Deep StateEight O’Clock in the MorningIntelPolitica

La pace con gli Stati Uniti sarà possibile solo dopo un “Nuovo ordine mondiale” secondo Aleksey Pushkov, uno dei senatori più anziani della Russia

Le speranze che le relazioni tra Mosca e Washington possano essere invertite al momento sono improbabili, ad affermarlo un importante politico russo, sostenendo che solo quando verrà stabilito un nuovo ordine mondiale ci saranno meno conflitti tra i due stati.

Parlando nell’ambito di un’intervista con Ukraina.ru all’inizio di questa settimana, Aleksey Pushkov, stretto alleato del presidente Vladimir Putin, che in precedenza era stato presidente della commissione per gli affari esteri della Duma di Stato, ha espresso la sua opinione sull’attuale dinamica del potere sulla scena mondiale .

“Gli Stati Uniti sono un egemone che sta gradualmente perdendo la sua posizione nel mondo “, ha affermato. “Hanno subito una gravissima sconfitta in Medio Oriente, hanno perso la Siria, hanno perso la battaglia per l’Afghanistan, sono stati costretti a ritirare quasi tutte le loro truppe dall’Iraq alla fine del 2021”.

Secondo il senatore russo, i funzionari statunitensi “stanno cercando di mantenere la loro influenza dominante attraverso conflitti simultanei con Russia e Cina, anche se con diversi gradi di intensità”. Pushkov ha notato che questo crea un ambiente nervoso sia in America che nel resto del mondo.

“Gli Stati Uniti non ci trattano più come una potenza secondaria”, ha spiegato. “Ci trattano come una potenza fondamentale, motivo per cui citano la Russia, non la Cina, come uno dei principali problemi che l’amministrazione Biden dovrà affrontare nel 2022”. Pushkov ha avvertito che sarà “un anno di crisi tra Washington e Mosca”.

“A quanto ho capito, ora vogliono risolvere il ‘problema russo’, cioè soggiogare praticamente tutta l’Europa, spingendo la Russia alla sua stessa periferia”, ha detto. “Questo è esattamente ciò per cui hanno bisogno dell’Ucraina. La prossima fase sarà un confronto politico o addirittura militare con la Cina”.

Pushkov ha aggiunto che l’élite politica e finanziaria americana “crede di essere l’unica in grado di governare il mondo” e non intende lasciare che nessun altro prenda il timone. “Quindi, fino a quando non sarà stabilito un nuovo ordine mondiale in cui gli Stati Uniti sono più deboli e il loro ruolo è sminuito, saremo in conflitto politico più o meno acuto con loro”.

Le sue osservazioni arrivano in mezzo a uno scontro sempre più teso tra Est e Ovest, con alti funzionari americani che accusano Mosca di ammassare truppe e attrezzature vicino al confine ucraino prima di un’invasione. La scorsa settimana, Biden ha minacciato di colpire il presidente russo Vladimir Putin con sanzioni come “non ha mai visto” in caso di un’incursione, che il Cremlino ha più volte negato di avere in programma di organizzare.

Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha messo in guardia contro una mossa come questa all’inizio di questo mese, affermando che “l’imposizione di sanzioni contro il capo di stato e contro il leader della Russia… è una misura paragonabile alla rottura delle relazioni”.

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Vedi anche
Close
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!