Database Italia

LA NUOVA FARSA – I CEPPI COVID SONO MIGLIAIA, IL PROBLEMA RISIEDE NEL NUOVO AUTORITARISMO POLITICO.

La mutazione del virus nel Regno Unito non è altro che un allarmismo riciclato, senza alcuna sostanza per giustificare la cancellazione del Natale e farci precipitare tutti in un’ulteriore miseria. Non è scientifico, ma ingiustificabile e imperdonabile.

Lasciami impostare la scena. Il mondo (ci viene detto) è in preda a una piaga mortale. I servizi sanitari (ci viene detto) sono sull’orlo del collasso. E proprio quando pensi che le cose non possano andare peggio, la terribile notizia arriva dall’alto che il nostro nemico invisibile è mutato in una forma ancora più spaventosa. Sebbene sia troppo presto per sapere qualcosa di sostanziale al riguardo, è del tutto possibile che sia più contagioso, o più pericoloso, o – chissà – forse entrambi.

Era questa la situazione nel fine settimana, quando il Regno Unito è precipitato in quella che è diventata rapidamente la sua peggiore crisi dalla Seconda Guerra Mondiale (e certamente la peggiore autoindotta), proprio prima del Natale? 

No, questa era la situazione precisa CINQUE MESI FA, quando ho scritto di Spike D614G, una variante mutante del coronavirus che ci è stato detto potrebbe essere fino a NOVE VOLTE più contagiosa. Potresti non ricordare perché quel ceppo mutante si è rivelato il nulla più totale. Allora perché questo dovrebbe essere diverso?

Il gioco dei nomi

Questa volta, i nostri commissari Covid non si sono nemmeno presi la briga di dare alla nuova varietà un nome appariscente: si chiama “VUI2020 / 12/01”. Per chi è interessato a quali prove “gli esperti” devono appoggiarsi per il panico che stanno seminando, ecco la loro giustificazione di una pagina . Non sorprende che si tratti di un misero, scialbo patchwork di risultati frettolosi, incentrato su test PCR già smascherati e sul mistico “numero R”. Non c’è assolutamente alcun suggerimento che rappresenti una minaccia aggiuntiva.

Questi esperti, che si definiscono NERVTAG (perché amano inventare acronimi che suonano come se provenissero da un film di James Bond?), Affermano di avere “moderata fiducia” che VUI2020 / 12/01 sia più contagioso del marchio coronavirus. (Sarebbe anche giusto dire, quindi, che hanno una “moderata fiducia” che non è più contagioso?)

In ogni caso, mi fa il ridere vedere il nome del nostro vecchio amico Neil Ferguson apparire in NERVTAG, l’uomo che ha fregato la sua amante , ci ha fregati tutti e – abbiamo pensato – ha rovinato la sua carriera nel processo. E invece no.

Nel frattempo, uno dei migliori dottori scozzesi ha osservato che non ci sono prove che questa varietà sia più contagiosa (per non parlare della mortalità). Il professor Hugh Pennington osserva persino che la tempistica dell’annuncio è “molto utile per annullare il Natale”. Un intero gruppo di scienziati anti-lockdown ha lanciato una sfida al segretario alla sanità Matt Hancock per sostenere le sue affermazioni sulla nuova variante. Il professor Carl Heneghan sta ancora aspettando prove per l’affermazione che il nuovo ceppo è, precisamente, il 70% più contagioso. E non ho bisogno di dirti ormai che il fantastico dottor Mike Yeadon non ne ha voglia. 

Niente di nuovo sotto il sole

A luglio, ho sostenuto che sarebbe stato davvero una buona cosa se il ceppo Spike D614G fosse stato più contagioso. Ho spiegato la scuola di pensiero che dice che i virus respiratori stagionali, come quello che causa il Covid, si evolvono fino a diventare meno pericolosi man mano che si diffondono in una popolazione. Questo perché i virus respiratori hanno sempre migliaia di varianti, alcune che aumentano la mortalità e altre la riducono. I più letali si ammalano o uccidono rapidamente i loro ospiti, prima che abbiano la possibilità di diffonderlo ad altre persone. Ma quelli meno mortali, che causano sintomi lievi o assenti, possono dare un passaggio ai loro ospiti a molte persone che possono poi infettare e moltiplicare. Pertanto, la selezione naturale favorisce i ceppi più miti e più contagiosi.

Credo ancora nella logica di quella teoria e penso che spieghi perché il coronavirus è ora endemico (cioè ovunque) e per estensione perché tutte le ulteriori restrizioni sono completamente inutili e fanno solo del male. Non darò ad Hancock e al resto dei consulenti antiscientifici di SAGE la soddisfazione di affrontare direttamente questa cosiddetta nuova varietà: come ha suggerito il Prof.Pennington, sembra uno stratagemma progettato per indurre il pubblico a sacrificare il Natale, l’unico barlume di speranza che li aveva aiutati a superare gli inverni più rigidi.

Bisogna diffidare di fare caricature di Boris Johnson e del resto dei suoi amici che perpetrano questo crimine sulle persone come “Grinches”. Non sono niente di così divertente. Sono molto, molto peggio di così, e non fraintendeteci, sanno benissimo cosa stanno facendo. L’irrefrenabile Peter Hitchens ha sottolineato che la Gran Bretagna ora assomiglia alla terra maledetta dei libri di Narnia di CS Lewis, dove è ” sempre inverno ma mai Natale “. Non avrei mai pensato che i mondi da incubo delle mie letture infantili si sarebbero manifestati nella realtà; ma quest’anno lo hanno fatto.

Di  Peter Andrews , giornalista scientifico e scrittore irlandese con residenza a Londra. Ha una formazione nelle scienze della vita e si è laureato in genetica all’Università di Glasgow



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.