Database Italia

LA NUOVA REALTÀ MANIPOLATA (NEW NORMAL)


L’obiettivo finale di ogni sistema totalitario è stabilire il controllo completo sulla società e su ogni individuo al suo interno al fine di raggiungere l’uniformità ideologica ed eliminare ogni e qualsiasi deviazione da essa.

Questo obiettivo non può mai essere raggiunto, ovviamente, ma è la  ragion d’essere  di tutti i sistemi totalitari, indipendentemente dalle forme che assumono e dalle ideologie che abbracciano.


Puoi vestire il totalitarismo con uniformi naziste progettate da Hugo Boss, abiti da Mao o maschere per il viso dall’aspetto medico, il suo desiderio principale rimane lo stesso: rifare il mondo nella sua immagine paranoica … per sostituire la realtà con la sua stessa “realtà”.

Siamo proprio nel bel mezzo di questo processo attualmente, motivo per cui tutto sembra così pazzesco. Le classi dirigenti capitaliste globali stanno implementando una nuova ideologia ufficiale, in altre parole, una nuova “realtà”. Ecco cos’è un’ideologia ufficiale. È più di un semplice insieme di credenze. Chiunque può avere tutte le convinzioni che desidera. Le tue convinzioni personali non costituiscono la “realtà”.

Per rendere “realtà” le tue convinzioni, devi avere il potere di imporle alla società. Hai bisogno del potere della polizia, dell’esercito, dei media, degli “esperti” scientifici, del mondo accademico, dell’industria culturale, dell’intera macchina che produce ideologia.

Non c’è niente di sottile in questo processo. Smantellare una “realtà” e sostituirla con un’altra è un affare brutale. Le società si abituano alle loro “realtà”. Non li cediamo volontariamente o facilmente. Normalmente, ciò che ci serve per farlo è una crisi, una guerra, uno stato di emergenza, o… sai, una mortale pandemia globale.

Durante il passaggio dalla vecchia “realtà” alla nuova “realtà”, la società è lacerata. La vecchia “realtà” viene smontata e la nuova non ha ancora preso il suo posto. Sembra una follia e, in un certo senso, lo è. Per un po’, la società è divisa in due, mentre le due “realtà” si contendono il dominio. Essendo la “realtà” quello che è (cioè monolitica), questa è una lotta all’ultimo sangue. Alla fine, solo una “realtà” può prevalere.

Questo è il periodo cruciale per il movimento totalitario. Ha bisogno di negare la vecchia “realtà” per implementare la nuova, e non può farlo con la ragione e i fatti, quindi deve farlo con la paura e la forza bruta. Ha bisogno di terrorizzare la maggior parte della società in uno stato di isteria di massa senza cervello che può essere rivolto contro coloro che resistono alla nuova “realtà”.

Non si tratta di persuadere o convincere le persone ad accettare la nuova “realtà”. È più come guidare una mandria di bestiame. Li spaventi abbastanza da farli muovere, poi li guidi dove vuoi che vadano.

Il bestiame non sa né capisce dove sta andando. Stanno semplicemente reagendo a uno stimolo fisico. I fatti e la ragione non c’entrano niente.

E questo è ciò che è stato così incredibilmente frustrante per quelli di noi che si oppongono al lancio della “Nuova Normalità“, che si tratti di sfatare la narrativa ufficiale di Covid-19, o “Russiagate“, o lo “Storming del Campidoglio degli Stati Uniti”, o qualsiasi altro elemento della nuova ideologia ufficiale.

E, sì, è tutta un’ideologia, non “comunismo” o “fascismo” o qualsiasi altra nostalgia, ma l’ideologia del sistema che in realtà ci governa, il capitalismo globale sovranazionale. Viviamo nel primo sistema ideologico veramente egemonico globale nella storia umana. Lo siamo da 30 anni. Se sei suscettibile al termine “capitalismo globale”, vai avanti e chiamalo “globalismo” o “capitalismo clientelare” o “corporativismo” o qualsiasi altro nome ti serva.

Comunque lo chiami, è diventato l’impareggiabile sistema ideologico egemonico a livello globale quando l’Unione Sovietica è crollata negli anni ’90. Sì, ci sono sacche di resistenza interna, ma non ha avversari esterni, quindi la sua progressione verso una struttura più apertamente totalitaria è logica e del tutto prevedibile.

Ad ogni modo, ciò che è stato così incredibilmente frustrante è che molti di noi hanno operato nell’illusione di essere coinvolti in una discussione razionale sui fatti (ad esempio i fatti del Russiagate, Literal-Hitlergate, l’11 settembre, le armi di distruzione di massa di Saddam, l'”insurrezione” del 6 gennaio, la narrativa ufficiale del Covid, ecc.) Non è affatto ciò che sta accadendo. I fatti non significano assolutamente nulla per gli aderenti ai sistemi totalitari.

