CybersecurityPoliticaScienza e TecnologiaSocietà

La nuova legge sulle infrastrutture degli Stati Uniti rende obbligatoria una kill switch backdoor per i veicoli entro il 2026. Un altro tassello verso il credito sociale?

Una nuova legge sulle infrastrutture degli Stati Uniti ha reso obbligatoria l’installazione di una kill switch backdoor nei veicoli entro l’anno 2026. Per le automobili costruite dopo il 2026, la decisione se un veicolo possa essere utilizzato o meno sarà presa da un algoritmo su cui il proprietario dell’auto o conducente non ha comprensione o influenza.

Secondo il Daily Caller , una poco nota disposizione di “sicurezza” che potrebbe benissimo entrare in vigore tra cinque anni è radicata nell’enorme legislazione sulle infrastrutture recentemente approvata da Joe Biden . Il disegno di legge, che è stato venduto al Congresso come un modo non intrusivo per aiutare a combattere la guida in stato di ebbrezza, richiederà alle case automobilistiche di installare un “interruttore di spegnimento del veicolo” su ogni veicolo.

Questa proposta è pericolosamente priva di informazioni, come è consuetudine per le richieste legislative imposte dal Congresso. Quello di cui dobbiamo renderci conto è che il dispositivo di “sicurezza” deve “monitorare passivamente le prestazioni di un conducente di un veicolo a motore per identificare con precisione se quel conducente potrebbe essere alticcio o ubriaco”.

Questa azione obbligatoria dovrebbe accendere bagliori rossi negli occhi di tutti.

Per cominciare, la parola “passivamente” implica che la tecnologia sarà sempre accesa e continuerà a osservare l’automobile. In secondo luogo, il dispositivo deve essere in grado di comunicare con i comandi operativi del veicolo per disattivarlo prima o durante la guida se viene rilevata un’intossicazione. In terzo luogo, sarebbe una rete “aperta”, o almeno con una backdoor, il che significa che terze parti autorizzate (o non autorizzate) saranno in grado di recuperare i dati del sistema da remoto in qualsiasi momento.

Questa è davvero una catastrofe per la privacy, così come la realtà che la clausola approvata dal Congresso dimostra – ancora una volta – quanto poco la politica si preoccupi della privacy delle persone.

L’assenza di un controllo completo sulla propria auto solleva una serie di importanti problemi di sicurezza, preoccupazioni che avrebbero dovuto essere chiare ai membri del Congresso prima che venisse approvato il disegno di legge. E se, invece di essere ubriaco, un automobilista è assonnato e l’automobile si spinge sul ciglio della strada ben prima che il conducente possa davvero trovare un posto sicuro dove accostare e riposare? I conducenti saranno costretti in circostanze non sicure senza il loro permesso o controllo perché non ci sono mezzi effettivi per contestare o impedire che l’automobile venga disabilitata.

Per le automobili costruite dopo il 2026, la decisione se un veicolo possa essere utilizzato o meno sarà presa da un algoritmo su cui il proprietario o il conducente dell’auto non ha alcuna comprensione o influenza.

Se ciò non bastasse a preoccuparvi, questo regolamento ha anche importanti implicazioni legali. Numerose diverse tecniche di polizia, incluse le telecamere per il monitoraggio del traffico e lettori di targhe, sono state a lungo viziate da questioni costituzionali.

Con questi progressi tecnologici, persistono le stesse difficoltà costituzionali, ma c’è molta più ambiguità su ciò che il Congresso considera per “guida con problemi”.   Si tratta di questioni che avrebbero dovuto essere discusse pubblicamente e ampiamente durante tutta la procedura legislativa, piuttosto che essere lasciate a negoziati a porte chiuse tra parti interessate diverse dai singoli acquirenti di automobili, come produttori, autorità di regolamentazione, compagnie di assicurazione e forze dell’ordine .

Ironia della sorte, o forse deliberatamente, non si fa menzione di chi avrebbe accesso alle informazioni acquisite e conservate dal sistema nella legge. È possibile che le forze dell’ordine le utilizzino e ottengano l’accesso ai dati senza bisogno di un mandato? Che dire delle compagnie di assicurazione, che vogliono sapere quanto spesso guidano i loro clienti dopo aver consumato alcolici, anche se rientravano nei limiti di legge? Una miniera di dati è una ricompensa allettante per una varietà di gruppi governativi e commerciali (compresi gli hacker), nessuno dei quali ha in mente i nostri migliori interessi.

Incorporare ciò che equivale a un “kill switch” del governo dietro le quinte non è solo una violazione dei nostri diritti costituzionali, ma anche un insulto a ciò che è – o era una volta – una parte importante della nostra identità. La libertà individuale di spostarsi su strade aperte e libere che il possesso di veicoli personali ha effettivamente introdotto nel sogno americano sarà solo un altro confuso ricordo di un periodo che non sarà più goduto dalle generazioni future a meno che questo mandato normativo non sia prontamente eliminato.

[jetpack_subscription_form]
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!