Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StatePoliticaSocietà

LA GUERRA ALL’UMANITÀ…

All’Impero non interessano gli ucraini più di quanto si preoccupano delle persone nei loro paesi. Si tratta solo di mantenere il controllo sull’umanità.

L’attuale situazione in Ucraina ha rinvigorito ancora una volta i vili e menzogneri media occidentali mandandoli in delirio anti-russo. Negli ultimi due anni i media hanno spinto con entusiasmo la narrativa genocida del Covid a nome della fazione globalista. Qualunque sia la dubbia credibilità che avevano prima del Covid, l’hanno distrutta con le loro inesorabili bugie. Con una sorprendente mancanza di consapevolezza di sé ora stanno spingendo la narrativa anti-russa. Ignorando sia i fatti che il contesto, stanno promuovendo incessantemente la propaganda di guerra per giustificare questa ostilità nei confronti delle loro stesse popolazioni assediate.

La sfortunata realtà è che, nonostante la sfiducia senza precedenti nei media, la propaganda funziona. Il sentimento anti-russo sta crescendo in tutto l’Occidente. Abbiamo assistito agli stessi fenomeni con la rabbiosa narrativa anti-cinese proveniente dai governi occidentali e dai loro clienti stenografi nei media. Il messaggio è chiaro, a meno che tu non sia un burattino flessibile dell’impero anglo-americano, allora ovviamente sei malvagio e devi essere distrutto.

La verità ovviamente è più profonda, la vera guerra che i globalisti stanno combattendo è contro i cittadini di ogni paese della terra. L’atrocità del Covid viene rapidamente smascherata, la repressione delle persone è l’unica opzione aperta alla cabala di Davos del Nuovo Ordine Mondiale. Come sempre, una guerra all’estero è la scusa migliore per imporre la tirannia in patria. I governi neoliberisti occidentali di America, Canada, Australia e gran parte dell’Europa non possono permettersi di essere rimossi dal potere. La rabbia delle persone si scatenerebbe a pieno regime contro coloro che hanno imposto loro la menzogna genocida del Covid. Trudeau, Macron e altri saranno ritenuti responsabili (in un modo o nell’altro) per i loro ruoli chiave in questa atrocità. Non possono permettere che ciò accada, hanno troppo da perdere.


Il tragico e non necessario conflitto in Ucraina può essere visto come la “Grande Guerra per il Reset”. Sebbene mirato alla Russia per scopi mediatici, il suo vero obiettivo è l’ulteriore sottomissione dei popoli dei propri paesi. L’agenda neoliberista occidentale sta fallendo su tutti i fronti, economicamente, socialmente e moralmente. La Cabala ha distrutto le società un tempo prospere e libere che governavano. Il futuro distopico che hanno pianificato per il mondo è ora sotto gli occhi di tutti. È stato esposto in Canada e Australia, Nuova Zelanda e in tutta Europa. È una prospettiva che dovrebbe allarmare tutti.

“The Great Reset” è il modo della Cabala per garantire che gli stessi globalisti che hanno fatto precipitare il mondo nel caos siano ancora al comando dopo il prossimo inevitabile crollo. L’agenda verde e la quarta rivoluzione industriale riguardano la deindustrializzazione del mondo e la distruzione di concorrenti industriali di successo come Russia e Cina. Non sorprende che né la Russia né la Cina, insieme a India e Iran, stiano seguendo questo piano insidioso. Non sono soli, anche molti paesi dell’Africa, del Sud America e dell’Asia gravitano maggiormente verso l’orbita russo/cinese. Tutti hanno buone ragioni per essere diffidenti e arrabbiati con l’Impero. La Cabala è debole e fallimentare, ha creato potenti nemici che sono formidabili ostacoli al Nuovo Ordine Mondiale e al Grande Reset. Aspettati che questo incoraggi altri paesi a resistere ai piani dell’Impero.

Articoli correlati


All’Impero non interessano gli ucraini più di quanto si preoccupano delle persone nei loro paesi. Si tratta di mantenere il controllo sull’umanità. Il presidente Putin in sostanza non sta combattendo l’Ucraina, sta combattendo Il NWO e questa è la battaglia di tutti. La battaglia condotta dall’Occidente è per le menti degli occidentali in modo che possano giustificare l’imposizione di un’ulteriore tirannia. Fino a poco tempo, il presidente Putin ha dimostrato un’incredibile moderazione, nonostante le incessanti bugie e aggressioni ha perseguito la pace e la diplomazia. Questo non è stato ricambiato, è stato accolto con ancora maggiori bugie e provocazioni. Ha dovuto affrontare solo due opzioni, capitolare o resistere, ha resistito. La lotta della Russia è la lotta di tutti i popoli che apprezzano la libertà e resistono alla tirannia.

Siamo tutti russi ora.

Leggi anche:
PUTIN E LA FINE DELL’ORDINE MONDIALE
FINTO ATTENTATO A CENTRALE NUCLEARE IN UCRAINA. LA PROPAGANDA CONTINUA
UACA | QUANDO L’UCRAINA S’INCROCIA CON IL CANADA
PUTIN A DAVOS CONTRO LE BIG TECH: “QUAL É IL CONFINE TRA BUSINESS GLOBALE E TENTATIVI DI CONTROLLARE LA SOCIETÀ?”

FONTE

Articoli correlati

Vedi anche
Close
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!