Puoi mostrare ai Nuovi Normali i fatti quanto vuoi. Puoi mostrare loro le foto false di persone morte per le strade in Cina nel marzo del 2020. Puoi mostrare loro i falsi tassi di mortalità previsti. Puoi spiegare come funzionano i falsi test PCR, come le persone sane sono state considerate “casi” medici.

Puoi mostrare loro tutti gli studi sull’inefficacia delle maschere. Puoi spiegare le cifre false di “ricovero” e “morte”, inviare loro articoli sugli “ospedali di emergenza” inutilizzati, i tassi di mortalità irrilevanti per età e popolazione, citare i tassi di sopravvivenza per le persone sotto i 70 anni, i pericoli e l’inutilità di “vaccinare” i bambini.

Niente di tutto questo farà la minima differenza.

Oppure, se hai acquistato la narrativa del Covid-19, ma non hai completamente abbandonato le tue facoltà critiche, puoi fare ciò che Glenn Greenwald ha fatto di recente. Puoi dimostrare come i media abbiano intenzionalmente mentito, ancora e ancora, per fomentare l’isteria di massa sul “terrorismo interno”. Puoi mostrare alla gente i video dei “terroristi domestici violenti” che entrano con calma nel Campidoglio in fila indiana, come un gruppo delle scuole superiori in gita, essendo stati fatti entrare dai membri della Capitol Security.

Puoi sfatare il famigerato “omicidio con l’estintore” di Brian Sicknik che non è mai accaduto davvero. Puoi sottolineare che la convinzione che poche centinaia di persone disarmate in giro per il Campidoglio si qualifichi come “insurrezione” o “tentato colpo di stato” o “terrorismo interno” è delirante al punto da essere letteralmente pazzo. Anche questo non farà la minima differenza.

Potrei andare avanti, e sono sicuro che lo farò poiché l’ideologia della “Nuova Normalità” diventerà la nostra nuova “realtà” nel corso dei prossimi anni. Il mio punto, al momento, è… questo non è un argomento. Le classi dominanti del capitalismo globale, i leader di governo, i media e le masse della Nuova Normalità che hanno strumentalizzato non stanno discutendo con noi. Conoscono i fatti. Sanno che i fatti contraddicono le loro narrazioni. A loro non importa. Non devono. Perché non si tratta di fatti. Si tratta di potere.

Non sto dicendo che i fatti non contino. Certo che contano. Sono importanti per noi. Sto dicendo, riconosciamo di cosa si tratta. Non è un dibattito o una ricerca della verità. I Nuovi Normali stanno smontando una “realtà” e sostituendola con una nuova “realtà”. (Sì, so che la realtà esiste in un senso ontologico fondamentale, ma non è questa la “realtà” di cui sto parlando qui, quindi per favore non inviatemi email che inveiscono contro Foucault e il postmodernismo.)

La pressione per conformarsi alla nuova “realtà” è già intensa e peggiorerà man mano che le vaccinazioni, l’uso di mascherine pubbliche, i blocchi periodici, ecc., si normalizzeranno. Coloro che non si conformano saranno sistematicamente demonizzati, socialmente e/o professionalmente ostracizzati, segregati e altrimenti puniti.

Le nostre opinioni saranno censurate. Saremo “cancellati”, deplatformizzati, demonizzati e altrimenti messi a tacere. Le nostre opinioni saranno etichettate come “potenzialmente dannose”. Saremo accusati di diffondere “disinformazione”, di essere “estremisti di estrema destra”, “razzisti”, “antisemiti”, “teorici della cospirazione”, “anti-vaxxer”, “terroristi interni violenti contro il capitalismo globale, ” o semplicemente varietà da giardino di “molestatori sessuali” o qualunque cosa credano ci danneggerà di più.

Questo accadrà sia nella sfera pubblica che in quella personale. Non solo i governi, i media e le aziende, ma i tuoi colleghi, amici e familiari lo faranno. Gli estranei nei negozi e nei ristoranti lo faranno. La maggior parte di loro non lo farà consapevolmente. Lo faranno perché la tua non conformità rappresenta per loro una minaccia esistenziale… una negazione della loro nuova “realtà” e un promemoria della realtà a cui si sono arresi per rimanere persone “normali” ed evitare le punizioni sopra descritte.

Questa non è una novità, ovviamente. È così che viene fabbricata la “realtà”, non solo nei sistemi totalitari, ma in ogni sistema sociale organizzato. Coloro che sono al potere strumentalizzano le masse per imporre la conformità con la loro ideologia ufficiale. Il totalitarismo è solo la sua forma più estrema e pericolosamente paranoica e fanatica.

Quindi, certo, continua a postare e condividere i fatti, supponendo che tu possa farli passare attraverso la censura, ma non prendiamoci in giro su ciò che dobbiamo affrontare. Non sveglieremo i Nuovi Normali con i fatti. Se avessimo potuto, lo avremmo già fatto.

Questo non è un dibattito civile sui fatti. Questa è una lotta. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte off-guardian

I commenti sono chiusi.