Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali La provocazione di Kaliningrad e la candidatura dell’Ucraina all’UE… Disperate deviazioni dalla...

La provocazione di Kaliningrad e la candidatura dell’Ucraina all’UE… Disperate deviazioni dalla propaganda della NATO

0

Strategic Culture Foundation

Il gatto è fuori dal sacco. Le politiche bellicose dei mal governanti occidentali vengono finalmente comprese dalla popolazione.

La narrativa della propaganda occidentale sul conflitto in Ucraina è in grossi guai. Mesi di menzogne ​​da parte di governi e diligenti mezzi di informazione stanno andando in pezzi mentre la Russia fa importanti progressi per salvaguardare le popolazioni di lingua russa in Crimea e Donbass, l’ex regione dell’Ucraina orientale, e per neutralizzare le forze militari naziste sotto il controllo del regime di Kiev e sostenute fino in fondo dalla NATO.

Ricordiamo come solo poche settimane fa la Russia è stata messa alla berlina dai media occidentali per aver commesso un “errore strategico” dal suo intervento militare in Ucraina iniziato il 24 febbraio. I leader occidentali erano entusiasti nel prevedere la sconfitta militare per Mosca. Dopo quattro mesi di conflitto non solo le forze russe stanno decimando i fianchi ucraini sostenuti dalla NATO, ma le più ampie ripercussioni che le potenze occidentali avrebbero potuto evitare se si fossero impegnate diplomaticamente con la Russia per risolvere i problemi di sicurezza di lunga data stanno rimbalzando con un impatto economico devastante. L’asse della NATO e dell’Unione Europea guidato dagli Stati Uniti si sta scavando un gigantesco buco. Se non una tomba.

Per deviare dal disastro alimentato dalla NATO, l’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti sta provocando incautamente la Russia con un blocco sul territorio dell’exclave russa di Kaliningrad. Il territorio russo è stretto tra i membri della NATO Polonia e i tre stati baltici di Estonia, Lettonia e Lituania. Questa settimana la Lituania ha deciso di bloccare il trasporto ferroviario e stradale verso Kaliningrad. È chiaro che lo Stato baltico non agisce da solo. Sta applicando una politica ordinata dalla leadership della NATO e dell’UE. Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha addotto l’assurda scusa che la Lituania stesse semplicemente applicando sanzioni contro le merci russe. Ha negato la palese realtà che la mossa fosse un blocco economico ostile sul territorio sovrano russo e sui suoi affari interni. Stranamente, Borrell ha il collo d’ottone per accusare la Russia di bloccare i porti ucraini.

Mosca ha  avvertito  che se il blocco del suo territorio non venisse revocato, sarebbe visto come un’aggressione a cui risponderà. In altre parole, l’asse Nato e Ue ha deciso di inasprire gratuitamente le tensioni con la Russia fino a provocare atti di guerra.

La folle mossa delle potenze occidentali deve essere vista come nient’altro che tattiche diversive disperate per distrarre dal loro fiasco carico di bugie di propaganda fallite sull’Ucraina. Piuttosto che ammettere (anche tacitamente) che le sue politiche hanno creato un pasticcio monumentale in Europa e in effetti nel resto del mondo, le potenze occidentali stanno scavando un buco ancora più profondo aumentando ancora di più le tensioni con la Russia.

Ciò spiegherebbe anche la  mossa farsesca  questa settimana del Consiglio europeo di concedere lo status di candidato ufficiale all’Ucraina per l’adesione al blocco dei 27 membri. In pratica, potrebbero essere necessari decenni prima che l’Ucraina ottenga l’adesione. La Turchia ha avuto lo stesso status per 22 anni senza passare all’ovile europeo. La Serbia e altri stati balcanici aspettano da 10 anni come candidati per entrare a far parte del club dell’UE. Quindi, la fanfara della leadership dell’UE che ha concesso la domanda all’Ucraina è in gran parte un teatro vuoto. Tutte le dichiarazioni sulla “solidarietà” con l’Ucraina sono tipiche roboanti di Bruxelles.

