Database Italia

LA NARRATIVA DEL MAINSTREAM SULL’ASSALTO AL CAMPIDOGLIO É CROLLATA MISERAMENTE, MA IL LINCIAGGIO POLITICO NON SI FERMA




Mentre la narrativa disonesta crolla intorno a loro, i principali media e politici democratici stanno cercando di tenere insieme il loro ultimo tentativo di distruggere Donald Trump, ma alcune delle bugie dette stanno diventando troppo grandi per essere scrollate di dosso.

Mi viene in mente il linguaggio dei media reso popolare durante l’era Trump – parole o frasi usate con leggerezza che sono diventate onnipresenti nella discussione, come “violazione delle norme” – specialmente il termine “smascherato”. Agli occhi del MSM e dei loro controllori, Trump era un presidente che aveva bisogno di essere smascherato. Che si trattasse delle dimensioni della folla per il giorno dell’inaugurazione, della ferocia animalesca dei gang-bangers dell’MS-13 o del fatto che Haiti è “as ** ata” , qualsiasi affermazione di Trump doveva essere smentita , falsa o meno.

Quando un odioso chiacchierone sputa costantemente cose che sollevano la gonna sul tradimento della classe dirigente, la sua voce deve essere screditata. E anche se solo una parte della sua storia può essere attaccata, il resto verrà dimenticato. È come un gioco Jenga in cui tutti i pezzi cadono automaticamente quando uno viene rimosso.

Ma lo stesso standard non si applica alle trame dei media. Non importa quante volte MSM e politici dell’establishment siano stati smascherati come bugiardi – dall’arresto dell’MLK nello Studio Ovale alla bufala sulla collusione russa – si suppone che le persone continuino a credere all’essenza dei loro argomenti. La torre Jenga può levitare con interi piani mancanti, ma i truffatori insistono sul fatto che sia ancora in piedi.

Lo vediamo di nuovo nel secondo processo di impeachment al Senato di Trump. Buchi giganteschi sono stati aperti nella narrativa MSM-DNC sull ‘ “insurrezione” del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, ma non dovrebbe avere importanza. Ad esempio, quando mercoledì il responsabile dell’impeachment della Camera Jamie Raskin (D-Maryland) è stato sorpreso a mentire sul contenuto di una presunta telefonata tra Trump e un senatore repubblicano durante la rivolta del Campidoglio, ha ammesso che la sua affermazione era falsa e ha scrollato le spalle. . “Questo è molto rumore per nulla perché non è fondamentale in alcun modo per il nostro caso”, ha detto.

Non importa che il punto fosse apparentemente considerato abbastanza importante da essere presentato come prova. A Raskin è stato essenzialmente permesso di divincolarsi come se dicesse: “Il fatto che stiamo mentendo su questo non riflette in alcun modo la veridicità di qualsiasi altra cosa che ti stiamo dicendo”.

Un pezzo molto più grande e centrale della torre Jenga dell’impeachment non dovrebbe essere rimosso così facilmente. In effetti, l’ufficiale di polizia del Campidoglio Brian Sicknick è così centrale nella narrazione che i suoi resti cremati sono stati esposti in onore alla Rotonda del Campidoglio per ricordare a tutti la malvagità del presunto esercito di terrorismo domestico di Trump.

La storia della brutale mafia Trump è sempre punteggiata dal fatto che cinque persone sono state “uccise” durante la rivolta, ehm, “insurrezione dei suprematisti bianchi”. Una di queste persone era Ashli ​​Babbitt, uno dei rivoltosi, che è stata colpita a morte da un agente delle forze dell’ordine. Altri tre erano manifestanti per la frode elettorale morti per crisi sanitarie – un infarto, un ictus e un’emergenza medica non identificata – durante la manifestazione e la rivolta del 6 gennaio.  

