Home Scienza e Tecnologia La NASA completa il test di “difesa planetaria”

La NASA completa il test di “difesa planetaria”

8
0

L’agenzia spaziale americana è ora in attesa di vedere se è stata in grado di mandare fuori rotta un asteroide in arrivo

La NASA ha completato il suo primo test di “difesa planetaria” , facendo schiantare deliberatamente un veicolo spaziale contro un asteroide che galleggia a milioni di miglia dalla Terra nel tentativo di cambiarne il percorso. L’agenzia ha affermato di aver avuto un successo diretto, ma è ancora in attesa di dati dall’esperimento. 

Il veicolo spaziale Double Asteroid Redirection Test (DART) ha avuto un impatto con l’asteroide Dimorphos lunedì, scontrandosi con l’oggetto dal peso di 11 miliardi di libbre e lungo 520 piedi a una velocità di circa 14.000 miglia orarie. La NASA ha affermato che il mezzo ha mancato il centro dell’asteroide di soli 55 piedi, con il momento dell’impatto catturato in video da una telecamera montata sull’imbarcazione.

“È stato un completamento con successo della prima parte del primo test di difesa planetaria al mondo. Ci sono stati anni di duro lavoro, c’è stata molta innovazione e creatività in questa missione”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson , aggiungendo “Credo che ci insegnerà come, un giorno, proteggere il nostro pianeta da una minaccia in arrivo. Un asteroide.”

Sebbene l’agenzia spaziale sia stata in grado di confermare l’impatto, potrebbero essere necessari fino a “un paio di mesi” prima che gli effetti completi dell’esperimento siano noti, ha detto ai giornalisti l’ingegnere dei sistemi di missione della NASA Elena Adams, osservando che alcuni dei dati saranno disponibile in pochi giorni. 

La missione non mirava a distruggere l’asteroide, che non rappresenta una minaccia per la Terra, ma piuttosto a cambiarne il corso. Dimorphos orbita attorno a un altro asteroide chiamato Didymos e i ricercatori registreranno i risultati della collisione osservando le traiettorie modificate di entrambi gli oggetti. 

Se raggiunto abbastanza presto, alterare la rotta di un asteroide solo dell’1% potrebbe essere sufficiente per evitare una collisione letale se uno si dirigesse verso la Terra, secondo la NASA, che afferma che ci sono circa 30.000 oggetti vicini alla Terra conosciuti nel sistema solare. Mentre la maggior parte di loro ha un diametro inferiore a 100 metri, circa un terzo ha le dimensioni di Dimorphos a 170 metri, o all’incirca grande quanto uno stadio di calcio.

La NASA non crede che nessun asteroide di quelle dimensioni dovrebbe colpire la Terra entro il prossimo secolo, ma i ricercatori scoprono regolarmente nuovi oggetti che volano nello spazio. A maggio, gli scienziati di un’azienda con sede in California hanno identificato più di 100 asteroidi precedentemente sconosciuti , sostenendo che non si sa quante rocce non rilevate possano rappresentare una minaccia per la Terra.

Il velivolo DART è stato lanciato lo scorso novembre in coordinamento con partner internazionali, tra cui l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), ed è costato circa 325 milioni di dollari. Il collisore era piuttosto scarsamente equipaggiato, portando solo sensori per la navigazione e una fotocamera con apertura soprannominata DRACO, che ha catturato l’impatto di lunedì sulla pellicola.

RT

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleSpiegate le voci sull’arresto di Xi e sul presunto colpo di stato cinese
Next articleL’Arabia Saudita annuncia la scoperta di enormi giacimenti di oro e rame a Medina