Non c’è da stupirsi che gli altri stati candidati siano  esasperati  da quella che giustamente vedono come l’UE che fa politica senza un briciolo di principio. Il regime di Kiev è salutato come “condivisione dei valori europei” poiché vieta i partiti politici di opposizione e mette fuori legge la lingua, la letteratura e la musica russa. L’Unione Europea si sta impalando con le proprie contraddizioni senza scrupoli concedendo lo status di candidato all’Ucraina.

Ma nel futile breve termine, ciò per cui è progettato è, ancora una volta, distrarre dall’imbarazzo pubblico dell’UE e della NATO che stanno supervisionando una totale debacle in Ucraina. Miliardi di dollari ed euro sottratti a cittadini europei e americani per alimentare un regime nazista non hanno ottenuto nulla militarmente se non per prolungare la guerra in Ucraina e intensificare il pericolo di uno scontro totale con la Russia. Una guerra che con ogni probabilità porterebbe a una catastrofe nucleare per il pianeta.

Le istituzioni politiche americane ed europee hanno perso ogni autorità morale per governare. In un momento di crollo storico nelle economie capitaliste occidentali, hanno deciso di rendere le difficoltà e la miseria ancora più acute per le loro società provocando crisi energetiche e inflazionistiche globali. La loro folle irresponsabilità è guidata dagli interessi ideologici occidentali, inchinandosi all’élite transatlantica e al complesso militare-industriale, nonché da una mentalità inveterata di russofobia. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov  ha sottolineato  questa settimana che il clima e le dinamiche attuali dell’UE e della NATO stanno formando un blocco di guerra contro la Russia, che ha un’eco vile di come la Germania nazista e i fascisti europei si sono armati contro l’Unione Sovietica negli anni ’30 .

La classe dirigente occidentale moralmente in bancarotta ha sempre ritenuto che la guerra fosse un’opportuna via di fuga dalle calamità interne. Le loro bugie e il loro malgoverno possono essere coperti con il sangue di milioni di persone, quindi è calcolato in modo atroce. Lo fecero durante la prima e la seconda guerra mondiale. Sono disposti a farlo di nuovo con una terza guerra mondiale.

È davvero scioccante che l’asse della NATO e dell’UE si muova settimana dopo settimana verso una guerra aperta contro la Russia. Lo scenario è già passato da una guerra per procura a una diretta.

La provocazione del blocco di Kaliningrad è un attacco diretto al territorio della Federazione Russa.

Allo stesso modo, lo scandaloso flirt con l’Ucraina per l’adesione all’UE e la  consegna  di sistemi missilistici al regime di Kiev da parte di Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna e altri, sono tutte manovre folli per eludere la responsabilità e la condanna per il proprio fallimento intrinseco.

È estremamente degno di nota il fatto che questa settimana abbia visto massicce  proteste  per le strade di Bruxelles in cui la rabbia pubblica era esplicitamente diretta al deterioramento delle condizioni economiche dei cittadini in concerto con le denunce di guerrafondaia della NATO in Ucraina contro la Russia.

Il gatto è fuori dal sacco. Le politiche bellicose dei mal governanti occidentali vengono collegate e comprese dalla popolazione generale. Le elite effimere sanno di essere smascherate. L’imperatore è nudo. E il pubblico occidentale si sta arrabbiando con milioni di lavoratori che scioperano e chiedono i loro diritti da un’istituzione insensibile.

In un ampio  discorso la  scorsa settimana al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che i malgovernanti occidentali stanno affrontando una crescente rivolta populista e l’eventuale caduta a causa della loro stessa incompetenza e cattiva gestione.

Tali rivolte democratiche in Occidente non possono arrivare abbastanza presto perché il grave pericolo è che la sua élite corrotta si precipiti a provocare la guerra come diversivo. Di nuovo.

Clicca Qui
Previous articlePapa o non papa? Andrea Cionci risponde
Next articleGURULYOV: “Londra sarà la prima città bombardata se scoppierà una guerra mondiale”