Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the MorningPolitica

BIDEN: “NATO INTERVERRÀ NEL CONFLITTO IN CASO DI UTILIZZO DI ARMI CHIMICHE” | LA FALSE FLAG DIETRO L’ANGOLO

Mentre continuano le operazioni militari in Ucraina, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è recato in Europa, dove il 24 marzo si è tenuto un vertice della NATO.

Nonostante i tentativi di Kiev di coinvolgere la NATO in una guerra con la Russia e di stabilire una no fly zone sull’Ucraina, l’alleanza ha confermato ancora una volta la sua riluttanza a entrare in uno scontro militare con l’esercito russo.

L’alleanza ha invece deciso di rafforzare la difesa dei propri territori. Quattro ulteriori gruppi di combattimento multinazionali della NATO di 40.000 soldati saranno schierati in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia su base permanente.

Biden si è offerto di risolvere le questioni territoriali dell’Ucraina con Mosca stessa, ma ha paventato l’opportunità all’alleanza di usare la forza contro la Russia. Biden ha osservato che la NATO potrebbe intervenire nel conflitto nel caso in cui si farà uso di armi chimiche in Ucraina. Visti i precedenti attacchi con armi chimiche false flag nella guerra in Siria, i rischi di provocazione da parte del regime di Kiev e la minaccia per civili e militari allo stesso modo sul territorio dell’Ucraina si fanno più concreti.

La proposta della Polonia di schierare unità militari della NATO in Ucraina è stata respinta. Tuttavia, ciò non esclude la possibilità di una partecipazione della Polonia alla guerra in Ucraina al di fuori dell’alleanza. Varsavia intende introdurre il suo contingente nelle regioni occidentali dell’Ucraina per sostenere il “fraterno popolo ucraino” e non perdere l’occasione di stabilire il proprio controllo sui territori storicamente contesi. Probabilmente, questo è uno degli argomenti principali dei negoziati tra Biden e Duda .

Se Biden consentirà alla Polonia di inviare truppe in Ucraina, molto probabilmente spingerà la Bielorussia ad entrare nel conflitto per prendere il controllo delle regioni di Polesie e Volyn.

Le autorità di Kiev hanno completamente distrutto la sovranità dello Stato e, nelle nuove realtà, l’Ucraina rischia di perdere quasi tutti i suoi territori e di cessare di esistere.

Allo stesso tempo, i paesi membri della NATO continuano a partecipare al conflitto attraverso il dispiegamento di mercenari inviati in Ucraina come volontari e attraverso forniture di armi. I leader europei si stanno accorgendo che anche la loro capacità di continuare a fornire equipaggiamento militare è limitata.

Il 24 marzo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato che il Regno Unito fornirà alle forze governative di Kiev 6.000 missili, oltre ai 4.000 missili anticarro NLAW e Javelin già forniti. Johnson si è dichiarato pronto a considerare la richiesta di Zelensky per il trasferimento di carri armati e aerei per l’AFU. Tuttavia, rendendosi conto dei rischi e del prezzo di tali forniture, si è lamentato di alcune difficoltà logistiche.

La reazione dei paesi occidentali alle operazioni militari in molti modi raggiunge l’assurdo e conferma che i loro leader sono in gran parte ignari delle realtà del nuovo ordine mondiale emergente.

Joe Biden in una conferenza stampa a Bruxelles ha chiesto l’esclusione della Russia dal G20 nonostante la mancanza di sostegno a tale decisione da parte di tutti i membri dell’organizzazione. Ha chiesto di invitare l’Ucraina a prendere il posto della Russia per partecipare al prossimo vertice.

Il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri cinese ha commentato la questione e ha osservato che Mosca è un membro importante del G20 e nessun Paese ha il diritto di escludere un altro Paese.

L’Europa è indignata dal fatto che Mosca stia adottando misure di ritorsione contro le sanzioni imposte.

Il capo della Commissione europea ha affermato che le compagnie petrolifere e del gas russe “non potranno richiedere il pagamento del carburante in rubli”. Ma questo è l’unico metodo per esercitare pressioni sulle società russe.

L’isteria dei leader occidentali sulla transizione della Russia ai pagamenti per la fornitura di risorse energetiche in rubli dimostra che la leadership occidentale non è ancora in grado di realizzare e accettare la nuova realtà. Oggi le grida di Washington, Londra e Bruxelles sono state percepite solo come un fastidioso cigolio dalla Russia, oltre che da alcuni centri politici mondiali.

Inizialmente, la ragione dell’intero conflitto in Ucraina sono stati i tentativi dell’Occidente di risolvere i propri problemi economici a spese delle risorse russe. Le economie dei paesi occidentali stanno lentamente ma inesorabilmente andando verso il collasso. Una delle poche vie d’uscita è ottenere l’accesso a grandi quantità di energia a basso costo, risorse naturali e generi alimentari. Ciò potrebbe essere ottenuto solo dividendo la Russia in diverse piccole parti che si trovano in uno stato di conflitto permanente sotto il controllo occidentale.

L’Occidente ha distrutto senza cervello quasi tutti i mezzi di interazione, e quindi di pressione su Mosca da solo.

È molto probabile che la dinamica dello sviluppo dei processi geopolitici e geoeconomici porti, nel migliore dei casi, a un conflitto militare paneuropeo nel prossimo futuro. Nel peggiore dei casi potrebbero portare a una guerra nucleare globale.

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!