sua massiccia emigrazione e i suoi sogni vuoti di salvezza dell’UE.

Il falco di guerra americano Robert D Kaplan vede le cose in modo diverso. Scrivendo nel controverso Washington Post di Jeff Bezos , ci racconta come la NATO ha trasformato la Romaniain un paradiso moderno, segnato solo dalla presenza dei russi in Transnistria, nell’Ucraina orientale e persino nella stessa Russia, che è troppo vicina alla Romania per i gusti di Kaplan. Kaplan è semplicemente un caso in cui lo sciocco della NATO non sa che lo sciocco della NATO non lo sa. Dato che le tattiche di shock e timore reverenziale della NATO non hanno mai risolto alcun problema, non hanno nulla di positivo da contribuire all’Ucraina, alla Romania e ai dintorni, che hanno sfidato le soluzioni dei grandi e dei buoni per oltre un secolo e che non saranno risolte dai vagabondi americani falchi di guerra che lavorano per i media dell’oligarca più ricco del mondo, incastonati nel centro nevralgico della NATO a Washington. La soluzione, come sempre è nel dialogo.

I sogni della Grande Romania, della România Mare sono per i fannulloni, non per i popoli che cercano di vivere la propria vita in pace sulle acque del Don, del Dnestr e del Danubio liberi dagli intrighi di Kaplan, Bezos e degli altri complottisti egoistici del Potomac.

Articolo di Declan Hayes per Strategic Culture

Previous articleATLETI E PROFESSIONISTI DELLO SPORT, DECESSI AUMENTATI DEL 1700% DALL’INTRODUZIONE DEL VACCINO COVID
Next articleL'”operazione militare speciale” russa diventa Guerra di Liberazione dichiarata dalla Repubblica popolare di Donetsk