Analisi Geo-Politiche non convenzionaliScienza e Tecnologia

La luce blu degli schermi ti fa invecchiare più velocemente

Uno studio pubblicato su Frontiers in Aging dai ricercatori della Oregon State University guidati dalla dott.ssa Jadwiga Giebultowicz afferma che la luce blu degli schermi fa invecchiare più velocemente dopo gli studi sui moscerini della frutta.

Obesità e problemi psicologici sono stati collegati a un uso eccessivo dello schermo. La luce blu emessa da questi dispositivi potrebbe avere un impatto sui nostri processi cellulari di base, secondo un recente studio sui moscerini della frutta. Questi risultati sono pubblicati in Frontiers in Aging ( pdf sotto ).

“L’eccessiva esposizione alla luce blu dai dispositivi di uso quotidiano, come TV, laptop e telefoni, può avere effetti dannosi su un’ampia gamma di cellule del nostro corpo, dalla pelle e dalle cellule adipose, ai neuroni sensoriali”, ha affermato la dott.ssa Jadwiga Giebultowicz, professore presso il Dipartimento di Biologia Integrativa presso la Oregon State University e autore senior di questo studio. “Siamo i primi a dimostrare che i livelli di metaboliti specifici – sostanze chimiche essenziali per il corretto funzionamento delle cellule – sono alterati nei moscerini della frutta esposti alla luce blu”.

Giebultowicz ha consigliato: “Il nostro studio suggerisce che evitare un’eccessiva esposizione alla luce blu può essere una buona strategia anti-invecchiamento.

Spegni la luce

I ricercatori della Oregon State University hanno precedentemente dimostrato che i moscerini della frutta alloggiati nell’oscurità costante vivevano più a lungo e che i moscerini della frutta esposti alla luce “accendono” geni di protezione dallo stress.

“Per capire perché la luce blu ad alta energia è responsabile dell’accelerazione dell’invecchiamento nei moscerini della frutta, abbiamo confrontato i livelli di metaboliti nei mosche esposti alla luce blu per due settimane con quelli mantenuti nella completa oscurità”, ha spiegato Giebultowicz.

I livelli di metaboliti che i ricercatori hanno esaminato nelle cellule delle teste di mosca variavano in modo significativo dopo l’esposizione alla luce blu. Hanno scoperto che i livelli di glutammato erano diminuiti ma i livelli di succinato erano elevati, in particolare.

“Il succinato è essenziale per produrre il carburante per la funzione e la crescita di ogni cellula. Alti livelli di succinato dopo l’esposizione alla luce blu possono essere paragonati al gas che si trova nella pompa ma non entra nell’auto”, ha affermato Giebultowicz. “Un’altra scoperta preoccupante è stata che le molecole responsabili della comunicazione tra i neuroni, come il glutammato, sono al livello più basso dopo l’esposizione alla luce blu”.

Invecchiamento accelerato

Le osservazioni dei ricercatori indicano che le cellule potrebbero morire prematuramente a causa del loro inadeguato funzionamento, il che spiegherebbe anche la loro precedente scoperta che la luce blu accelera l’invecchiamento.

“I LED sono diventati l’illuminazione principale negli schermi come telefoni, desktop e TV, così come nell’illuminazione ambientale, quindi gli esseri umani nelle società avanzate sono esposti alla luce blu attraverso l’illuminazione a LED durante la maggior parte delle ore di veglia. Le sostanze chimiche di segnalazione nelle cellule delle mosche e degli esseri umani sono le stesse, quindi c’è il potenziale per effetti negativi della luce blu sugli esseri umani”, spiega Giebultowicz.

La ricerca futura mira ad esaminare direttamente gli impatti sulle cellule umane.

“Abbiamo usato una luce blu abbastanza forte sulle mosche: gli esseri umani sono esposti a una luce meno intensa, quindi il danno cellulare potrebbe essere meno drammatico. I risultati di questo studio suggeriscono che è necessaria una ricerca futura che coinvolga le cellule umane per stabilire fino a che punto le cellule umane possono mostrare cambiamenti simili nei metaboliti coinvolti nella produzione di energia in risposta all’eccessiva esposizione alla luce blu”, ha concluso Giebultowicz.

Leggi lo studio riportato di seguito :

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!