Le teste parlanti che augurano la morte dei sostenitori di Trump in ogni altro caso contano i sostenitori di Trump nel bilancio delle vittime di un incidente perpetrato principalmente dai sostenitori di Trump. È come se stessero raccontando una storia su una crisi di ostaggi dicendo che 30 persone sono state uccise senza menzionare che 25 di questi erano sequestratori, inclusi 22 morti per intossicazione alimentare.

Pertanto, è facile capire perché Sicknick è così importante per la storia. È l’unica presunta vittima che non era nel Team Trump quel giorno. I politici del MSM e Democratici ci hanno ripetuto più volte che l’ufficiale è morto per essere stato colpito alla testa con un estintore , anche se la dichiarazione ufficiale della polizia di Capitol era solo che “è morto a causa delle ferite riportate durante il servizio”.

Wolf Blitzer della CNN, Anderson “CIA” Cooper e altri conduttori di MSM hanno ignorato la richiesta della famiglia Sicknick di non fare della morte dell’agente una questione politica. Lo hanno descritto come un omicidio senza tale determinazione da parte degli investigatori. Nessuno è stato arrestato in relazione alla morte di Sicknick e finora non è stato costruito alcun caso di omicidio.

Ma la storia di Sicknick si è sgretolata negli ultimi giorni con la rivelazione che i medici legali non hanno trovato alcuna indicazione che l’ufficiale abbia subito alcun trauma. Gli investigatori Secondo quanto riferito, stanno prendendo in considerazione una teoria secondo cui Sicknick si è sentito male dopo essere entrato in contatto con una sostanza chimica irritante, come lo spray al peperoncino, che è stata dispiegata tra la folla.

La stragrande maggioranza degli americani non ha sentito parlare di questa gigantesca crepa nella storia di Sicknick perché i media, prevedibilmente, non hanno cancellato le correzioni dei loro falsi rapporti. 

Inoltre è oscurata la discrepanza che Sicknick ha comunicato alla sua famiglia dopo la rivolta. Secondo quanto riferito, Ken Sicknick ha detto che suo fratello gli ha inviato un messaggio poche ore dopo la rivolta , dicendo: “Mi sono fatto spruzzare due volte il peperoncino”, e che era in buona forma. Il giorno successivo, la famiglia è stata informata che Sicknick era in condizioni critiche, con un ventilatore.

Senza emettere una correzione su nessuna delle sue false storie con il racconto dell’estintore, la CNN ha riferito il fatto che Sicknick è morto per qualcosa di diverso da un trauma violento. Nel suo primo articolo in cui si riconosceva questa realtà, la rete è passata immediatamente dall’indagine Sicknick al background di altri ufficiali feriti dai rivoltosi. Era come dire: “la nostra affermazione centrale non era vera, ma questo non cambia il fatto che la mafia di Trump fosse feroce”.

Lo scrittore del Daily Dot Mikael Thalen ha sostenuto il caso dei propagandisti , dicendo che le principali testate non mentivano per adattarsi a una narrativa. C’è stata solo una “interruzione della comunicazione” tra fonti e giornalisti. Ha ammesso che i fatti della morte di Sicknick sono importanti, ma ha concluso che quei dettagli non hanno alcuna relazione con il fatto che “migliaia di persone, incitate dall’uomo più potente del mondo, hanno tentato di rovesciare violentemente il processo democratico”.

È di nuovo la risposta di Jamie Raskin. Non importa le falsità che ti abbiamo detto. Nessuna di quelle cose che abbiamo detto più e più volte aveva qualcosa a che fare con il nostro punto centrale che Trump ha incitato a un’insurrezione. E non lasciare che il fatto che ti abbiamo raccontato falsità ti faccia dubitare della nostra credibilità. Il castello di carte, la torre Jenga, è ancora forte.

Ma quante bugie devono essere scoperte prima che la faziosità e la complicità dei Media Mainstream venga smascherata?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Di  Tony Cox , giornalista statunitense che ha scritto e curato per Bloomberg e diversi importanti quotidiani



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.